@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Artemisia Gentileschi: breve biografia di una pioniera della pittura

Artemisia Gentileschi: breve biografia di una pioniera della pittura

Artemisia Gentileschi
Artemisia Gentileschi

Fra le numerosissime raffigurazioni della “Adorazione dei Magi” realizzate dai più grandi pittori, nel giorno dell’Epifania è bello ricordare in particolare quella attualmente ospitata dal Museo Diocesano di Milano, nell’ambito di una mostra speciale allestita ad hoc. Fu realizzata fra il 1636 ed il 1637 per la Cattedrale di Pozzuoli (suo luogo di provenienza) come ex-voto, dopo che la città fu miracolosamente risparmiata dalla disastrosa eruzione del Vesuvio del 1631, dalla pittrice Artemisia Gentileschi.

Nata a Roma nel 1593 da Orazio, noto pittore pure lui, Artemisia ebbe una vita avventurosa e drammatica, che ne fece al tempo stesso una pioniera sotto il profilo artistico ed un’eroina dell’emancipazione femminile ante litteram.

Se infatti ancora nel 1649, quando ormai si era già creata una solida fama d’artista, scriveva a don Antonio Ruffo, suo committente napoletano: “Il nome di donna fa stare in dubbio finché non si è vista l’opera, ma farò vedere a Vostra Signoria che cosa sa fare una donna”, si capisce come e quanto Artemisia dovette combattere contro pregiudizi e stereotipi, in tempi in cui alle donne la vita solitamente riservava due strade soltanto, sempre tracciate per loro dal capo-famiglia: o prendere marito e chiudersi in casa ad occuparsi dei figli e delle faccende domestiche, o chiudersi in convento a sgranare rosari.

Dello stesso autore potrebbe interessarti: Amedeo VIII di Savoia: breve biografia di un Duca che divenne Papa

Ma Artemisia era troppo intelligente e cocciuta per rassegnarsi ad accettare un destino che non le confaceva. Nella bottega del padre aveva fin da bambina dato prova di possedere uno spiccato talento artistico, di gran lunga superiore a quello dei sei fratelli maschi che cercavano invano di seguirne le orme, che le permise di realizzare a soli 17 anni il suo primo capolavoro, la “Susanna ed i vecchioni”, ispirato al realismo caravaggesco che sarebbe poi sempre stato una costante dei suoi quadri.

Dello stesso autore potrebbe interessarti: Camille Claudel: biografia di una scultrice dimenticata

Proprio nella bottega paterna avvenne però il “fattaccio” che l’avrebbe segnata per la vita, quando a 18 anni fu stuprata dal pittore Agostino Tassi, suo maestro di prospettiva.

Sebbene consigliata da più parti di accettare un matrimonio riparatore o quanto meno di tacitare l’accaduto, Artemisia, in ciò precorrendo di circa 350 anni un’altra donna simbolo dell’emancipazione femminile italiana, la siciliana Franca Viola, denunziò per violenza carnale il suo assalitore, dando così inizio ad un processo surreale che per assurdo avrebbe visto proprio lei salire sul banco degli imputati perché, in quanto donna giovane e bella, avrebbe agito da “Eva tentatrice”.

Sottoposta alla terribile tortura della “Sibilla”, consistente nello stiramento delle dita delle mani con corde strette tanto da farle rischiare di perdere l’uso delle mani e conseguentemente obbligarla ad abbandonare il lavoro, ebbe comunque la forza di non cedere, ma di confermare anche fra i tormenti la sua iniziale versione dei fatti, così facendo condannare il Tassi ad una pena detentiva però di soli otto mesi.

A lei, uscita da quell’umiliante processo col marchio infamante di “puttana bugiarda”, non restò invece che cambiare aria e persino cognome, per rifarsi dal 1612 una vita a Firenze, accanto ad un altro pittore che aveva accettato di sposare senza alcun trasporto sentimentale e solo per far chetare le acque.

Alla corte dei Medici Artemisia poté liberamente esprimere la sua arte, tanto da guadagnarsi il privilegio unico per una donna di essere ammessa alla prestigiosa “Accademia del Disegno” fondata nel 1563 dal Granduca Cosimo I. In questo periodo dipinse soggetti femminili straordinari fra cui spicca il famoso “Giuditta decapita Oloferne”, opera auto-biografica dalla quale traspare tutto il suo rancore nei confronti dell’energumeno che le aveva rovinato la giovinezza.

Un’Artemisia dunque arrabbiata e ferita nei sentimenti si sarebbe di lì in avanti concentrata non sui soliti temi della “peinture des femmes” (nature morte, animali, paesaggi…), bensì su argomenti forti, in un certo senso “da uomini”, quali eroi ed eroine tragiche, scene mitologiche o impianti monumentali. Videro così la luce in rapida serie: “Minerva”, “Autoritratto come martire”, Cleopatra”, “Maddalena penitente”, “La conversione della Maddalena”, “Lucrezia” e molti altri capolavori oggi sparsi nei più importanti musei del mondo.

Liberatasi infine anche del peso di un marito mai amato e forse appena sopportato, a partire dal 1621 Artemisia Gentileschi, tornata a chiamarsi col suo cognome, iniziò a girare le più importanti corti italiane e financo europee in cerca di commissioni lavorative, sostando così a Genova, Roma, Venezia, Napoli, Londra ed infine ancora a Napoli, dove morì nel 1653.

Gentileschi adorazione dei magi a Gesù
Artemisia Gentileschi: Bambino Gesù all’adorazione dei Magi

La delicatissima Madonna che offre il Bambino Gesù all’adorazione dei Magi raffigurata nel capolavoro che forma l’oggetto di questa storia fu la prima che l’artista riuscì a dipingere 25 anni dopo lo stupro di cui restò vittima. I capelli ramati di Maria e la gioia radiosa del suo volto sono gli stessi di un’Artemisia che, dopo tanti affanni, ha infine trovato un po’ di meritata tranquillità, in un quadro dove la rabbia ha lasciato spazio alla felicità, l’odio al perdono o quanto meno all’oblio, la sofferenza alla pace.

L”Epifania” (termine greco che significa “manifestazione”) che vi è raffigurata non è dunque solo quella di Nostro Signore, ma anche quella personale dell’artista che, come soltanto lei poteva fare, ci “manifesta” la sua ritrovata serenità.