@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > I Vespri Siciliani: breve storia della secessione della Sicilia dagli Angioini

I Vespri Siciliani: breve storia della secessione della Sicilia dagli Angioini

vespri siciliani breve storia secessione della sicilia dagli angioini

Il 31 marzo del 1282, lunedì dell’Angelo, proprio all’ora del Vespro ebbero inizio a Palermo i moti che sarebbero poi passati alla storia come i “Vespri Siciliani“, forse il primo sussulto di un’Italia allora divisa in una miriade di singoli Comuni e Stati più o meno autonomi, ma desiderosa di scuotersi di dosso il giogo straniero, nel caso di specie quello costituito dai Francesi di Carlo I d’Angiò.

Se la scintilla che diede fuoco alle polveri della fu l’arroganza con cui un soldato angioino si mise a perquisire alcune donne, credendo nascondessero armi, che indusse la popolazione palermitana a prendere le armi massacrando in breve tempo tutti i transalpini in circolazione, in realtà il fuoco della rivolta covava sotto le ceneri già da tempo ed aspettava soltanto un pretesto per divampare.

Gli Angioini infatti si erano resi impopolari sia per i loro modi arroganti, sia per l’imposizione di esosi tributi necessari a finanziare le smanie espansionistiche del loro re. D’altra parte, i ghibellini nostalgici degli Svevi portavano avanti una martellante propaganda, insistendo presso Pietro III d’Aragona, genero del defunto re Manfredi e quindi nipote dell’imperatore Federico II, affinché s’affrettasse a muovere guerra agli stessi Angioini, cacciandoli dalla Sicilia.

L’Aragonese di conseguenza, già tentato dall’impresa, non appena fu informato dei moti e ricevette dall’Assemblea Siciliana l’offerta della corona, ruppe gli indugi ed il 7 settembre del 1282 sbarcò a Palermo con la sua flotta, riuscendo poco a poco a scacciare i Francesi, che finirono poi per spostarsi in Calabria.

Potrebbe interessarti: Federico II: breve biografia e storia

I primi rapidi successi però si incagliarono presto a causa della controffensiva angioina, organizzata da Napoli e sostenuta da papa Martino IV, un francese ovviamente partigiano degli Angioini. Guerra e trattative si protrassero a fasi alterne per anni, finché nel 1296 i Siciliani, sfidando il rischio di una scomunica, elessero come loro re Federico d’Aragona, figlio di Pietro III, per poi finalmente giungere alla firma del Trattato di Caltabellotta del 1302, col quale Federico veniva ufficialmente riconosciuto “re di Trinacria” fino alla sua morte.

Teoricamente, lui defunto, l’isola avrebbe dovuto tornare in mano angioina, ma ciò non avvenne perché si consumò una vera e propria secessione della Sicilia dal resto del Regno.