@trentaminuti > Storia > Riassunti di storia > Giustiniano ed il “Corpus Iuris Civilis”

Giustiniano ed il “Corpus Iuris Civilis”

Giustiniano ed il “Corpus Iuris Civilis”

Per la storia del diritto la data del 21 novembre del 533 riveste un’importanza capitale, perché in quel giorno tanto lontano nel tempo l’Imperatore Giustiniano I pubblicò in Costantinopoli, con la costituzione “Imperatoriam maiestatem“, il primo manuale di diritto della storia, cioè le “Institutiones”, redatte in latino in quattro libri ad uso degli studenti universitari.

Originario di un piccolo villaggio situato nell’odierna Macedonia del Nord, Giustiniano fu adottato dallo zio, l’Imperatore Giustino I, quando ancora si chiamava Flavio Pietro Sabbazio, riuscendo poi a scalare rapidamente i gradini del “cursus honorum” bizantino.

Giustiniano I diviene Augusto

Poco a poco, all’ombra dello zio che diventava sempre più mentalmente fragile a causa dei malanni e dell’età avanzata, egli divenne “de facto” il titolare dell’Impero e di conseguenza nessuno si stupì quando, nell’aprile del 527, fu associato al trono col titolo di Augusto.

Così, soltanto quattro mesi più tardi, alla morte di Giustino, Giustiniano era pronto per iniziare un regno destinato a durare ben 38 anni e con esso a rivoluzionare nel bene e nel male l’Impero di Bisanzio.

La moglie Teodora dalle discusse origini

Al suo fianco avrebbe avuto l’Imperatrice Teodora, cioè “la piissima consorte che Dio ci ha dato”, e pazienza se la stessa aveva alle spalle un chiacchierato passato di attrice e prostituta.

La politica del Renovatio Imperii

La politica della “Renovatio Imperii”, consistente nel proposito di far rivivere in riva al Bosforo i fasti che furono della Roma imperiale, fu il motore di tutta l’attività di governo di un uomo che, sebbene fosse di modesta cultura, aveva comunque il dono di saper scoprire e valorizzare i talenti altrui, tanto da riuscire a valersi di collaboratori sempre di prim’ordine in ogni campo delle scienze, della pubblica amministrazione, del diritto, dell’arte bellica e della cultura.

Giustiniano I: le sue opere di edilizia militare, popolare e religiosa

Diede il via libera ad una poderosa campagna di costruzione di opere d’ingegneria militare per difendere i confini imperiali ad Oriente, in Africa, in Tracia e nell’Illirico, con l’erezione di nuove fortezze e la riparazione di quelle esistenti; mise a capo dell’esercito il generale Belisario, che gli assicurò una serie di strabilianti vittorie militari; sotto il profilo dell’ingegneria civile, avviò la costruzione di opere pubbliche essenziali quali acquedotti, reti fognarie, bagni pubblici, anfiteatri e luoghi di culto, fra cui la straordinaria Chiesa di Santa Sofia con la sua imponente cupola, la più grande dell’antichità.

Le opere giuridiche di Giustiniano I

In campo giuridico si fece promotore di una riforma ambiziosa, convinto com’era che l’introduzione di un sistema di leggi omogenee, certe per tutti e di facile interpretazione, non applicabili secondo l’arbitrio dei singoli giudici, fosse essenziale per il consolidamento ed il buon funzionamento dello Stato.

Considerato che peggio ancora era messa la giurisprudenza, le cui massime non solo non erano mai state catalogate, ma apparivano spesso contraddittorie, nel febbraio del 528 Giustiniano nominò una Commissione di dieci esperti incaricati di preparare un nuovo codice organico delle leggi, a presiedere la quale prepose il famoso giurista Triboniano, uno stakanovista che però non disdegnava d’intascare qualche bustarella per aggiustare certi processi.

Giustiniano ed il “Corpus Iuris Civilis”
Codex Iustinianeus

Già l’anno successivo il primo “Codex Iustinianeus” era pronto e l’Imperatore, molto soddisfatto per il lavoro svolto, ordinò a Triboniano di raccogliere in un altro testo unico le massime dei giuristi classici, con l’aiuto di una nuova Commissione composta questa volta da sedici membri.

In breve tempo, dopo aver consultato oltre duemila testi in particolare di Ulpiano, Papiniano, Gregorio ed Ermogene, la neo-nominata Commissione mise a punto i cinquanta libri del “Digesto”, che nella loro versione semplificata costituirono appunto la base delle “Institutiones”, compilate “ad usum studentium”.

Potrebbe interessarti: Costantino e Massenzio: la battaglia di ponte Milvo

Il Codex Iuris Cilivis

Codex, Digesto, Institutiones e le Novelle (cioè la raccolta delle nuove leggi emanate a partire dal 535) andarono poi a formare il primo e fondamentale “Codex Iuris Civilis” della storia, forse il più prezioso lascito giustinianeo al mondo intero e base della civiltà giuridica di tanta parte d’Europa (ma non solo!), che in alcuni Paesi sarebbe stato citato fino al XIX secolo.

Giustiniano ed il “Corpus Iuris Civilis”
Codex Iuris Civilis

Codex, Digesto, Institutiones e le Novelle (cioè la raccolta delle nuove leggi emanate a partire dal 535) andarono poi a formare il primo e fondamentale “Codex Iuris Civilis” della storia, forse il più prezioso lascito giustinianeo al mondo intero e base della civiltà giuridica di tanta parte d’Europa (ma non solo!), che in alcuni Paesi sarebbe stato citato fino al XIX secolo.

Non stupisce dunque che il sommo poeta Dante collochi questo Imperatore, pur non immune dal dispotismo tipico di quei tempi, nel suo Paradiso ricordandolo coi versi seguenti: “Cesare fui e son Iustiniano / che, per voler del primo amor ch’i sento / d’entro le leggi trassi il troppo e ‘l vano”.