@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Cos’è il Lodo Moro – l’accordo segreto Italia-Palestina

Cos’è il Lodo Moro – l’accordo segreto Italia-Palestina

Cos’è il Lodo Moro? Negli anni 70 per garantirsi l’immunità dagli attacchi terroristici il governo italiano negoziò un accordo segreto con l’OLP.

Cos’è Il lodo Moro? L’accordo segreto negoziato dallo statista italiano con L’OLP

Anche se il cosiddetto Lodo Moro, fin dai tempi in cui era in vigore, è sempre stato noto, nessuno dei politici dell’epoca lo ha mai ammesso.

Risulta spinoso parlarne anche ai tempi nostri. Ma cos’è il Lodo Moro? Fu un accordo segreto, fra lo stato italiano e l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP).

Prese il nome dal presidente del consiglio dell’epoca che lo stipulò nei primi anni 70: Aldo Moro.

Cosa prevedeva questo accordo segreto? Dal lato palestinese di poter utilizzare il territorio italiano come base logistica per pianificare atti terroristici in Europa, in cambio gli italiani ebbero la garanzia dai palestinesi che non avrebbero compiuto attacchi diretti in Italia. A conti fatti l’accordo funzionò.

Cos’è il lodo moro? Il contesto storico che portò all’accordo

Nel 1948 fu costituito lo stato d’Israele su dei territori che fino a quel momento erano dei palestinesi i quali non presero bene la cosa. Per contrastare gli israeliani fondarono l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) con a capo Yasser Arafat. L’OLP aveva varie articolazioni armate; al-Fatḥ, ALP , FPLP e altre le quali, non potendo colpire direttamente i sionisti nei loro territori, essendo questi molto ben protetti militarmente, iniziarono una guerra terroristica sotterranea fuori dai confini israeliani. L’apice fu l’attacco alle olimpiadi di monaco nel settembre del 1972.

Potrebbe interessarti: Morte di Aldo Moro: poteva essere salvato

Cos’è il lodo moro?

I servizi segreti italiani si accorsero fin da subito che i terroristi arabi transitavano in Italia che a causa della sua posizione geografica la portava ad essere il corridoio d’ingresso per l’Europa.

Dopo l’attacco di Monaco del settembre 1972, in cui morirono diversi israeliani e che ebbe un grande eco internazionale, l’Italia si rese conto di essere particolarmente esposta. Per questo motivo i servizi segreti italiani, con il placet del governo, negoziarono con i palestinesi l’immunità a patto di chiudere un occhio sui traffici che i terroristi organizzavano in Italia. C’è da dire che l’accordo andò oltre. Nelle occasioni in cui i terroristi palestinesi finirono in mano alle autorità italiane, in qualche modo, furono tutti liberati.

L’accordo di ‘non belligeranza’ fu siglato fin dai primi anni ‘70 dall’allora presidente del consiglio Aldo Moro, da qui il nome.

Il Lodo moro non fu mai documentato apertamente e fu essenzialmente verbale, negoziato dai servizi segreti italiani con i vertici dell’OLP. Volendo fare un bilancio il Lodo Moro funzionò. Certo, ci furono attacchi terroristici in Italia ma compiuti da gruppi palestinesi opposti all’OLP che volevano sabotare l’accordo.

Naturalmente, nonostante fosse palese quanto stava avvenendo in Italia a causa del Lodo Moro, cosa che causo molti attriti soprattutto con gli alleati americani, da parte italiana l’esistenza dell’accordo fu sempre negata. Una frase di quei tempi che rendeva il senso di quanto stava accadendo fu: “l’Italia ha la moglie americana e l’amante araba”.