@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Filippo Brunelleseschi e la cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze

Filippo Brunelleseschi e la cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze

Brunelleschi: cupola di santa maria del fiolre
La cupola della Cattedrale di Santa Maria del Fiore di Filippo Brunelleschi

“Ci fu donato dal Cielo per dare una forma nuova all’architettura da centinaia d’anni smarrita”: così, nelle sue Vite, scrisse di lui il Vasari. Filippo, secondogenito dei tre figli di ser Brunellesco, nacque a Firenze nel 1377 e suo padre, che di mestiere faceva il notaio e di quattrini ne aveva parecchi, avrebbe desiderato che seguisse le sue orme.

Ma quel ragazzo aveva altro per la testa e trascorreva le giornate a disegnare e fare calcoli, dopo aver contemplato per ore chiese e palazzi. Fattasene una ragione, il babbo lo mandò decenne a bottega presso un orefice, che gli insegnò l’arte del cesello e per il quale il giovanissimo Filippo pare abbia realizzato “certe figure d’ariento (argento) d’importanza” per la chiesa di San Jacopo a Pistoia.

Filippo Brunelleschi: la collaborazione con Donatello

Presto acquisì sufficiente maturità artistica ed autonomia per partecipare nel 1401 al concorso (perso in favore del Ghiberti) per la realizzazione di una nuova porta bronzea per il Battistero di Firenze ed iniziare poi una proficua collaborazione col celebre Donatello, dal quale apprese anche a scolpire.

Con lui visitò a varie riprese Roma, dove i due furono spesso visti scavare come forsennati nell’area dei Fori Imperiali in cerca di colonne, statue e reliquie varie della “romanitas”, tanto da essere scambiati da taluni per geomanti, da altri per cercatori di tesori.

Brunelleschi e la cupola della Cattedrale di Santa Maria del Fiore

Al giovane Brunelleschi la vista del Pantheon con la sua maestosa cupola fece un’enorme impressione tant’è che, circa un ventennio più tardi, proprio a quella straordinaria opera d’architettura ed ingegneria si sarebbe ispirato quando si trattò di erigere la cupola della cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Un genio eclettico come lui, inoltre, fu sempre attratto dallo studio richiesto per la soluzione dei più difficili problemi d’ingegneria e statica, da lui considerati alla stregua di vere e proprie sfide per vincere le quali disegnò in prima persona macchine, argani e congegni d’assoluta avanguardia.

Senza di essi il Brunelleschi mai avrebbe potuto venire a capo del problema per eccellenza che angustiava i fiorentini, la cui fabbrica del Duomo, iniziata nel 1296, dopo oltre un secolo d’attività era giunta al punto in cui bisognava risolvere l’enorme rompicapo costituito dall’erezione della cupola.

brunelleschi: vista prospettica della cupola di santa maria del fiore
Filippo Brunelleschi: progetto costruttivo della Cupola di Santa Maria del Fiore

I facoltosi committenti la volevano alta, slanciata, grandiosa ed a forma d’ogiva, del tutto degna della loro città e della meravigliosa cattedrale su cui avrebbe dovuto stagliarsi, oltre che dell’attiguo campanile di Giotto e del Battistero che le era prospiciente.

Il progetto della cupola: un’opera rivoluzionaria

Per coprire al meglio quel tamburo ottagonale largo 46 metri, al concorso bandito nel 1418 dall’Opera del Duomo il Brunelleschi presentò il progetto rivoluzionario di una cupola “senza armadura”, che alla fine convinse anche i più scettici sbaragliando la concorrenza, ed in particolare quella costituita dall’arci-rivale Ghiberti.

Per realizzare il suo capolavoro l’artista impiegò quattordici anni, dal 1420 al 1434, e vi riuscì costruendo due distinte calotte di pietra e mattoni, una esterna e l’altra interna, di spessore calante man mano che si procede dal basso verso l’alto. Furono entrambe rafforzate verticalmente da 24 costoloni in pietra, di cui uno, più grande e visibile esternamente, per ognuno degli otto angoli dell’ottagono, più altri due per angolo, ma più piccoli ed interni.

Archetti di sostegno collegano i costoloni interni a quelli esterni, intanto che i costoloni nel loro insieme trasmettono la forza di spinta ai massicci pilastri di sostegno situati nella sottostante tribuna della chiesa ed ai rinforzi orizzontali della cupola costituiti da spesse catene di tensione. Infine, perché un simile peso si auto-reggesse, pietre e mattoni furono disposti a spina di pesce.

Quando nel 1434 quel miracolo d’architettura ed ingegneria fu terminato, tutti i fiorentini corsero ad ammirarlo, come pure tantissimi forestieri richiamati in città dall’eco di quel prodigio al quale il grande umanista Leon Battista Alberti dedicò queste parole: “Chi mai sì duro o sì invido non lodasse Pippo architetto vedendo qui struttura sì grande, erta sopra e’ cieli, ampla da coprire con sua ombra tutti e’ popoli toscani, fatta sanza alcuno aiuto di travamenti o di copia di legname, come a questi tempi era incredibile potersi?”

Morte e sepoltura di Filippo Brunelleschi

Ed a “ser Pippo”, a distanza di un secolo circa, si sarebbe ispirato anche Michelangelo per la copertura di San Pietro che però, come egli stesso ammise, era sì “più grande, ma non più bella di quella del Duomo di Firenze”.

Il 15 aprile del 1446, quando spirò nella sua città natale, il Maestro fu sepolto nella Cattedrale, sotto alla “sua” cupola, in una tomba recante questo epitaffio: “Quantum Philippus architectus arte daedalea valuerit cum huius celeberrimi templi mira testudo tum plures machinae divino ingenio ab eo adinventae documento esse possunt”, cioè “:Quanto l’architetto Filippo abbia primeggiato nell’arte di Dedalo (n.b.: Dedalo fu il più noto architetto della mitologia greca), possono testimoniarlo sia la meravigliosa cupola di questo celeberrimo tempio, sia le numerosissime macchine da lui inventate con ingegno divino”. Fu il degno omaggio reso dalla sua città ad uno dei padri del Rinascimento italiano.