@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Gregorio XIII: breve biografia del Pontefice che riformò il calendario

Gregorio XIII: breve biografia del Pontefice che riformò il calendario

Gregorio XIII: breve biografia del Pontefice che riformò il calendario

Il 10 aprile del 1585 si spense alla per l’epoca veneranda età di 83 anni Papa Gregorio XIII (al secolo il bolognese Ugo Boncompagni), il cui nome è indissolubilmente legato alla famosa riforma del calendario entrata in vigore nel 1582.

Laureatosi in “Utroque iure” presso il prestigioso “Studium” della sua città natale, si costruì subito una solida reputazione come apprezzato docente di diritto presso lo stesso ateneo, fino ad essere chiamato a Roma da un amico cardinale, per ricevervi tonsura ed ordinazione sacerdotale quando era già ultra-quarantenne e padre di un figlio naturale, Giacomo.

Ugo Boncompagni al Concilio di Trento e l’elezione a Papa

Paolo III, stimandolo molto, lo inviò come esperto di diritto canonico a seguire i lavori del Concilio di Trento, incarico che il nostro mantenne anche durante i pontificati successivi sino a diventare uno dei principali estensori del documento finale.

Creato cardinale da Pio IV, il Boncompagni nel conclave del 1572 sbaragliò la concorrenza, venendo eletto all’unanimità già al secondo giorno, cosa mai successa nel Cinquecento. Impose subito “Urbi et Orbi” il suo stile asciutto e quasi monacale, in sintonia coi precetti tridentini, ad esempio sopprimendo molte feste pubbliche per destinare i denari in tal modo risparmiati “in maritar zitelle”.

Fedele al suo nome (Gregorio, derivando dal verbo greco εγείρω, “vigilo, sono sveglio”, significa “colui che vigila”) fu un grande accentratore, desideroso com’era, per l’appunto, di sorvegliare e dirigere tutto in prima persona, piuttosto che delegare. Riconobbe alcune importanti Congregazioni scaturite dal rinnovato fervore religioso post-tridentino, quali gli Oratoriani di S. Filippo Neri, i Barnabiti ed i Carmelitani Scalzi.

Potrebbe interessarti: Urbano VIII al secolo Maffeo Virginio Barberini: breve biografia

Gregorio XIII istituisce la Pontificia Università Gregoriana

Mai dimentico della sua antica attività di professore, diede un importante impulso agli studi sia ecclesiastici che classici, dotando di una nuova sede il Collegio Romano, sul cui maestoso frontale ancora oggi si legge il suo nome, ed istituendo la famosa Pontificia Università Gregoriana.

Gran costruttore ed appassionato d’arte, fece ampliare la piccola villa del Cardinale d’Este trasformandola nel Palazzo del Quirinale ed ordinò la costruzione della splendida Cappella Gregoriana in Vaticano, portata a termine sugli originali disegni michelangioleschi.

Pontificia Università Gregoriana
La Pontificia Università Gregoriana oggi sede del Ministero per i Beni Culturali

La commissione per la riforma del calendario

Il suo maggiore merito tuttavia, non certo scontato visto i rigori dottrinali del tempo, fu quello di aver affrontato l’annoso problema dell’ormai evidente sfasatura del calendario giuliano rispetto all’effettivo susseguirsi dei mesi e delle stagioni, istituendo un’apposita Commissione composta dai migliori matematici ed astronomi dell’epoca col preciso compito di studiare una riforma, poi approvata il 24 febbraio del 1582.

Gli incaricati appurarono infatti che ogni quattrocento anni il cosiddetto anno “tropico”, cioè l’anno naturale, anticipava di tre giorni quello giuliano, per cui nel Cinquecento il vero equinozio di primavera cadeva l’11 marzo, invece del 21 come avrebbe dovuto.

Potrebbe interessarti: Il calendario Gregoriano, origini e storia

Il nuovo calendario Gregoriano

Si decise così di sopprimere i giorni compresi fra il 4 ed il 15 ottobre del 1582, fissando la durata dell’anno in 365 giorni, 5 ore, 49′ e 12″, con la conseguenza di eliminare un anno bisestile ogni quattro secoli. La riforma entrò subito in vigore nei Paesi cattolici, ma incontrò la fiera resistenza dei protestanti che, accusando il Papa di voler “rubare undici giorni di vita alla povera gente” (!), avrebbero atteso chi cento, chi quasi duecento anni prima di riconoscerne la validità scientifica.

La Russia, per adottarlo, aspettò addirittura sino alla Rivoluzione bolscevica, mentre le Chiese greco-ortodosse ancora oggi si regolano sul calendario di Giulio Cesare, il che spiega la differenza di datazione fra la Pasqua cattolica e quella ortodossa.