@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Federico II e la storia della VI crociata

Federico II e la storia della VI crociata

Federico II e la storia della sesta crociata
Federico II di Svevia incontra il sultano d’Egitto alle porte di Gerusalemme -miniatura, Biblioteca Vaticana, Roma

Il 17 marzo del 1229 il Sacro Romano Imperatore Federico II, detto “Stupor Mundi”, letteralmente stupì ancora una volta l’Occidente cristiano entrando trionfalmente in Gerusalemme, a capo delle sue truppe e senza colpo ferire, al termine di quella che fu la VI Crociata.

Come sia giunto ad un simile risultato, impossibile da conseguire per un altro che non avesse il suo acume politico, costituisce un capolavoro di diplomazia e scaltrezza. Non è un segreto infatti che Federico nutrisse una certa ammirazione, frammista ad una buona dose d’invidia, nei confronti dei califfi islamici perché, a differenza sua, avevano brillantemente risolto a loro vantaggio il problema del dualismo esistente fra il potere temporale e spirituale, semplicemente accentrando entrambi nelle loro persone.

Federico II: il “sultano battezzato” e scomunicato

Il califfo infatti, oltre ad essere un sovrano assoluto sotto il profilo temporale, era anche un teocrate, cioè un’autorità religiosa in diretto contatto con Dio senza la mediazione dei sacerdoti, a differenza quindi di Federico che aveva trascorso tutta la vita a mediare suo malgrado con quello che era per lui l’insopportabile contropotere costituito dalla Chiesa e dal Papato, e questo nonostante sua madre morente lo avesse affidato ancora bambino alla tutela proprio di un Papa, Innocenzo III.

Conseguentemente a lui, che i nemici avevano soprannominato (non senza qualche ragione) “il sultano battezzato”, sotto sotto ripugnava l’idea di entrare in guerra contro quel Al Kamil che, come sultano d’Egitto, governava anche sulla Palestina di allora.

Si capisce dunque perché, messo alle strette nel 1227 dall’energico Papa Gregorio IX, uomo che fra le sue qualità non annoverava certo la pazienza, dopo aver cercato inutilmente di temporeggiare prima di adempiere all’impegno assunto col suo predecessore d’indire una nuova Crociata per la liberazione del Santo Sepolcro, Federico si sia esibito in una sorta di “falsa partenza”: infatti, dopo aver radunato al porto di Brindisi navi e soldati, rinunziò all’impresa adducendo come scusa lo scoppio di un’epidemia di tifo. Il Papa però non volle sentire ragioni e lo scomunicò.

Potrebbe interessarti: La prima crociata: le motivazioni

Gli accordi tra Federico II e il sultano Al Kamil: la VI crociata parte già vittoriosa

La soluzione ideata da Federico per salvare “capra e cavoli” fu allora quella di intrecciare relazioni diplomatiche proprio col sultano Al Kamil, cioè con colui al quale avrebbe dovuto dichiarare guerra, sapendo che quest’ultimo si trovava invischiato in una disputa di carattere familiare col fratello Al Mu’azzam, il sultano di Damasco.

Così, pur fra accuse incrociate di “intendenza col nemico”, i colloqui fra il più potente monarca cristiano dell’epoca ed il suo omologo mussulmano sfociarono in un patto che prevedeva da parte di Al Kamil la restituzione del Regno di Gerusalemme a Federico, in cambio dell’aiuto di quest’ultimo nella cacciata di Al Mu’azzan.

Con un simile accordo in tasca Federico si risolse finalmente a partire da Brindisi alla volta della Terrasanta nel 1228, ma quando vi arrivò scoprì che nel frattempo Al Mu’azzan era deceduto, così mettendo in imbarazzo il fratello Al Kamil che, a quel punto, non aveva più bisogno dell’aiuto dell’ingombrante alleato crociato. Al contrario, Federico continuava ad aver bisogno di lui per poter finalmente mettere le mani su Gerusalemme, senza di che sarebbe andato incontro ad una clamorosa umiliazione personale.

Iniziò così a bombardarlo di messaggi, alternando blandizie a minacce, tanto che alla fine Al Kamil cedette e, dopo la firma di un trattato che ne prevedeva la cessione per la durata temporale di dieci anni, dieci settimane e dieci giorni, restituì a Federico una Gerusalemme ridotta in condizioni pietose, con le mura abbattute, semi-disabitata e mezza diroccata.

Con l’aggiunta in quello speciale “pacchetto regalo” anche delle città di Betlemme e Nazareth, Federico poté dire trionfante di avere ripreso il controllo dei luoghi più santi della Cristianità. Oggi diremmo “mission accomplished”, per lo scorno del vecchio Pontefice Gregorio IX che, dopo aver a fatica digerito lo smacco, aspettò comunque più di un anno prima di revocargli la scomunica, dovendo alla fine, seppure obtorto collo, lodare alla stregua di “amato figlio della Chiesa” colui che poco tempo prima aveva invece bollato come “discepolo di Maometto”.