@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Carlo e Carlomanno: la storia degli eredi al trono dei Franchi

Carlo e Carlomanno: la storia degli eredi al trono dei Franchi

Carlo e Carlomanno: la storia degli eredi al trono dei Franchi

Carlo e Carlomanno, fin dalla loro nascita erano, di fatto, predestinati ad essere gli eredi al trono dei Franchi. Come tali furono educati ed addestrati a regnare sull’immenso impero che avrebbero avuto in successione.

La storia di Carlo e Carlomanno disegna il mondo di una dinastia che in seguito segnò, per qualche centennio, i destini dell’occidente. Carlo divenni il “Magno” a spese di suo fratello, morto prematuramente e misteriosamente.

Le vicende dei due fratelli, raccontate con dovizia, non possono essere ignorate dagli amanti della storia, consapevoli che Carlo e Carlomanno, gli eredi al trono dei Franchi, hanno segnato il punto di svolta del futuro dell’Europa, e non è poco.

Dello stesso autore potrebbe interessarti: La scomparsa di Papa Clemente XIV: cause naturali o arsenico? oppure Il Cardinale John Henry Newman: breve biografia del Santo inglese

Carlo e Carlomanno: l’incoronazione

In due cerimonie distinte, ma celebrate entrambe in contemporanea il 9 ottobre del 768 rispettivamente presso le Cattedrali di Noyon e Soissons furono incoronati re dei Franchi i fratelli Carlo, venticinquenne, e Carlomanno, appena diciottenne.

Circa due settimane prima, di ritorno dalla vittoriosa campagna militare contro il ribelle Waifer, duca d’Aquitania ucciso a tradimento da alcuni suoi uomini forse incoraggiati dall’oro dei Carolingi, il re di tutti i Franchi Pipino detto “il Breve” era morto a Parigi, provato da tanti anni di fatiche, ma intimamente appagato per essere finalmente riuscito ad estendere i domini della sua Casata dall’Atlantico  fino al Danubio. 

In previsione della sua dipartita, Pipino aveva studiato con cura la successione, predisponendo per tempo le mosse giuste. Spinto dal fermo desiderio di consolidare una dinastia che, partendo da suo padre Carlo Martello (il vincitore degli Arabi nella battaglia di Poitiers del 732) potesse durare nel tempo, Pipino aveva iniziato da anni ad occuparsi del “dopo”.

L’educazione di Carlo e Carlomanno ad essere regnanti

Il tallone d’Achille suo come di tutti i regnanti del tempo era costituito dai figli maschi: doveva infatti consegnare i simboli della regalità ad eredi grandi e forti abbastanza per continuare la stirpe, col rischio concreto però che gli stessi, prima di raggiungere la maggiore età, venissero rapiti o uccisi, o ancora morissero in seguito ad una delle numerose epidemie che con regolare cadenza decimavano le popolazioni in quei tempi lontani.

L’addestramento alla guerra e poco tempo per lo studio

Li affidò dunque ai migliori fra gli istitutori, che insegnarono loro a cavalcare non appena furono in grado di camminare. All’età di sei anni iniziarono l’addestramento marziale vero e proprio, venendo sempre più spesso aggregati alle campagne militari senza alcun trattamento di riguardo legato ai loro natali, così sperimentando tutte le asprezze della vita d’accampamento come pure l’adrenalina e gli orrori delle battaglie all’arma bianca.

Certo, di tempo per lo studio non è che ne restasse molto, anche perché all’epoca i manoscritti venivano considerati un affare per monaci e conseguentemente, agli occhi della potente casta dei guerrieri franchi, i piaceri letterari erano indegni degli uomini d’armi.

Sull’argomento potrebbe interessarti: Carlo Magno incoronato a Roma

Nessuna meraviglia dunque che Carlo sia rimasto un illetterato per tutta la vita, al costo però di dispiacersene profondamente una volta diventato anziano, tanto da dedicare grandi energie alla riforma dell’istruzione ed all’introduzione delle registrazioni scritte di ciò che accadeva e si decideva nell’amministrazione del vastissimo Impero che si era creato.

Per manifestare chiaramente le proprie intenzioni dinastiche Pipino coinvolse i figli nelle cerimonie pubbliche fin da ragazzi. Quando per esempio papa Stefano II attraversò le Alpi sul finire del 753 per chiedergli aiuto contro i Longobardi, fu proprio Carlo ad andargli incontro per conto del padre.

E lo stesso Papa l’estate successiva consacrò Pipino nella Basilica di Saint Denis nel corso di una fastosa cerimonia in cui anche Carlo e Carlomanno furono solennemente votati alla responsabilità di succedere al padre sul trono dei Franchi.

La divisione dei territori

Quando dunque arrivò quel fatidico momento tutto era pronto da tempo. La legge franca, d’altra parte, non prevedeva ancora il maggiorascato, bensì la suddivisione delle proprietà del “de cuius” fra i figli maschi. Conseguentemente tutto fu diviso in due, in particolare le regioni della Neustria, dell’Austrasia e dell’Aquitania, in modo che a Carlomanno toccasse una vasta porzione comprendente le zone centrali ed orientali della Gallia, mentre a Carlo l’area circostante, in una sorta di semicerchio che andava dai Pirenei sino all’Elba.

Tutti felici e contenti dunque? Per niente, perché in realtà nessuno dei due fu soddisfatto di quanto ricevuto. Ad esacerbare i rapporti fra fratelli sopraggiunsero poi una nuova rivolta in Aquitania, sedata dal solo Carlo dopo che Carlomanno si era rifiutato d’aiutarlo adducendo una serie di futili pretesti, e soprattutto la nascita del primogenito dello stesso Carlomanno, chiamato Pipino come il nonno.

Col battesimo di quel bimbetto con un nome così ricco di significati per i Carolingi Carlomanno avanzava, per la collera del fratello, la candidatura del suo ramo familiare alla successione. Mamma Bertrada tentò inutilmente la strada di una pacificazione fra i figli, anche al costo di sobbarcarsi un faticoso viaggio fino a Roma per invocare la mediazione papale.

La strana morte di Carlomanno, il fratello Carlo diviene il “Magno”

Quando ormai sembrava che il ricorso ad una prova di forza fra fratelli fosse prossimo, ecco però che il 4 dicembre del 771, a soli vent’anni d’età, Carlomanno morì in modo tanto repentino ed improvviso da indurre molti a sospettare che dietro a quella dipartita si celasse la mano fratricida di Carlo, intervenuto col veleno di qualche sicario. La verità non la sapremo mai, ma è certo che dopo quell’evento luttuoso Carlo poté facilmente farsi acclamare unico re dei Franchi, con ciò intraprendendo la strada che, di lì a poco, l’avrebbe fatto meritatamente assurgere al titolo di “Magno”.

Bibliorafia: “Carlo Magno” del prof. A. Barbero