@trentaminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2020 > COOP: gelato alla mandorla ritirato dal commercio per allergene soia non dichiarato

COOP: gelato alla mandorla ritirato dal commercio per allergene soia non dichiarato

COOP: gelato alla mandorla ritirato dal commercio per allergene soia non dichiaratoIl ministero della salute con diverse note del 20/02/2020 (pubblicate il 24/02/20) ha disposto, per diversi lotti di gelato alla mandorla fior fiore COOP, il ritiro dal commercio. Il gelato è stato richiamato per allergene soia non dichiarato in etichetta.

La segnalazione è pervenuta dalla stessa catena di supermercati COOP la quale ha emesso un comunicato al riguardo, predisponendo il numero verde 800805580 a disposizione dei propri clienti per ogni chiarimento sulla vicenda.

Naturalmente, il gelato alla mandorla fior fiore COOP oggetto del richiamo è stato tolto dagli scaffali della nota catena di supermercati. Ciò non toglie che alcuni lotti possano essere stati già acquistati da consumatori che, se fossero allergici alla soia, correrebbero seri rischi per la loro salute all’assunzione dell’alimento. Coloro che invece non soffrono di allergie non corrono alcun pericolo.

COOP, gelato alla mandorla ritirato dal mercato: i dettagli del prodotto

Il ritiro dal mercato riguarda gelato alla mandorla fior fiore COOP il quale potrebbe contenere tracce di soia non segnalata in etichetta. Si presenta in vaschette da 300 grammi con le seguenti caratteristiche:

  • lotto L6270629 con il termine minimo di conservazione 06/2021;
  • lotto L6110629 con termine minimo di conservazione 06/2021;
  • lotto L4060929 con termine minimo di conservazione 09/2021;
  • lotto L1250529 con termine minimo di conservazione 05/2021.

Sull’argomento potrebbe interessarti: Coop: gelato variegato al cacao ritirato dal commercio: allergene non dichiarato

Il gelato alla mandorla fior fiore è stato prodotto per COOP da G7 Srl nello stabilimento di Bentivoglio (BO). Si segnala che la soia compare nella lista dei 14 allergeni più diffusi in ambito europeo, come richiama il Regolamento Europeo n. 1169/2011.