@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Giacchino Murat Re di Napoli: breve biografia e storia

Giacchino Murat Re di Napoli: breve biografia e storia

Gioacchino Murat: la cattura e la condanna a morte

Il 25 marzo 1767 nasceva in uno sperduto paesino del Sud Ovest della Francia da una coppia di albergatori Gioacchino Murat, futuro cognato di Napoleone Bonaparte e Re di Napoli. Fu l’unico, nella numerosa schiera di parenti ed affini beneficati dall’Imperatore dei Francesi con la nomina a sovrani di questo o quello Stato europeo, che riuscì a brillare di luce propria.

Destinato da bambino alla vita ecclesiastica, capì ben presto che questa non faceva per lui che, bello e prestante com’era, era piuttosto un “bon vivant” ed un impenitente “tombeur de femmes”, oltreché un amante del gioco d’azzardo. Intraprese dunque la carriera militare alla quale invece si sentiva portato, prima nell’Esercito Regio e poi aderendo convintamente agli ideali rivoluzionari.

Murat: le campagne belliche a fianco di Napoleone Bonaparte

 Si fece notare ben presto nelle vesti di coraggioso Comandante di Cavalleria da Napoleone, che aveva affiancato nelle Campagne d’Italia ed Egitto conquistandone la fiducia e, con essa, la mano della sorella Carolina. Sprezzante del pericolo, Murat non esitava a guidare con la sciabola in pugno le cariche dei suoi cavalieri anche nelle situazioni più critiche ed a rischio della propria vita, risultando così decisivo in molte battaglie: Marengo, Austerlitz, Jena ed Eylau in particolare.

Fu ricompensato dal cognato con la nomina a Maresciallo dell’Esercito e a Duca di Berg e Cleves, ma la sua ambizione ormai gli faceva sognare un trono europeo. Così, dopo aver fatto un pensierino su quello di Spagna poi assegnato dal Corso al fratello Giuseppe, dovette ripiegare su quello di Napoli, citta dalla quale aveva appena contribuito a cacciare Re Ferdinando IV di Borbone, costringendolo a rifugiarsi a Palermo.

 La nomina a Re di Napoli

 E in effetti il 1° d’agosto del 1808 Napoleone lo nominò Re di Napoli, coronandone in tal modo la straordinaria ascesa sociale che lo aveva condotto dalla gestione di un piccolo albergo di provincia a quella di un Regno ricco e popoloso. La sua non fu un’interpretazione della carica puramente di facciata, né mai si comportò da semplice passa-carte dell’ingombrante cognato, perché si dedicò da subito all’attuazione delle importanti riforme di cui il Regno necessitava, ad iniziare dall’introduzione del primo Codice Civile, plasmato su quello napoleonico, nel quale per la prima volta nella nostra Penisola veniva previsto il divorzio.

 Attuò un importante “repulisti” nell’ambito della pubblica amministrazione operando in base a criteri soltanto meritocratici e non clientelari; ridiede fiato ad un’economia ingessata con importanti liberalizzazioni; realizzò opere pubbliche ambiziose e necessarie e combatté con forza il brigantaggio. Da ultimo si mise persino a sognare, lui Francese, una possibile liberazione dell’Italia dal giogo straniero in un processo d’unificazione di stile risorgimentale.

 Murat nella campagna di Russia con Napoleone

 Quando, dopo essere stato chiamato da Napoleone a partecipare alla disastrosa Campagna di Russia del 1812, si rese per primo conto della disfatta, lasciò quel che restava dell’ormai ex “Grande Armée” per rientrare precipitosamente a Napoli e cercare di salvare il suo Regno, intavolando negoziati con Austriaci ed Inglesi e così rendendosi responsabile, agli occhi del cognato, di un imperdonabile tradimento, tanto più scandaloso perché Napoleone lo aveva sempre considerato alla stregua di un semplice vassallo, incapace di ribellarsi.

In un primo tempo riuscì effettivamente a farsi riconoscere la titolarità del Regno, ma la spericolata fuga di Napoleone dall’Elba e l’inizio dei Cento Giorni fecero precipitare la situazione anche per lui, spettatore incolpevole delle ultime disperate mosse del cognato.

La perdita del Regno di Napoli e l’esecuzione di Gioacchino Murat

 Gli Austriaci infatti gli dichiararono guerra e lo sconfissero a Tolentino nella battaglia del 2 maggio 1815, costringendolo ad abdicare e ritirarsi in Corsica. Qui Murat raccolse un mini esercito di circa 250 effettivi coi quali tentò la spericolata impresa di riprendersi il Regno. Sbarcato a Pizzo, in Calabria, nella mattinata dell’8 ottobre del 1815, fu però sopraffatto dalle soverchianti forze borboniche e dall’indifferenza della popolazione locale, per poi essere rinchiuso nel locale Castello Aragonese, dove fu sottoposto a processo sommario.

Gioacchino Murat: la cattura e la condanna a morte

Condannato a morte per fucilazione, ascoltò la lettura della sentenza con virile fermezza ed al plotone d’esecuzione che si apprestava a sparargli disse soltanto: “Sauvez ma face, visez au coeur, feu!” (“Risparmiate il mio viso, mirate al cuore, fuoco!”): la fine da romanzo tragico di un inguaribile eroe romantico!