@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Costantino e Massenzio: la battaglia di ponte Milvo

Costantino e Massenzio: la battaglia di ponte Milvo

Costantino e Massenzio: la battaglia di ponte Milvio

Un epico scontro si ebbe tra Costantino e Massenzio nella battaglia di ponte Milvio. In gioco c’era la conquista di Roma, la città più importante dell’impero e il titolo di “Primo Augusto”. E’ un episodio, questo, che riveste un estrema importanza. Costantino vince ed è lui che apre la strada al mondo Cristiano, religione che a Roma fino a quel momento era praticata in modo sotterraneo.

Indice

Le premesse della battaglia di Ponte Milvio

“In hoc signo vinces”: leggenda o realtà? Poco importa, perché la storia tramandataci dal retore cristiano Lattanzio, autore attorno al 313 del trattatello “De mortibus persecutorum”, è tanto bella e famosa da meritare di essere ricordata.

Ci narra infatti come nella notte fra il 27 ed il 28 ottobre del 312 l’Imperatore Costantino I, accampatosi con le sue truppe appena a nord di Roma, in prossimità del Ponte Milvio, sia stato avvertito nel sonno (“commonitus est in quiete”) di apporre sugli scudi dei suoi soldati il “caeleste signum Dei” proprio alla vigilia dello scontro decisivo per la riconquista della “Caput Mundi”, ormai da sei anni nelle mani dell’usurpatore Massenzio.

Il sistema tetrarchico dell’Impero Romano

Il sistema tetrarchico ideato circa trent’anni prima da Diocleziano e basato sul governo congiunto dell’immenso territorio costituente l’Impero Romano da parte di due Augusti e due Cesari, ognuno con la propria zona geografica di competenza, era infatti durato per…un solo giro…, e questo perché già dopo l’abdicazione nel 305 dei due primi Augusti (Diocleziano e Massimiano) avevano iniziato a manifestarsi fra i loro successori insofferenze e gelosie d’ogni tipo, anche da parte dei legionari contrari all’iniziale designazione di due nuovi Cesari, Massimino Dacia e Severo, scelti in pratica dal solo Galerio, uomo crudele e vendicativo diventato Augusto della parte orientale dell’Impero, che desiderava per quelle importanti cariche la nomina di personaggi di facciata, da lui facilmente manipolabili.

Costantino e Massenzio: la battaglia di ponte Milvio

L’altro Augusto, il mite Costanzo Cloro già molto malato da tempo, non poté opporsi, ma alla sua morte i legionari delle zone occidentali dell’Impero (Britannia e Gallia) con un colpo di stato proclamarono nuovo Augusto il di lui figlio Costantino, definito da Lattanzio “santissimus adulescens” perché stimato da tutti per la sua affabilità, i buoni costumi, l’esperienza militare e la prestanza fisica.

In Italia invece si assisté alla proclamazione di Massenzio, figlio di Massimiano, che al contrario ci viene descritto come un personaggio malvagio e superbo. In un turbinio d’alleanze, tradimenti e colpi di scena rapidamente susseguitisi fra il 305 ed il 312, i vari Augusti e Cesari si diedero dunque battaglia senza esclusione di colpi, in un gioco al massacro reciproco.

La resa dei conti tra Costantino e Massenzio

Al culmine di questa guerra civile si giunse al “redde rationem” fra Costantino e Massenzio in occasione dei festeggiamenti per la ricorrenza dei “quinquennalia” di quest’ultimo, cioè dei suoi primi cinque anni di regno.

Costantino e Massenzio: la battaglia di ponte Milvio

Così, al risveglio dopo quel sogno epifanico, sempre seguendo il racconto di Lattanzio, Costantino ordinò che sugli scudi fosse simboleggiato il Cristo (“Christum in scutis notat”) in forma di “Cristogramma”, ovvero una X messa di traverso col vertice arrotondato.

A sua volta il pagano Massenzio, dopo aver fatto voto a Giove, rinfrancato da un oracolo favorevole che gli aveva svelato come in quella giornata sarebbe morto un nemico di Roma, da lui ovviamente identificato in Costantino, fece tagliare il Ponte Milvio e lo rimpiazzò con un ponte di barche truccato, nel senso che a comando si sarebbe aperto al passaggio delle truppe avversarie, facendole così precipitare nelle acque del Tevere in piena.

La battaglia di ponte Milvio: la morte di Massenzio

L’esercito di Massenzio, ben più numeroso di quello avversario, attraversò quel ponte per schierarsi sulla parte opposta del Tevere, in posizione d’attacco, ma l’operazione fu lenta, laboriosa e resa ancor più difficile dalla ristrettezza degli spazi, che finì col trasformare la superiorità numerica in uno svantaggio.

Costantino e Massenzio: la battaglia di ponte Milvio

Lo scontro fu molto cruento e rimase a lungo incerto, fino all’intervento risolutivo della cavalleria di Costantino che mise infine in fuga gli avversari, i quali cercarono di riguadagnare la riva opposta del Tevere servendosi di quello stesso ponte da cui erano venuti.

Peccato però che ad un certo punto il meccanismo d’apertura sia scattato proprio sotto i piedi di che l’aveva escogitato, facendo cadere in acqua fra gli altri anche lo stesso Massenzio, trascinato a fondo dal peso dell’armatura e subito annegato.

Ecco dunque che con la morte dell’usurpatore, seguita a breve distanza da quelle di Galerio e Massimino Dacia, secondo Lattanzio si chiuse il cerchio della vendetta divina sui “persecutores” della vera fede.

Potrebbe interessarti: Bartolomeo Colleoni: biografia di un mitico capitano di ventura

Costantino “Primo Augusto”

Quel che è certo, è che grazie a quella vittoria insperata e considerata miracolosa dai più, Costantino ottenne dal Senato l’ambito titolo di “Primo Augusto”, iniziando così un regno che l’avrebbe a buon diritto consacrato fra i grandi della storia, anche se purtroppo per i Romani il suo avvento al potere avrebbe presto significato il definitivo tramonto della centralità e dei fasti della Roma imperiale, a tutto vantaggio di Costantinopoli.