@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Anno 1687: i veneziani del Morosini danneggiano il Partenone di Atene

Anno 1687: i veneziani del Morosini danneggiano il Partenone di Atene

Anno 1687: i veneziani del Morosini danneggiano il Partenone di Atene
Veduta a stampa del Partenone che esplode

Fino a quasi alla fine del XVII secolo il simbolo ellenico per eccellenza, il Partenone di Atene, era giunto in ottime condizioni, nonostante fosse stato costruito nel 447 A.C.. La storia, però, è talvolta crudele e non risparmia scelleratezze. Infatti, nell’anno 1687 i veneziani, guidati dal Morosini, danneggiarono il Partenone di Atene in modo irrimediabile.

Bastò un singolo colpo di cannone, ordinato dall’ammiraglio Francesco Morosini, a cambiare la fisionomia del monumento. In quel momento, purtroppo, era utilizzato come polveriera. Per questo motivo era diventato un’importante obiettivo bellico, all’interno del conflitto tra Ottomani e Cristiani.

Il boato dell’esplosione del Partenone fu tremendo, udito a chilometri di distanza. Se non fosse stato solidamente edificato, sia nei materiali che nella struttura, nell’anno 1687 i veneziani del Morosini, con quel colpo singolo bombardamento avrebbero fatto danni maggiori. Ed oggi chi visita il Partenone di Atene vedrebbe solo le macerie di uno tra i più mirabili monumenti della Grecia Antica.

All’epoca dei fatti, per quell’impresa, all’ammiraglio Morosini furono attribuiti gloria e onori. Salì di carriera come crebbe la sua abilità militare. In definitiva, lo scempio del Partenone gli valse un’incredibile ascesa, tant’è che ancora oggi è celebrato come abile militare. Forse gli amanti dell’arte e della cultura hanno qualche riserva sul personaggio, visto che nel settembre del 1687 bombardò, danneggiando fatalmente, il Partenone di Atene.

Indice

Il bombardamento del Partenone del 1687: uno scempio artistico e culturale

Gli Ateniesi del XVII secolo il loro “big-bang” lo videro ed udirono il 26 settembre del 1687, quando una terribile esplosione squassò la sommità dell’Acropoli riducendo il Partenone, fino ad allora intatto, in condizioni rovinose.

Causa di questo terribile scempio artistico e culturale fu una bomba incendiaria sparata con millimetrica precisione dal cannone piazzato in cima alla vicina collina di Filopappo su ordine del conte svedese Otto von Koenigsmark.

Chi era Francesco Morosini

Costui era un ufficiale del corpo multinazionale messo insieme dalla Serenissima Repubblica ed agiva come luogotenente di Francesco Morosini, famoso “Comandante da Mar” (cioè Ammiraglio) della flotta veneziana, che si era guadagnato fama e galloni nei decenni precedenti, in particolare guidando per circa vent’anni la strenua resistenza opposta da un manipolo di difensori alle preponderanti forze assedianti turche sull’isola di Creta, prima che gli stessi si arrendessero con l’onore delle armi, con ciò avendo salve vita e beni.

Il Partenone di Atene, usato come polveriera, viene distrutto

Simbolo della Grecia classica, il Partenone era stato utilizzato, nei secoli precedenti, prima come cattedrale cristiana e poi come moschea, e ciò a partire dal 1456, anno d’inizio della dominazione ottomana.

Anno 1687: i veneziani del Morosini danneggiano il Partenone di Atene
Ritratto equestre di Francesco Morosini

Ora però che i veneziani (desiderosi di prendersi una clamorosa rivincita sui turchi usciti fortemente indeboliti dalla terribile disfatta subita davanti alle mura di Vienna quattro anni prima) avevano cinto d’assedio la città, gli ottomani avevano deciso di trasformare quell’antico tempio in una munitissima polveriera, obbiettivo militare che il Morosini non esitò a far prendere di mira dai suoi artiglieri, in un periodo in cui i capolavori della classicità servivano solitamente come cave di marmo.

Così, quando quel disgraziato colpo lo centrò in pieno, scoperchiandolo, del più grande retaggio architettonico della civiltà ellenica rimasero solo i resti che le guide locali mostrano oggi ai turisti, non senza lasciarsi sfuggire la più ferma condanna dei responsabili di quel disastro.

L’ammiraglio Morosini: il Peloponnesiaco per lo scempio del Partenone

Per dire però come possano essere mutevoli i giudizi sulle persone, a seconda dei tempi e delle circostanze, il Senato veneziano, evidentemente entusiasta delle imprese belliche che gli avrebbero guadagnato l’elezione a doge l’anno successivo, con una decisione senza precedenti fece erigere dentro a Palazzo Ducale un busto in onore del Morosini , sebbene quest’ultimo fosse ancora in vita (“adhuc viventi”), tributandogli altresì l’altisonante titolo onorifico di “Peloponnesiaco”, per aver in soli due anni di campagna militare recuperato alla Serenissima tutta la costa greca a partire dall’isola di Corfù sino ad Atene, con inclusione dell’intero Peloponneso.

I magnifici leoni lapidei che ancora oggi ammiriamo all’entrata dell’Arsenale veneziano, e che all’epoca si trovavano di guardia al porto del Pireo, rappresentano una parte del bottino di guerra di quell’impresa ormai lontana nel tempo.

Certamente, l’eccezionale abilità del Morosini in campo bellico e marinaro riposava sulla tradizionale superiorità della marina veneziana che, almeno sino al termine del XVII secolo, non ebbe uguali in Europa, in primis per l’artiglieria navale che era risultata risolutiva in tante battaglie, a partire da quella di Lepanto.

Anno 1687: i veneziani del Morosini danneggiano il Partenone di Atene

Il Morosini e l’evoluzione della marineria militare

Se però fino ad allora l’uso della flotta si era limitato al trasporto delle truppe di terra, sbarcate in luoghi appartati rispetto al teatro delle operazioni e poi lasciate a combattere i nemici in totale autonomia tattica e strategica, la rivoluzionaria innovazione ideata e messa in pratica per primo proprio dal Morosini consistette nell’impiego di forze che oggi definiremmo anfibie.

Sulle sue navi militari, infatti, imbarcò reparti speciali che non erano né esclusivamente di terra, né soltanto di mare, ma piuttosto addestrati allo sbarco con attività coordinate ed accessorie rispetto a quelle della marina. In altre parole, i primi “marines” della storia, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non furono quelli appartenenti allo speciale corpo istituito dal Congresso Americano qualche anno prima della Dichiarazione d’Indipendenza del 1776, bensì le forze anfibie del Morosini, che anche grazie ai loro successi si conquistò una fama imperitura, tanto da meritarsi l’intitolazione della prestigiosa Scuola Navale Militare ancora oggi attiva sull’Isola di Sant’Elena, a Venezia.

Dello stesso autore: Luigi XIII di Francia, detto il Giusto: da melanconico bambino a Sovrano illuminato