@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Il “Codex Iustinianus”: il primo codice giuridico della storia del diritto romano.

Il “Codex Iustinianus”: il primo codice giuridico della storia del diritto romano.

Il “Codex Iustinianus”: il primo codice giuridico della storia del diritto romano
L’imperatore Giustiniano I, fautore del Codex Iustinianus

Il 7 aprile del 529 con la Costituzione “Summa Rei Publicae” l’imperatore Giustiniano I annunciava il completamento del Codex Iustinianus“, che finalmente riportava chiarezza e coerenza, eliminando inutili ripetizioni ed incongruenze, in quel caos magmatico costituito sino ad allora dalle norme di diritto romano, ammassatesi nei secoli alla rinfusa e senza nessuna organicità.

Il “Codex”, seguito a breve distanza temporale dal “Digesto” o “Pandette” (la prima raccolta delle fonti giuridiche) ebbe per la storia del diritto più o meno la stessa importanza della scoperta della penicillina per la medicina, tant’è che fu poi utilizzato, salvo rare eccezioni, in tutta Europa praticamente fino all’introduzione nel XIX secolo del Codice Napoleonico.

La sua realizzazione fu portata a termine in soli quattordici mesi da un’apposita commissione presieduta dal sommo giurista Triboniano, che svolgeva anche le funzioni di “Quaestor Sacri Palatii” (cioè Ministro della Giustizia) ed in quanto tale non disdegnava di aggiustare i processi in cambio di qualche bustarella.

La sua avidità di denaro però era compensata dall’eccezionale valore giuridico, per cui Triboniano rese un servizio d’incalcolabile valore al diritto in generale, non soltanto a quello imperiale ed orientale. Egli fu il pezzo più pregiato di quel formidabile “poker d’assi” costituito dalla ristretta cerchia dei più fidati collaboratori di cui Giustiniano, abilissimo “talent discoverer”, si circondò non appena diventato imperatore nel 527.

Oltre a lui, c’era il “Ministro delle Finanze” Giovanni di Cappadocia che, anche a costo di creare malcontento fra i tanti che allora (come oggi) le tasse non le pagavano o le pagavano soltanto in minima parte, ridistribuì il carico della pressione fiscale fra le classi sociali, azzerò gli sprechi, si diede da fare per combattere la corruzione, licenziò i burocrati inefficienti e dichiarò una specie di vera “guerra santa” contro gli evasori fiscali, puniti severamente con frustate, torture pubbliche e sequestro dei beni.

Ci fu poi il “Magister Militum” (Generale Supremo) Belisario, vincitore in rapida successione di Vandali, Goti, Persiani e trionfatore in tante altre spedizioni militari. Per finire, non va dimenticata la co-imperatrice Teodora, moglie di Giustiniano, della quale quest’ultimo s’invaghì nonostante il suo passato non certo cristallino di attrice e cortigiana d’alto bordo, fino a sposarla associandola al potere imperiale.

Giustiniano ed il “Corpus Iuris Civilis”
Edizione del Codex Iustinianus

Non ebbe a pentirsene perché da quel momento in poi Teodora mutò radicalmente il proprio stile di vita, diventando la fida consigliera che gli sarebbe stata a fianco nei momenti più difficili del suo regno, per esempio durante la rivolta detta della “Nikà!” (“Vinci!).

Con questo appellativo, corrispondente all’incitazione che gli “ultras” dell’epoca urlavano per sostenere i loro beniamini mentre gareggiavano, è passata alla storia la rivolta popolare scoppiata nell’ippodromo di Costantinopoli nel gennaio del 532 quando, alla comparsa di Giustiniano sul palco imperiale, il pubblico iniziò a gridare questa specie di “parola d’ordine” per chiamare ad una sollevazione popolare giustificata, agli occhi dei più, dall’insopportabile politica fiscale attuata dall’imperatore.

Di fronte a quella folla in subbuglio ed ai tentennamenti del marito fu proprio Teodora, con la sua calma glaciale, a prendere in mano le redini della situazione, organizzando una reazione immediata che avrebbe salvato il trono a costo però del massacro di circa trentamila rivoltosi, tutti ammazzati dentro all’arena dalle “teste di cuoio” dell’epoca per quella che fu una delle più grandi stragi dell’antichità.

Nel 565, quando calò nella tomba, Giustiniano lasciò le casse del tesoro vuote, ma un impero infinitamente più bello per meraviglie artistiche, funzionale per opere pubbliche d’importanza capitale quali strade, acquedotti, fognature e ponti, e moderno per le riforme da lui attuate un po’ in tutti i campi, a partire proprio da quello giuridico.