@trentaminuti > Costume e società > Varie costume e società > Educazione emotiva dei figli per migliorarne la crescita

Educazione emotiva dei figli per migliorarne la crescita

educazione emotiva dei figli

L’educazione del proprio figlio è la responsabilità principale di un genitore, spesso viene ridotta al mero insegnamento di regole. Tuttavia c’è un altro aspetto dello sviluppo dei bambini quasi sempre ignorato, messo da parte: si tratta dell’educazione emotiva dei figli.

Educare emotivamente un bambino vuol dire trasmettergli il sistema mentale adeguato per affrontare la vita in tutte le sue sfumature: dalla vittoria alla sconfitta, dalla gioia alla tristezza. Alla base c’è la stimolazione dell’intelligenza emotiva del soggetto che, seppur in tenera età, e quindi privo di esperienza, elabora l’emotività che prova quando affronta una situazione.

L’educazione attraverso l’intelligenza emotiva

Educarlo emotivamente vuol dire farlo ragionare coerentemente, quindi abituarlo a usare la propria intelligenza emotiva, in modo da dargli la capacità di riconoscere le emozioni che prova, così da gestirle nel migliore dei modi. Abituarlo quindi ad affrontare la vita in maniera corretta fin dalla tenera età.

Come primo impatto sembra un compito difficile, e in realtà potrebbe esserlo. L’educazione emotiva del proprio figlio, infatti, è una grande responsabilità perché lo si prepara ad affrontare le emozioni che in seguito dovrà sostenere nella vita.

Tuttavia, con i giusti strumenti e la dovuta consapevolezza, educare emotivamente i bambini diviene meno oneroso di quanto si pensi. Per farlo, non è necessario essere psicologi o educatori esperti, semplicemente basta visualizzare il futuro dei bambini – ossia la vita da adulti – e dunque offrire loro le giuste fondamenta per affrontarla al meglio.

Tale gravoso compito, in parte, è affidato alla scuola dove ci sono maestri e insegnanti che hanno il dovuto Know How per trasmettere le basi dell’educazione emotiva ai bambini che seguono. E’ un compito che svolgono con intelligenza e cognizione di causa poiché è personale formato adeguatamente.

E’ però auspicabile che questo lavoro continui anche al di fuori delle mura scolastiche. In questo caso entrano in gioco i genitori.

Indice

Cos’è l’educazione emotiva dei figli

In premessa, si è già avuto modo di sviscerare il concetto di educazione emotiva dei figli. In pratica si tratta di educare i propri bambini ad affrontare le situazioni che affronteranno durante tutta la loro vita, facendogliele elaborare, attraverso la loro intelligenza emotiva, già dalla tenera età. Si parte, naturalmente da condizioni positive, trattandosi di bambini non è auspicabile insinuarli nei dintorni di emotività estreme, come la rabbia. Essa, comunque, a un certo punto farà parte del programma dell’educazione emotiva dei figli.

Se si vuole approfondire l’argomento, e qui entra in gioco la voglia di consapevolezza, esistono molti buoni libri.  Basta affidarsi alla rete, fare una ricerca e scegliere il titolo con le migliori recensioni. Un buon inizio è comunque cominciare ad apprendere le basi dell’educazione emotiva dei propri figli attraverso le risorse internet, dove posso essere reperiti molti utili articoli su questo tema. Nei casi di estremizzazioni, i suggerimenti di un buono psicologo sono sempre utili, ma è altrettanto utile che sia il genitore a gravarsi di questo compito.

Conoscenza di se stessi

Conoscere se stessi vuol dire essere consapevoli dei propri pregi e dei propri difetti, delle potenzialità e dei limiti. In altre parole, bisogna dare ai bambini la possibilità di esplorare il mondo per esplorare se stessi. Essere iperprotettivi preclude quasi totalmente questa possibilità e il risultato sarà inevitabilmente disastroso: il bambino a cui viene sottratta l’esperienza è un bambino che avrà difficoltà a valutare se stesso. L’autostima è la prima vittima dell’iperprotezione. A volte, nella dovuta misura, l’educazione emotiva dei figli passa attraverso l’indipendenza.

La responsabilità nell’educazione emotiva dei figli

Dare ai bambini delle responsabilità è il primo strumento per renderli autonomi. Il concetto dell’autonomia è estremamente importante nello sviluppo dei piccoli, e può essere insegnato attribuendo loro la gestione di piccoli aspetti della vita. È necessario metterli davanti ad una doppia visione, quella del dovere e quella del piacere.

Ciò riporta l’attenzione su due stati psicologici dell’individuo: la felicità e la frustrazione. La prima va assicurata senza alcun dubbio, ma la seconda non è meno importante. I bambini devono essere generalmente felici, tuttavia vivere in uno stato di soddisfazione perenne non consente al piccolo di capire che non tutto è concesso. Il piccolo deve sapere che ci sono dei limiti da rispettare. L’insoddisfazione non è sempre un male, e comunque fa parte dell’educazione emozionale di un individuo fin dalla tenera età.

Potrebbe interessarti: Disturbo specifico apprendimento (DSA): definizione, intervento e cura

Empatia

Mettendo al centro dell’universo il proprio figlio si contribuisce allo sviluppo di una personalità egoista che potrebbe riflettersi negativamente nella sua vita sociale. E dei genitori consapevoli, di certo, non vogliono questo.Viviamo in una società, circondati da altre persone che provano le stesse nostre emozioni. Siamo diversi ma in fondo tutti uguali: prima di agire, di pretendere, di giudicare, bisogna immedesimarsi negli altri per capirne lo stato d’animo.