@trentaminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2020 > Bacche di goji contaminati da fitofarmaci: ancora ritiri dal mercato

Bacche di goji contaminati da fitofarmaci: ancora ritiri dal mercato

Bacche di goji contaminati da fitofarmaci: ancora ritiri da mercato

Non si fermano i richiami alimentari di numerosi lotti di bacche di goji contaminate da fitofarmaci, i cui ritiri dal mercato sono dovuti a eccesso di carbofuran e esaconazolo rinvenuti nei prodotti. Si tratta di due potenti agenti fitosanitari, peraltro proibiti in ambito europeo, molto nocivi alla salute dei consumatori. I richiami sono stati pubblicati sul sito del ministero della salute il 03 aprile 2020 nonostante che i provvedimenti risalgano al 15 marzo 2020.

Anche se la macchina amministrativa nazionale è sotto stress dal dilagare del covid-19, desta perplessità l’arco temporale intercorso tra il l’emissione dei provvedimenti di richiamo e la loro pubblicazione. Ciò può danneggiare i consumatori che potrebbero acquistare i prodotti contaminati non sapendo che gli stessi sono oggetto di ritiro dal mercato. Nei casi di richiamo, la tempistica nell’informazione ai consumatori è importante. Eventuali eccessivi ritardi di diffusione degli avvisi inficia la funzionalità de i richiami stessi.

Peraltro, in poco tempo, sono diversi i provvedimenti riguardanti bacche di goji contaminate da carbofuran e esaconazolo. Ciò indica che le autorità sanitarie nazionali non riescono a contenere quella che deve essere stata una maxi importazione di bacche di goji provenienti dalla Cina, come peraltro indica la notifica 2020.1075 del RASFF. L’agenzia europea indica anche la Germania come destinataria delle bacche di goji richiamate.

Bacche di goji ritirate dal commercio: i dettagli

Le bacche di goji ritirate dal mercato per eccesso di carbofuran e esaconazolo sono le seguenti:

Richiamo del 15 marzo 2020 (pubblicato il 03/04/2020) – Bacche di goji marchio Donna Isabella con i seguenti numero di lotto: L917134065, L919054403, L919655459, L920653169, L922037282, L9239399 82, L923940062, L932639824, L933032143, L935539073 e L004131015. Sono vendute in confezioni da  50 g, 500 g, 1 kg e 5 kg.. Nei dispositivi di richiamo non viene indicata la data di scadenza o il termine minimo di conservazione dei prodotti richiamati.

Richiamo del 15 marzo 2020 (pubblicato il 03/04/2020) – Mix antiossidante marchio Donna Isabella nei lotti numero  L916558918, L916558977, L918132793, L918233173, L918232942, L919239439, L919836081, L920361524, L920360538, L922431989, L922431932, L932942259, L933062407, L000242813, L002733842 e L002733771. Il prodotto si presenta in confezioni da 100 grammi e 5 kilogrammi e, anche in questo caso, la nota ministeriale non indica la scadenza.

Le bacche di goji ritirate sono confezionati dall’azienda  Fruttattiva Srl di Conversano (BA). Entrambi i provvedimenti hanno ricevuto, dal ministero della salute, la classifica di rischio chimico. I consumatori che avessero acquistato i lotti indicati di bacche di goji sono invitati a non consumarli e a restituirli presso il punto di acquisto. Carbofuran e esaconazolo sono potenti fitofarmaci estremamente nocivi alla salute pertanto l’attenzione deve essere massima.

I precedenti provvedimenti sono i seguenti: