@trentaminuti > Costume e società > Docenti Diritti Umani > 24 marzo: Giornata Internazionale per il Diritto alla Verità – proposta didattica nelle scuole

24 marzo: Giornata Internazionale per il Diritto alla Verità – proposta didattica nelle scuole

Il prossimo 24 marzo si celebrerà la Giornata Internazionale per il Diritto alla Verità e alle gravi violazioni dei Diritti Umani; tale ricorrenza è stata istituita dall’Assemblea Generale dell’Onu il 21 dicembre del 2010 e cade nel giorno dell’assassinio dell’arcivescovo di San Salvador Oscar Arnulfo Romero, ucciso il 24 marzo del 1980 a causa del suo impegno contro le violazioni dei Diritti Umani delle persone più indifese del Salvador.

Romero si era impegnato molto nel dar eco anche all’estero alle continue violenze e soprusi subiti dalla parte più indifesa del popolo salvadoregno. Nelle sue omelie e tramite la radio della diocesi, invitava i soldati a disobbedire agli ordini di sparare sui civili innocenti.

Il suo impegno e la sua radicalità evangelica, che metteva in discussione l’idea di una chiesa legata alle classi dominanti, lo espose alle minacce del governo e spinse anche le gerarchie cattoliche del piccolo Paese dell’America centrale a prendere le distanze dall’arcivescovo ribelle, il quale voleva mettere davanti agli occhi del mondo una verità che andava sottaciuta.

Dare verità e giustizia a tutti coloro che hanno visto violati i loro diritti

Preso di mira dalle forze filo-governative, i cosiddetti “squadroni della morte”, fu assassinato da un cecchino mentre stava celebrando la messa. Nel 2018 per volontà di papa Francesco è stato portato a compimento il processo di canonizzazione dell’arcivescovo Romero. Il Coordinamento Nazionale dei docenti della Disciplina dei Diritti Umani vuole sottoporre all’attenzione delle giovani generazioni una ricorrenza nata per dare verità e giustizia a tutti coloro che hanno visto violati i loro diritti.

Potrebbe interessarti: 20 febbraio, Giornata mondiale della giustizia sociale: colmare le disuguaglianze

Coordinamento Docenti Diritti Umani: creare digital flashmob per la legalità

In questo momento così particolare per il nostro Paese il CNDDU intende proporre ai docenti azioni di Formazione a Distanza, volte a riscoprire personaggi che si sono contraddistinti nella salvaguardia dei diritti, o ancora oggi stiano intervenendo in contesti difficili nel mondo, attraverso la creazione di un digital flashmob #(nome della vittima)perlalegalità.

Il proposito è quello di assegnare agli studenti la preparazione di video, presentazioni, lezioni, dibatti, ecc., su personaggi che si sono impegnati nella lotta a favore dei diritti umani, affinché di loro rimanga la testimonianza attiva dell’eroismo civile. Le azioni devono essere inserite all’interno dello sviluppo di conoscenze e competenze in linea con il PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale) sia per favorire l’apprendimento di contenuti che per agevolare l’acquisizione di competenze digitali da parte degli studenti.

Possiamo ricordare a titolo esemplificativo alcuni strumenti da utilizzare: la Suite di Google, Weschool (Tim), Adobe Sparke, Edmondo, e altri software di questo tipo. Inoltre grazie alla mobilitazione sociale delle ultime ore, è possibile avere un’ampia scelta di risorse digitali messe a disposizione da varie aziende riunite dal Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione e dall’Agenzia per l’Italia Digitale in una pagina web denominata “solidarietà digitale”.

Concludiamo rivolgendo un pensiero particolare in quanto vittime innocenti dei Diritti Umani a Silvia Romano e a Patrick George Zakysia; la prima, ricordiamo, una ragazza milanese che il 20 novembre 2018 è stata sequestrata in un villaggio a 80 km da Malidi dove era impegnata in un’attività umanitaria ed è stata fatta ostaggio da una banda locale proprio per il suo impegno a sostegno dei giovani in difficoltà che svolgeva presso una onlus; il giovane egiziano, invece, è lo studente dell’Università di Bologna arrestato lo scorso febbraio mentre tornava in Egitto dai familiari, in occasione di una pausa didattica, con l’accusa di aver tentato di rovesciare il regime egiziano. Per entrambi auspichiamo una liberazione imminente.