@trentaminuti > Costume e società > Varie costume e società > Concorso libera la parola sulla libertà di espressione

Concorso libera la parola sulla libertà di espressione

Libera la parola: concorso sulla libertà di espressione

I giornalisti di domani debbono iniziare oggi a dimostrare il loro talento. Questo è l’obiettivo del concorso libera la parola indetto dalla Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi), in collaborazione con il Miur e il Festival dei Diritti umani.

Ispirandosi proprio alla libertà di espressione garantita dall’articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il concorso libera la parola si rivolge a tutti gli studenti delle scuole superiori italiane di secondo grado. Dovranno sperimentarsi preparando un articolo giornalistico per la televisione, la radio o la carta stampata.

Potrebbe interessarti: 3 dicembre: Giornata internazionale delle persone con disabilità, iniziative per la scuola

L’articolo 19 della Dichiarazione Universale dei diritti umani recita testualmente: “Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere”. Questa è la traccia alla quale debbono ispirarsi i partecipanti al concorso libera la parola nel preparare i loro elaborati.

Libera la parola: il concorso giornalistico per gli studenti italiani sul tema della libertà di espressione

Concorso libera la parola: bando e informazioni

I pezzi giornalistici dovranno pervenire alla giuria entro il 15 marzo 2017, attraverso l’apposita area sul sito del  festival dei diritti umani.

Il bando ufficiale del concorso libera la parola con gli aggiornamenti sull’evento sono disponibile nell’area predisposta sul sito.

Potrebbe interessarti: Libri come 2017: a Roma la festa del libro e della lettura

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con le grandi testate giornalistiche nazionali. I vincitori del concorso libera la parola, vedranno i loro lavori pubblicati sui media partner dell’iniziativa: Corriere della Sera, Radio Popolare, Rainews24.

Sul canale Youtube del Festival dei Diritti Umani, sono disponibili  i primi video-consigli rivolti ai partecipanti al contest “Libera la parola”; le grandi firme del giornalismo forniscono consigli e incitamenti ai concorrenti. In bocca al lupo ai partecipanti.