@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Cartesio: breve biografia e pensiero di uno dei principali filosofi dell’età moderna

Cartesio: breve biografia e pensiero di uno dei principali filosofi dell’età moderna

Cartesio: breve biografia e pensiero di uno dei principali filosofi dell’età moderna

“La morte spaventa colui che, pur essendo conosciuto da tutti, muore sconosciuto a se stesso”: questo aforisma di Lucio Anneo Seneca fu la stella polare di tutta l’opera di René Descartes, a noi meglio noto come Cartesio, uno dei principali filosofi dell’età moderna.

Nato nel villaggio francese di La Haye il 31 marzo del 1596 e rimasto orfano di madre a nemmeno un anno, in assenza del padre spesso lontano per lavoro fu cresciuto dalla nonna e dalla nutrice, per poi entrare a dieci anni nel collegio gesuitico della Flèche, da dove sarebbe uscito con una laurea in “Utroque iure”.

Uomo dalla mente brillante ed animato da una curiosità a 360°, si arruolò come volontario nell’esercito francese di stanza nei Paesi Bassi, dove incontrò il medico Isaac Beeckam col quale iniziò ad intrattenere un rapporto misto d’amicizia ed interesse culturale destinato a durare nel tempo, dal quale apprese la passione per medicina, fisica e matematica, discipline cui si applicò con dedizione fino ad intuire i principi della geometria analitica.

Gli incubi di Cartesio

Decisivi per il suo futuro di filosofo furono però gli incubi avuti nella notte fra il 10 e l’11 novembre del 1619, quando sognò che un vento fortissimo lo spingeva contro la chiesa del suo vecchio collegio, per poi udire la camera da letto pervasa da un rombo assordante come di tuono e vederla piena di fiammelle. Si ritrovò infine seduto alla scrivania davanti ad un libro aperto su un idillio latino di Ausonio iniziante col verso: “Quod vitae sectabor iter?” (“Quale cammino seguirò nella mia vita?”).

Al risveglio si convinse che quel forte vento rappresentasse il maligno, mentre il tuono fosse lo Spirito della verità che scendeva su di lui per indicargli il cammino da seguire, in risposta alla domanda formulata da Ausonio. Da quel giorno iniziò la sua ricerca che, dopo un lungo girovagare, lo avrebbe portato a stabilirsi nei Paesi Bassi, non solo per il clima a lui gradito, ma soprattutto per la possibilità di lavorare e studiare in completa solitudine ed anonimato, al riparo da fastidiosi e poco graditi visitatori.

Pur ritiratosi, come ebbe a scrivere, “nel deserto più remoto”, non si privò di certe comodità per lui irrinunciabili, quali la possibilità di godere di biblioteche ben fornite, università accoglienti, prodotti d’ogni tipo e qualità sempre assicurati dai traffici marittimi degli Olandesi, un popolo da sempre più intento a lavorare che ad impicciarsi dei fatti altrui.

Potrebbe interessarti: Cristina di Svezia: breve biografia della sovrana che per convertirsi al cattolicesimo rinunziò al trono

Cartesio: le opere del soggiorno in terra fiamminga

Durante il suo lungo soggiorno in terra fiamminga fu eseguito dal pittore Frans Hals il bel ritratto che ci mostra un Cartesio vestito di nero, con lo sguardo severo ed un po’ enigmatico del filosofo di professione. Numerose furono le opere scritte in quegli anni fecondi, a partire dal 1629: la “Meditatione de prima Philosophia”, “le Meteore”, “la Geometria”, i “Principia Philosophiae”, “Le Monde ou Traité de la Lumière” (trattato di filosofia naturale, poi prudentemente accantonato dopo aver saputo della condanna del Galilei da parte dell’Inquisizione).

Discorso sul metodo di Cartesio
Prima edizione del “Discorso sul metodo” pubblicata da Ian Maire nel 1637

Sempre nei Paesi Bassi fu pubblicata la sua opera fondamentale, “Il Discorso sul Metodo”, alla prima riga del quale si legge: “Il buon senso è la cosa meglio ripartita al mondo, perché ciascuno pensa di esserne provvisto tanto bene da non desiderare di averne in più”. Con un’evidente punta d’ironia Cartesio mira subito al nocciolo della questione: del buon senso, consistente nella capacità naturale di distinguere il vero dal falso, non basta essere provvisti, ma bisogna anche saperlo usare.

Il Cogito ergo sum di Cartesio:

La sua indicazione in tal senso è di non accettare niente per vero, se non lo si riconosce come tale: per non scambiare il vero col falso ci si deve lasciare guidare dall’intuizione razionale, evitare precipitazione e pregiudizi, ma soprattutto dare spazio al dubbio. Paradossalmente infatti è proprio il dubbio usato come metodo che ci permette di uscire dall’incertezza, perché vero è soltanto ciò di cui non si può dubitare.

Dal dubbio al famoso “Cogito” il passo è breve: anche se pensassimo infatti che è tutto falso ciò che ci circonda, dovremmo almeno ammettere che noi che pensiamo siamo qualcosa, esistiamo. Ecco dunque che “Cogito ergo sum” (“penso, quindi sono”) e se sono, esisto e posso percepire la mia anima, il mio essere pensante, rendermi conto della mia imperfezione e proiettarmi di conseguenza verso ciò che invece è perfetto, ovvero verso Dio.

In tempi in cui per ignoranza, mancanza di senso critico o pigrizia mentale si tende sempre più a dare credito alle tante e talvolta clamorose “fake news” che abbondano nel mondo virtuale, con ciò delegando ad emeriti sconosciuti o, peggio ancora, ad interessati manipolatori del consenso altrui quella che dovrebbe invece essere la nostra capacità raziocinante, una rilettura del pensiero cartesiano e del suo concetto fondante, il “cogito”, potrebbe certamente tornare utile a tutti.