@trentaminuti > Tecnologia e scienze > Informatica e telefonia > Come localizzare cellulare gratis con Google find my device

Come localizzare cellulare gratis con Google find my device

Come localizzare cellulare gratis con Google find my device

 

Smarrire il proprio smartphone o farselo rubare può essere un evento disastroso. Contiene i contatti, le email, le foto, l’accesso ai social; tutta la vita. Pochi sanno che esiste una funzione che consente di localizzare il dispositivo su una mappa.

Si tratta di Google find my device, precedentemente noto come device manager. E’ il servizio gratuito fornito da Google che consente di localizzare cellulare gratis.

Non è una procedura particolarmente difficile. Seguendo le istruzioni online fornite dal colosso di Mountain View, in pochi istanti, si scoprirà come localizzare cellulare gratis con Google find my device. In definitiva, si tratta di pochi semplici passi che permettono di stare tranquilli in caso di perdita o furto dello smartphone.

Infatti, oltre alla localizzazione del cellulare, Google find my device fornisce la possibilità, tramite web, di bloccare o cancellare completamente i dati contenuti nello smartphone.

La premessa è che il telefonino in questione sia connesso ad internet e che abbia la funzione di localizzazione abilitata. Per assicurarti che sia attiva, nel cellulare android si dovrà andare su impostazioni, poi sull’icona Google e, da lì, verificare che ci siano i segni di spunta accanto alle voci “Localizza questo dispositivo da remoto” e “Consenti blocco e cancellazione da remoto”. Nel caso non fossero attive si dovrà abilitarle.

Leggi anche: Proteggere lo smartphone android da app pericolose con Google Play Protect

In alcuni dispositivi queste funzioni si trovano in percorsi diversi da quelli indicati. In generale, si dovrà abilitare lo smartphone android alla localizzazione GPS, prendendo come riferimento la documentazione dello specifico apparato. Un valido aiuto proviene dalla guida fornita da Google.

A questo punto si potrà localizzare cellulare gratis, oppure bloccarlo o cancellarne i dati, così da essere sicuri, in caso di smarrimento o furto, di poterlo rintracciare o di preservarne i contenuti.

Le funzioni descritte sono disponibili sul sito Google find my device a questo indirizzo internet.

Dopo aver inserito le credenziali Google associate ad ogni dispositivo android, si verrà immediatamente proiettati verso l’interfaccia utente, peraltro molto intuitiva. La prima cosa che salta agli occhi è che il sistema individua marca e tipo di telefonino. In più, fornisce anche il livello di carica della batteria. Inoltre, dopo qualche istante, comparirà nella mappa l’indicazione della posizione del dispositivo.

Come localizzare cellulare gratis con Google find my device
Screenshot del servizio Google find my device

 

Google find my device, come si nota in figura, fornisce inoltre tre possibilità:

  1. Riproduci audio: se selezionata, il telefono squillerà per cinque minuti, anche se è settato in modalità silenziosa, in modo da attirare l’attenzione così da ritrovarlo:
  2. Blocca: con questa opzione, il dispositivo viene bloccato e richiede il PIN preimpostato, oppure la sequenza o la password. Se non si ha un blocco, impostane uno. Si può aggiungere un messaggio per il ripristino o un numero di telefono alla schermata di blocco.
  3. Cancella: attenzione a questa opzione. Se viene selezionato cancella tutti i dati nello smartphone android. Quindi, non potrà più essere localizzato. Questa possibilità fornita da Google find my device, pertanto, è da utilizzare solo se si ha la certezza di non poter più recuperare il cellulare.

Su playstore è disponibile anche la versione app di Google find my device, così come si possono trovare altre applicazione che fanno lo stesso lavoro.

Naturalmente, la tentazione di utilizzare quanto descritto per usi impropri, come seguire i movimenti di un individuo, può venire. E’ opportuno ricordare che, per motivi di Privacy, per monitorare una persona e i suoi spostamenti si deve avere il consenso della stessa. Attenzione quindi a come si utilizzano le possibilità concesse da Google find my device.