@trentaminuti > Costume e società > Docenti Diritti Umani > 11 giugno 1944, l’eccidio di Onna – CNDDU: l’importanza del ricordo

11 giugno 1944, l’eccidio di Onna – CNDDU: l’importanza del ricordo

eccidio di Onna

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani intende ricordare con profonda commozione e turbamento le diciassette vittime dell’eccidio nazifascista di Onna avvenuto nel periodo dal 2 all’11 giugno del 1944, in cui perirono trucidati giovanissimi appena adolescenti incolpevoli già solo per l’età (Pezzopane Pio, n. Onna 15.08.1927; Pezzopane Igino, n. Onna 10.01. 1928 (chierichetto); Papola Cristina, n.27.01.1927; Ciocca Luigino, n.03.02.1929 (chierichetto)).

Riteniamo che gli orrori della Seconda guerra mondiale non possano essere dimenticati (come ogni altra forma di violenza bestiale perpetrata nei confronti di soggetti inermi) e che invece la memoria storica vada alimentata. L’ignoranza (essere inconsapevoli) dei fatti storici, di ciò che è accaduto ai nostri padri e ai nostri nonni, non è un merito in funzione di un’improbabile coesistenza pacifica accomunati dall’oblio “papaverino”. E’ proprio l’ignoranza che non potrà mai suggellare la pace.

Potrebbe interessarti: 20 giugno 1944, Cleonice Tomassetti muore fucilata – riflettere sulle figure storiche – CNDDU

Il ricordo storico è fondamentale per contribuire alla crescita di una società più solidale, equa, democratica e “civica”.

prof. Romano Pesavento
presidente CNDDU

Trentaminuti offre ai propri lettori un servizio informativo gratuito. In ogni caso, mantenere e lavorare sul sito ha dei costi che con la pubblicita' non si riesce a coprire. Per questo motivo Trentaminuti ti chiede un sostegno minino come aiuto al mantenimento del sito. Fai una donazione traminte paypal grazie.