@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Francesco Sforza: breve biografia del primo Duca di Milano

Francesco Sforza: breve biografia del primo Duca di Milano

Francesco Sforza: breve biografia del primo Duca di Milano

L’8 marzo del 1466 moriva Francesco Sforza, primo Duca di Milano appartenente alla Casata che permise, nei cinquant’anni circa in cui rimase al potere, ad un’anonima cittadina di trasformarsi in una capitale europea moderna, brillante, ricca ed alla moda. Milano infatti, grazie agli Sforza, iniziò a “fare tendenza”, diventando sul finire del Quattrocento il luogo dove ci si doveva trovare se si voleva provare qualcosa di nuovo o immergersi nel bello oppure ancora partecipare alle feste più sfarzose che si tenevano sul nostro Continente.

Istruito al mestiere delle armi dal padre Muzio Attendolo, Francesco trascorse la gioventù impegnato in condotte militari al servizio di questo o quel Signore, fino ad imbattersi in Filippo Maria Visconti, bizzarro e diffidente Duca di Milano che, per legarlo a se stesso tenendoselo buono, gli promise la mano dell’unica figlia Bianca Maria, rendendolo de facto erede del Ducato.

I Milanesi danno la potestà della città a Francesco Sforza: la reazione della “Serenissima”

Dopo la morte del Visconti e tre anni repubblicani, caratterizzati da carestie e litigiosità di ogni genere, i Milanesi il 25 di febbraio del 1450 aprirono allo Sforza le porte della loro città, accogliendolo in trionfo per offrigli “potestatem, dominium et ducatum annexum” (“la potestà, la signoria ed il ducato tutto intero”) che furono del suocero.

Quello che a tutti gli effetti parve come un abile colpo di mano del nuovo arrivato, che seppe approfittare della caotica situazione regnante a Milano imponendosi come il novello “Pater Patriae”, certamente non piacque alla Serenissima Repubblica che, quando già pregustava la possibilità di liberarsi di uno scomodo vicino ridotto ormai all’impotenza da una situazione di sostanziale anarchia interna, si ritrovò improvvisamente davanti ad uno Stato riunito sotto alle insegne del più abile e spregiudicato condottiero militare di quei tempi.

La politica di alleanze di Francesco Sforza e la battaglia di Ghedi

Dopo un paio d’anni trascorsi da entrambe le parti a rinsaldare le proprie alleanze e durante i quali lo Sforza riuscì a legarsi coi Gonzaga di Mantova, i Bentivoglio di Bologna e lo Stato Pontificio, ma soprattutto con la potente Firenze di Cosimo de’ Medici, mentre a fianco dei Veneziani si schierarono gli Aragonesi di Napoli, il Ducato di Savoia, il Regno di Francia ed il Sacro Romano Impero, la parola passò alle armi e nell’agosto del 1453 Francesco riuscì ad infliggere ai suoi avversari una sonora sconfitta nella battaglia di Ghedi, così ponendo le basi del trattato di pace stipulato a Lodi nel 1454, che avrebbe assicurato all’Italia quasi mezzo secolo di pace e prosperità, permettendo al Rinascimento di germogliare.

Potrebbe interessarti: Vittorio Emanuele II: breve biografia e storia del primo Re d’Italia

La conduzione di Milano sotto  Francesco Sforza

Finalmente al sicuro dagli attacchi esterni, Francesco iniziò a governare con la saggezza e la moderazione di un buon “pater familias”, dando particolare impulso ai commerci, all’artigianato ed alla prima industria, in tutto ciò facilitato dalla proverbiale laboriosità meneghina. Fece per esempio scavare i Navigli come vie di trasporto e per scopo irriguo, dando così grande slancio all’agricoltura, settore nel quale introdusse la coltivazione del gelso che tanta importanza avrebbe avuto nell’economia lombarda nei successivi 500 anni circa.

Contando sull’appoggio finanziario assicuratogli dal Banco Mediceo spese cifre importanti nella ricostruzione della sua capitale, che dotò fra l’altro del suo primo grande ospedale pubblico, la famosa “Ca’ Granda” (ora sede dell’Università Statale) costruita su progetto dell’architetto Filarete con massima attenzione a disposizione degli ambienti, distribuzione degli ammalati per reparti, pulizia e cura dell’igiene.

Grande filantropo e mecenate generoso, raccolse intorno a sé alcuni fra i migliori cervelli dell’epoca, come gli umanisti Francesco Filelfo, Costantino Lascaris e Pier Candido Decembrio. Fra i più importanti lasciti artistici del suo periodo figura la bellissima Cappella Portinari, edificata a fianco della Basilica di Sant’Eustorgio per contenere la splendida arca di San Pietro Martire.