@trentaminuti > Storia > I serial killer famosi della storia > Al tourbini, il serial killer egiziano: al secolo Ramadan Abdel Mansour

Al tourbini, il serial killer egiziano: al secolo Ramadan Abdel Mansour

Soprannominato al tourbini (treno espresso) perché alcune delle sue vittime furono gettate dal tetto di convogli ferroviari in corsa

al tourbini il serial killer egiziano

Ramadan Abdel Mansour, il serial killer egiziano, torturava brutalmente le sue vittime solo per il gusto di vederle soffrire. Una mente malata di crudeltà, torturava i suoi bersagli prima di ucciderli nel peggior modo possibile. Confessò di avere commesso i delitti perché posseduto da un uno spirito maligno di sesso femminile. Nella sua breve carriera ha ucciso almeno 32 bambini

Ramadan Abdel Mansour, il serial killer egiziano nasce nel 1980 a Tanta, in Egitto. Da bambino racconta di aver subito violenza sessuale per poi essere derubato da un bullo, che in seguito lo gettò dal tettuccio di un treno: perse l’uso di una mano e si lesionò gravemente un occhio.

Fu soprannominato al tourbini – treno espresso – perché la sessa sorte la subirono alcuni dei bambini che uccise. Per il suo sadismo entra nell’elenco dei serial killer più famosi della storia.

Al tourbini, il serial killer egiziano: le prime vittime

Ben presto si trasforma da vittima a carnefice. Ha appena 19 anni quando, più robusto di un tempo, diviene consapevole della propria forza. Approfitta della sua prestanza per dominare la fragilità dei bambini. Le sue vittime designate hanno tra i 10 e 14 anni, sono minute, deboli e non hanno alcuna speranza di sfuggirgli.

Per Ramadan Abdel Mansour non è un problema trovare i bambini: il Cairo e Alessandria d’Egitto sono colme di ragazzini senza famiglia, senza una guida. Lui prende con la forza, schiaffi, pugni e calci non sono mai abbastanza; poi li violenta, ma le prime due fasi possono considerarsi la parte più dolce del racconto.

al toubini

L’omicida seriale egiziano non si ferma, non si accontenta. Alcuni dei 32 bambini che hanno subito le sue violenze finiscono sotto terra, sepolti vivi; altri vengono gettati nel Nilo e altri ancora si ritrovano sul tetto di un treno e presto vedranno la terra comprimere il loro volto. Forse qualcuno perderà l’uso di un arto, qualcun altro finirà con un occhio lesionato, proprio come accadde a Ramadan Abdel Mansour.

Ramadan Abdel Mansour, il serial killer egiziano: la condanna

La sua storia si avvia verso il finale, perché nel 2006 viene arrestato e condannato alla pena capitale. Al-Tourbini (il treno espresso, così soprannominato) viene giustiziato l’anno seguente e la sua figura diviene così popolare tanto da battezzare un panino, l’al-Tourbini sandwich .

Fonte di ispirazione: lanonaporta.net