@trentaminuti > Costume e società > Eutanasia > Come funziona e quanto costa l’eutanasia in svizzera

Come funziona e quanto costa l’eutanasia in svizzera

Come funzione e quanto costa l’eutanasia in svizzera
Eutanasia in Svizzera: come funziona e quanto costa.

Dopo la morte di dj Fabo sono molti a chiedersi come funziona e quanto costa l’eutanasia in svizzera. Tale interrogativo sovviene, per opposti motivi, sia ai favorevoli che ai contrari alla pratica del fine vita assistito.

I detrattori dell’eutanasia, dopo il caso di dj Fabo, si domandano come mai è così semplice togliersi la vita. Chi invece è favorevole alla dolce morte è curioso di capire come funziona e quanto costa l’eutanasia. In realtà il suicidio assistito, in svizzera, non è una pratica così immediata.

Potrebbe interessarti:Olanda: non solo eutanasia! allo studio una legge sul suicidio assistito

Andando per ordine; in italia c’è una legge che punisce con la detenzione da 5 a 12 anni chi spinge una persona ad uccidersi. Il suicidio, quindi, nella cultura italiana è visto come un atto moralmente discutibile e fuori dai principi etici e morali.

La questione diviene più delicata e discussa se il suicidio è invocato da una persona che soffre senza speranza di avere un futuro E’ il caso di dj Fabo il quale, cieco e tetraplegico dal 2014, più volte aveva rivolto appelli alle istituzione per accelerare un intervento di legge che consentisse l’eutanasia anche in italia.

Inascoltato, lo sfortunato giovane, attraverso Marco Cappato, si è rivolto in svizzera per esaudire il suo desiderio di porre fine ad un’esistenza che non aveva più senso per lui.

Come funziona e quanto costa l’eutanasia in svizzera

La svizzera, come altre nazioni, consente l’eutanasia e l’iter che bisogna seguire è lungo e complesso.

Una commissione composta da tre medici esamina attentamente la documentazione del richiedente per decidere se ci sono i requisiti per somministrare la dolce morte, dopodiché arriva l’ok al trasferimento in clinica.

Qui un medico, attraverso dei colloqui, ha il compito di far cambiare idea al candidato al suicidio. Nel caso non riesca a dissuaderlo si procede alla somministrazione dei farmaci che condurranno alla morte.

È lo stesso “paziente” che spingerà il bottone del meccanismo che porrà fine alla sua esistenza e, fino ad un attimo prima che lo faccia, i sanitari elvetici tentano di convincerlo a retrocedere dall’intento.
Tutta la procedura ha il costo di circa 13.000 euro e, in Italia, viene attivata attraverso delle associazioni presenti nel paese.