@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > L’assedio di Vienna del 1683 da parte degli Ottomani

L’assedio di Vienna del 1683 da parte degli Ottomani

Una battaglia storica tra Turchi e Viennesi che vide l’iintervento delle truppe cristiane per sbaragliare le mire espansionistiche degli OttomaniL’assedio di Vienna del 1863 da parte degli Ottomani

Vienna: città ambita dagli Ottomani, soprattutto per la sua posizione Geografica. Volevano conquistarla per creare un punto di partenza utile alle loro mire espansionistiche verso altri territori europei.

Nasce da questo presupposto l’assedio di Vienna del 1683 da parte degli Ottomani. Il Gran Visir Kara Moustafà, pensando che fosse cosa facile, organizzò un esercito e mosse contro le mura Viennesi.

Le cose non andarono esattamente secondo i suoi piani, e la battaglia di Vienna del 1683 che vide contrapposti Austriaci e  Ottomani, si rivelò per questi ultimi, una trappola mortale. Tanto fu che lo stesso Gran Visir Kara Moustafà vi perse la vita.

Dello stesso autore potrebbe interessarti: La scomparsa di Papa Clemente XIV: cause naturali o arsenico?

Indice:

L’assedio di Vienna del 1683: le premesse storiche

La “mela d’oro” per gli Ottomani del XVII secolo non era il frutto del leggendario Giardino delle Esperidi bensì la città di Vienna, il sogno proibito che rappresentava la porta d’Europa e la chiave d’accesso all’altra “mela”, quella rossa, costituita da Roma.

Nel 1683 la Sublime Porta dominava già su quasi tutti i Balcani, mentre l’Impero Asburgico non godeva di buona salute, governato com’era da Leopoldo I, un ometto brutto, piccolo, magro, coi denti guasti ed il mento prognato, debole nel fisico e un po’ tardo di riflessi, frutto malaticcio di una lunga serie di matrimoni endogamici.

Col Sultano Mehmed IV si preoccupava di mantenere buoni rapporti, pagandogli umilianti tributi. Non sapeva però, o forse faceva finta di non sapere, che il “re Cristianissimo” Luigi XIV operava contro di lui, premendo nei confronti del Sultano con doni e blandizie affinché questi sferrasse un colpo mortale nei confronti dell’Austria, sua nemica da sempre.

Con l’avvento al potere del nuovo Gran Visir Kara Moustafà, uomo crudele, astuto ed avidissimo, il Re Sole ebbe gioco facile tanto più che il Sultano gli aveva attribuito un potere praticamente assoluto.

L’assedio di Vienna del 1863 da parte degli Ottomani
Il Gran Visir Kara Moustafà

Desideroso di accrescere la sua già ingente fortuna con le ricchezze di Vienna, il Gran Visir si vide offrire su un piatto d’argento il casus belli per muove guerra all’Impero Asburgico sotto forma della richiesta d’aiuto pervenutagli dai ribelli ungheresi guidati da Imre Tokely, un gruppo di protestanti insofferenti al dominio del cattolicissimo Leopoldo.

L’esercito Ottomano muove verso Vienna

Così, il 31 marzo del 1683 una colonna sterminata di uomini e mezzi, comprendente circa centomila soldati, sessantamila giannizzeri ed altrettanti “spahi” (cavalieri) oltre al personale di servizio, mosse da Costantinopoli alla volta di Vienna, dietro alla carrozza dorata del Gran Visir.

La terribile notizia si diffuse a macchia d’olio in tutto l’Occidente dove ad allarmarsi più di tutti, oltre a Vienna, ci fu Roma, città in cui Papa Innocenzo XI, uomo di grande fede e rigore morale, si mise subito all’opera per invitare i riluttanti sovrani cattolici a fare fronte comune contro la minaccia incombente, così come circa cent’anni prima si era fatto a Lepanto.

Come suo emissario scelse il frate cappuccino Marco d’Aviano, un predicatore irresistibile e carismatico diventato il confessore personale dell’Imperatore Leopoldo I, che sarebbe riuscito nel non facile compito di infondere negli animi dei suoi ascoltatori il coraggio necessario per resistere ed affrontare una situazione apparentemente disperata.

Dello stesso autore: Solimano I detto il Magnifico per lo splendore della sua corte

La fuga dell’Imperatore d’Austria: l’inizio dell’assedio di Vienna

Tuttavia, l’avvicinarsi del nemico ed gli spaventosi racconti dei fuggiaschi in breve tempo generarono un panico diffuso e tutti quanti ne avevano la possibilità fuggirono dalla capitale imperiale, Imperatore compreso, che il 7 luglio di quell’anno scappò a gambe levate, per lo sdegno dei Viennesi costretti a rimanere.

Appena una settimana più tardi il più grande esercito mai visto in Europa si accampò attorno alla città sotto un’immensa tendopoli, ma per arrivare prima il Gran Visir aveva commesso un errore imperdonabile: quello di abbandonare per strada i pezzi di artiglieria pesante, che ritardavano la marcia dei suoi soldati.

Troppo sicuro di sé, commise un altro errore che gli sarebbe risultato fatale, quello cioè di fortificare il suo accampamento solo in direzione della città e non anche verso l’esterno, per difendersi alle spalle, pensando di poter espugnare la città in pochi giorni.

Viennesi contro Ottomani: una guerra di logoramento

I numerosi ultimatum inviati alla popolazione viennese con la richiesta di resa immediata, pena il passaggio per le armi “dal più piccolo al più grande” caddero però nel vuoto anche per il coraggio del generale von Starhenberg, che sovrintendeva alla difesa della città.

L’assedio di Vienna del 1863 da parte degli Ottomani
L’assedio di Vienna del 1683

Iniziò così una battaglia di logoramento, fatta di rapide incursioni, cannoneggiamenti mai incisivi, scavi di gallerie e minacce psicologiche da entrambe le parti, per lo sfinimento reciproco accelerato dalla persistente calura estiva, che costrinse tutti a fare i conti con epidemie e carenza di viveri ed acqua.

Se in città poco a poco sparirono tutti i cani, i gatti e persino i topi, nell’accampamento turco la situazione non era migliore perché nelle campagne attorno a loro era stata fatta terra bruciata. Il passare del tempo però alla lunga favorì gli assediati a scapito degli assedianti, permettendo l’organizzazione dei soccorsi in favore dei primi.

I soccorsi in arrivo verso Vienna

Spagna, Portogallo, Venezia, Firenze, Genova e lo Stato Pontificio inviarono cospicui rinforzi, ma il principale alleato conquistato alla causa della liberazione di Vienna fu il Re di Polonia Giovanni Sobiesky, uomo geniale e coraggioso che, insieme al figlio sedicenne Jakub, non esitò a mettersi alla testa dei suoi mitici “ussari alati” che sarebbero risultati determinanti in quella sfida cruciale.

Dello stesso autore: Anno 1687: i veneziani del Morosini danneggiano il Partenone di Atene

Questi cavalieri erano così chiamati per la presenza sul dorso della corazza di un paio di assicelle di legno ricoperte di candide piume di cigno che durante il galoppo battevano in sincronia, facendo apparire quel battaglione che caricava all’urlo di “Gesummaria” come una valanga di arcangeli vendicatori piovuti dal cielo, che terrorizzavano i nemici alla loro sola vista. Insieme al Duca Carlo I di Lorena, cui Leopoldo aveva affidato il comando delle truppe imperiali, il Re di Polonia, dopo aver servito alla messa celebrata da padre Marco, si preparò per l’assalto finale sferrato all’alba del 12 settembre del 1683.

L’armata cristiana e gli Ussari Alati sbaragliano gli assedianti

L’armata cristiana, composta da circa settantamila uomini provenienti da una ventina di Paesi diversi, si scagliò sul lato non fortificato dell’accampamento turco e, dopo ore d’incertezza riuscì ad avere la meglio grazie a due fattori determinanti: il tradimento dei reparti tartari (alleati dei Turchi che si rifiutarono di combattere) e la carica degli ussari alati, che sbaragliò gli assedianti. La “mela d’oro” era salva e con essa tutto l’Occidente! Il Re di Polonia poté scrivere a Papa Innocenzo un biglietto con le parole: “Venimus, vidimus, Deus vicit”, mentre al Gran Visir non restò che porgere il collo al messo del Sultano, che lo strangolò con una corda d’arco.

Bibliografia: “Il nemico alle porte: quando Vienna fermò l’avanzata ottomana” di Andrew Wheatcrof, ed. Laterza