@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Ferdinando Magellano: breve biografia del grande esploratore portoghese

Ferdinando Magellano: breve biografia del grande esploratore portoghese

ferdinando magellano breve biografia

“Subito gli furono addosso con le lance de ferro e de canna, e con i terciadi (che son come grosse scimitarre) fin che lo specchio, il lume, il conforto e la vera guida nostra ammazzarono”: così il vicentino Antonio Pigafetta descrive la terribile scena che il 27 aprile del 1521 si svolse davanti ai suoi occhi sulla spiaggia dell’isola filippina di Mataclan.

In quella tragica mattinata infatti il grande comandante ed esploratore portoghese Ferdinando Magellano fu trucidato dai guerrieri indigeni guidati dai capi isolani Zula e Lupu-Lupu, cui lo stesso Magellano aveva dichiarato guerra per venire in aiuto al suo alleato re di Cebu, che per primo in quelle isole remote si era convertito al Cristianesimo insieme alla sua gente, per questo venendo attaccato dalle tribù vicine.

Il corpo martoriato dell’uomo che con la sua testardaggine e determinazione, pur senza averne potuto vedere la fine, aveva organizzato la prima circumnavigazione del globo terraqueo, fu lasciato in balia delle onde e della fauna marina, senza nemmeno il conforto di una degna sepoltura.

Se sappiamo esattamente come andarono le cose, lo dobbiamo proprio al Pigafetta, fedele segretario e diarista di Magellano, il quale volendo che “la fama di un sì generoso capitano non debba essere estinta ne li tempi nostri”, si fece carico di riportare per filo e per segno quanto era successo in quei tre lunghissimi anni di viaggio, in cui aveva percorso circa 70.000 km attorno al globo con la prua puntata sempre verso Ovest.

Magellano e la scoperta della rotta per il nuovo continente
Magellano ucciso dai filippini

Nato nel 1480, Magellano per circa otto anni aveva prestato servizio presso il re del Portogallo Joao II, partecipando anche ad una spedizione alle Molucche, le isole delle spezie, allora più preziose di oro e gemme. Era però caduto in disgrazia con l’accusa di aver intrattenuto traffici illeciti con l'”infedele” (perché musulmano) re del Marocco e di conseguenza era stato licenziato in tronco.

Cercò dunque la sua rivincita offrendo i propri servizi al giovane re di Spagna Carlo I (il futuro imperatore Carlo V), che convinse della possibilità di raggiungere le isole delle spezie passando da Occidente circumnavigando il Continente Sudamericano attraverso un ancora fantomatico stretto, di cui allora si poteva solo immaginare l’esistenza.

Per Carlo si presentò la ghiotta opportunità di arricchirsi senza correre il rischio di intraprendere la rotta classica verso Est, “off-limits” per gli spagnoli perché, in base al Trattato di Tordesillas del 1494, era stata riservata agli arci-nemici portoghesi.

Certo nemmeno per Carlo fu facile vincere le resistenze dei notabili locali, i quali non vedevano di buon occhio che una missione tanto importante fosse affidata al comando di un portoghese, facendo dunque di tutto prima per ritardarne la partenza e poi per affiancare a Magellano un vicecomandante spagnolo. Fu una pessima idea perché ciò costituì la fonte di continui litigi e persino di un ammutinamento che Magellano represse duramente, con un’impiccagione e l’abbandono su un tratto di costa deserta della Patagonia di uno dei responsabili.

Dopo una serie di tentativi andati a vuoto, le tre navi dopo più di un anno dalla partenza trovarono finalmente il passaggio fra i due Oceani, che in onore del suo scopritore sarebbe stato chiamato “Stretto di Magellano”, per poi entrare nell’immensità del Pacifico, risalire le coste cilene e finalmente, il 18 dicembre del 1520, puntare la prua ancora verso Ovest per affrontare tra atroci sofferenze causate da epidemie, scorbuto e disidratazione una traversata che sarebbe durata ben 99 giorni prima di arrivare all’Isola di Guam e da lì alle fatali Filippine.