@trentaminuti > Salute e benessere > I richiami alimentari del 2020 > Eurospin richiama pasta fresca per allergene non dichiarato

Eurospin richiama pasta fresca per allergene non dichiarato

Eurospin richiama pasta fresca per allergene non dichiarato

La nota catena di supermercati Eurospin richiama tre lotti di pasta fresca per allergene non dichiarato in etichetta il quale, nel caso specifico, è la soia. Nella nota del 30/03/2020 il ministero della salute ha classificato il ritiro del commercio del prodotto “per rischio presenza di allergeni”. Il marchio della pasta è Tre Mulini, confezionata per Eurospin dall’azienda PAC srl di Melfi (Potenza).

L’omessa indicazione in etichetta di un ingrediente è severamente proibito dalle norme comunitarie. Nello specifico, la materia è disciplinata dal Regolamento Europeo n. 1169/2011, dove peraltro la soia viene individuata nella lista dei 14 allergeni che presentano maggior rischio per i consumatori europei.

Eurospin: ritiro dal mercato di pasta fresca per allergene non dichiarato: i dettagli

Sono tre i tipi di pasta ritirata dal commercio da Eurospin a causa della presenza nella stessa dell’allergene soia non indicato nell’etichetta:

  • Fusilli Pasta Fresca, lotto numero 200215 venduto in confezioni da 500 gr. con scadenza 15/05/2020;
  • Orecchiette Pasta Fresca, lotto numero 200213 venduto in confezioni da 500 gr. con scadenza 13/05/2020;
  • Strozzapreti Pasta Fresca, lotto numero 200213 e 200214 venduto in confezioni da 500 gr. e scadenza rispettivamente 13/05/2020 e 14/05/2020.

Le confezioni hanno tutte lo stesso marchio; Tre Mulini e provengono dagli stabilimenti dell’azienda PAC srl di Melfi. I lotti di pasta richiamati sono  tutte commercializzate da Eurospin.

Sull’argomento: Allergeni non dichiarati in etichetta: i pericoli e cosa fare

Nella nota del dicastero della salute si raccomanda, ai consumatori allergici alla soia, di non consumare i lotti di pasta indicati e riportarli presso il punto di acquisto. Così facendo, non corrono il rischio di incorrere in pericolose conseguenze al consumo del prodotto. Tuttavia, coloro che non soffrono di allergia possono utilizzare la pasta oggetto del richiamo senza alcun pericolo.