@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Gregorio VII: breve biografia del pontefice medievale che instaurò la teocrazia come metodo di governo

Gregorio VII: breve biografia del pontefice medievale che instaurò la teocrazia come metodo di governo

Gregorio VII: breve biografia del pontefice medievale che instaurò la teocrazia come metodo di governo

Il 22 aprile del 1073, quando la salma dell’appena defunto Alessandro II non era ancora stata sepolta, le voci entusiaste dei cardinali, frammiste agli osanna del popolo, si riversarono sul monaco Ildebrando da Soana che, di peso, fu condotto nella Chiesa romana di S. Pietro in Vincoli per esservi acclamato papa col nome di Gregorio VII.

Ai cardinali riuniti non restò che leggere il decreto di nomina, preparato già in precedenza, di quell’uomo che godeva della massima popolarità, essendo da tutti conosciuto per la vocazione al potere che lo aveva sempre animato e che da una trentina d’anni egli teneva in costante allenamento, perché in cuor suo da tempo puntava ad insediarsi sul soglio di Pietro.

Di sicuro non aveva brigato per farsi eleggere anche perché non ne aveva bisogno, non avendo concorrenti, ed ora riceveva le “claves“ petrine, simbolo del potere pontificio, senza la benché minima esitazione, così come un “imperator” appena salutato dalle sue legioni era solito fare con la corona d’alloro.

Quel personaggio tanto carismatico si era fatto un nome come apprezzato collaboratore di ben cinque pontefici, per i quali aveva svolto incarichi sempre più delicati, sia in Italia che all’estero, in qualità di legato e consigliere. Nonostante fosse un ometto minuto e gracile, era animato da un coraggio da leone e la sua prima preoccupazione fu quella di ridare lustro ed autorità ad un’istituzione, la Chiesa Romana, che usciva dal suo “saeculum horribile”, un periodo in cui si erano susseguiti una dozzina di papi che avevano destato scandalo universale per i loro metodi simoniaci e l’immoralità dei loro comportamenti.

Gregorio VII: il Dictatus Papae

Così, non appena eletto papa, Gregorio VII si premurò di riempire con contenuti concreti e mettere in pratica l’indice di un trattato che gli frullava in testa già da tempo, nel quale aveva condensato tutto il suo personalissimo programma di riforme. Si trattava ovviamente del famoso “Dictatus Papae”, una riunione di ventisette massime che riassumevano le competenze del Romano Pontefice, delle quali basta leggere i sottotitoli per capirne la portata.

Fra i vari: “Quod ille solus possit deponere episcopos” (“Come soltanto lui possa deporre i Vescovi”); “Quod illi liceat imperatores deponere” (“Come soltanto a lui sia lecito deporre gli imperatori”); Quod illi soli possit uti imperialibus insignis” (“Come soltanto lui possa disporre delle insegne imperiali”) e ancora: “Come soltanto al Papa tutti i Principi debbano baciare il piede”; “Come la Chiesa Romana non abbia mai errato, né mai in perpetuo errerà, per testimonianza delle Scritture”, e via discorrendo…

Era, in poche parole, l’avvio di un regime teocratico totalitario e monolitico in base al quale Gregorio, come incarnazione di una Chiesa infallibile per investitura divina, diventava “il” sovrano assoluto per eccellenza, davanti al quale chiunque altro, sia in campo spirituale che temporale, non poteva che fungere da semplice comparsa o al massimo da portavoce dei suoi desiderata..

Di conseguenza, se prima di Gregorio principi ed imperatori si erano pesantemente intromessi non solo nelle nomine dei vescovi, ma persino in quelle papali, con Gregorio doveva essere chiaro a tutti che queste pratiche non sarebbero mai più state ammesse, ma al contrario sarebbe spettato al papa, che le deteneva per diritto divino, disporre delle insegne imperiali attribuendole a questo o quel soggetto.

Soltanto il “sole” costituito dal pontefice infatti, in una simile concezione, brilla di luce propria, illuminando di luce riflessa la “luna”, cioè l’imperatore di turno, cui può revocare la carica in qualsiasi momento.

La lotta alle investiture: lo scontro tra Gregorio VII e Enrico IV

Ecco dunque poste le premesse della cosiddetta “lotta per le investiture” con l’ambizioso imperatore Enrico IV che, ignorando gli avvertimenti papali, continuava invece a nominare o deporre questo o quel vescovo a suo piacimento.

Stufo dei rimbrotti papali, Enrico nel 1076 convocò a Worms un sinodo episcopale in chiave anti-gregoriana, conclusosi con un documento che definiva Gregorio “intruso, perturbatore della Chiesa, oppressore e tiranno” e gli imponeva di scendere dalla Cattedra di Pietro, invitando i cardinali a raggiungere la Germania per decidervi la scelta di un nuovo pontefice.

La reazione di Gregorio fu durissima e si concretizzò in una serie di scomuniche indirizzate ai vescovi che avevano sottoscritto tale documento ed all’imperatore stesso. L’impressione destata in Itala e Germania da tale scomunica fu enorme: quelli erano infatti anni in cui le giornate, i mesi e le stagioni degli uomini erano scandite dai tempi delle preghiere e dal calendario liturgico.

Era dunque impensabile, perché abominevole, che sul trono del Sacro Romano Impero Germanico sedesse uno scomunicato, cioè, etimologicamente parlando, un “espulso dalla comunità” dei cristiani.

Poiché tale scomunica liberava tutti i sudditi dall’obbligo di fedeltà nei confronti di quel particolare sovrano, le voci che si levarono contro Enrico in Germania, anche a causa del suo malgoverno, iniziarono a diventare sempre più numerose, tanto che egli fu ben presto abbandonato anche dai suoi più fidati sostenitori.

I principi tedeschi gli imposero dunque di trovare una conciliazione col papa perché altrimenti entro un anno avrebbero deciso la nomina di un altro imperatore. La “dead line” coincideva con la festa della Candelora del 1077, data in cui ad Augusta si sarebbe tenuta una dieta davanti alla quale era invitato a comparire anche papa Gregorio in qualità di giudice.

Gregorio VII e Enrico IV: l’incontro a Canossa

Puntualmente il papa si mise in viaggio per avvicinarsi poco a poco ad Augusta e lungo il cammino si fermò nelle terre dell’amica Matilda di Canossa, facendo tappa presso il suo castello arroccato sull’Appennino Emiliano. Enrico ruppe gli indugi e gli andò incontro, giungendo così a Canossa sul finire di un mese di gennaio gelido e nevoso in cui, stando al racconto del Gregorovius, “tre giorni stette lo sventurato re aspettando davanti alla porta della rocca a piedi nudi nella neve, coll’abito del penitente, supplicando di essere ricevuto e piangendo amaramente”.

Finalmente, il 28 gennaio del 1077 l’incontro ebbe luogo in un clima di generale commozione e si concluse con la riconciliazione dei due: fu revocata la scomunica e ad Enrico fu imposto di presentarsi davanti alla Dieta di Augusta per ottenere dai Principi tedeschi il loro perdono.

L’esilio del Papa a Salerno e la morte

Ad Enrico però, dopo il suo rientro in patria, i principi opposero ugualmente una forte resistenza fino a scatenarne la reazione che nel 1080 gli costò una nuova scomunica. Più esperto di tre anni prima, l’imperatore scese nuovamente in Italia come un rapace, fece eleggere un antipapa e costrinse Gregorio a rifugiarsi dentro a Castel Sant’Angelo, da dove poté essere liberato grazie soltanto all’intervento dei Normanni di Roberto il Guiscardo, che lo condussero in esilio a Salerno, dove sarebbe morto nel maggio del 1085 pronunziando la famosa frase: “Ho amato la libertà ed odiato l’iniquità. Per questo muoio in esilio”.