@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Il Pontormo, al secolo Jacopo Carucci: breve biografia di un grande artista

Il Pontormo, al secolo Jacopo Carucci: breve biografia di un grande artista

Pontormo breve biografia

Un bell’uomo giovane dalla folta capigliatura riccia e con il corpo atletico e ben definito, rivestito soltanto di un paio di slip che per foggia ed attualità non sfigurerebbero, con l’inclusione di chi li indossa, in un moderno cartellone pubblicitario. Ci guarda di profilo puntandoci contro l’indice della mano destra quasi a dire: “Ehi tu, ho visto che mi stai spiando! Ora esco da qui e vengo a prenderti!”, intanto che con la sinistra pare richiudere una porta non inquadrata nel disegno.

D’improvviso ci sentiamo nell’imbarazzata condizione di quanti, senza volerlo, hanno dato una sbirciata indiscreta verso la finestra del vicino di casa, stranamente spalancata a differenza del solito, cogliendolo in un momento d’intimità casalinga che però non ha nulla di sguaiato o volgare. Così l’anticonformista Jacopo Carucci, meglio conosciuto come “il Pontormo” (da Pontorme, località nei pressi di Empoli in cui nacque nel 1494) ci si presenta in un singolare “Autoritratto” eseguito a matita sanguigna su carta, immortalandosi in una sorta di “selfie” ante-litteram, un’opera tanto moderna da sopravanzare di secoli l’anno (1522) in cui fu realizzata.

Rimasto orfano di padre a soli cinque anni d’età e di madre a dieci, il Carucci ebbe un’infanzia segnata da lutti e privazioni tant’è che nonna Brigida, sua ultima parente stretta rimasta in vita, lo affidò appena prima di passare anche lei a miglior vita alla tutela del magistrato dei “Pupilli”, gli orfanelli della Firenze dei primissimi del Cinquecento.

Il maestri del Pontormo

Tristezza innata, ricerca d’auto-isolamento, agorafobia, misoginia ed insoddisfazione cronica sarebbero poi state una costante della vita del Pontormo, così come ci racconta il suo principale biografo, il Vasari, che ebbe modo di conoscerlo di persona. Da lui infatti sappiamo che, in relazione al mestiere di pittore svolto dal babbo defunto, il tredicenne Jacopo fu messo “a bottega” presso vari artisti. Se non v’è certezza che il suo primo Maestro sia stato il grande Leonardo, sicuro invece è che fece apprendistato prima presso Mariotto Albertinelli e poi Andrea Del Sarto.

Per il primo dipinse una “Annunciazione” che il Maestro “mostrava per cosa rara a chiunque gli capitasse a bottega”, Raffaello incluso il quale, dopo averla ammirata, “profetò di Jacopo quello che si è veduto riuscire”. Per il secondo invece nel 1513 affrescò la “Fede” e la “Carità” sulla facciata della SS. Annunziata, riscuotendo tanto successo da far morire d’invidia lo stesso Del Sarto, che da allora preferì fare a meno di lui.

Potrebbe interessarti: Piero della Francesca: breve biografia artistica di un grande pittore rinascimentale

Il Pontormo: le principali opere

Ma ormai l’arte del Pontormo brillava di luce propria, lodata anche da Michelangelo, tanto che gli ordinativi iniziarono a fioccare e fu lui allora ad aprire una sua bottega così avviando diversi “garzoni” alla professione, il più famoso dei quali sarebbe stato il Bronzino, del quale sarebbe rimasto amico per tutta la vita.

Potrebbe interessarti: La “Pietà”: breve storia ed analisi di uno dei capolavori di Jacopo Carlucci, detto “il Pontormo”

La sua continua ricerca della perfezione lo induceva spesso a distruggere, per la disperazione dei committenti, eccellenti lavori già portati a termine per poi rifarli diversi o trascorrere intere giornate davanti ad una parete o a una tela in assoluta contemplazione, senza mettere mano ai pennelli ma soltanto “ghiribizzando e stillandosi il cervello”, secondo quanto scrisse il Vasari. Perciò i suoi datori di lavoro, conoscendolo, intanto che lavorava preferivano affiancargli qualcuno che gli facesse da stimolo e lo risvegliasse, in caso di necessità, dai suoi sogni.

Per i Medici, i Signori di Firenze coi quali il nostro intrattenne sempre ottimi rapporti in base alla massima che “un artista serve chi paga”, realizzò alcuni dei suoi capolavori, fra i quali spiccano i ritratti di “Cosimo il Vecchio”, “Cosimo I in veste di alabardiere” e ancora “Cosimo I vestito alla spagnola”.

Pontormo - Ritratto di Cosimo il Vecchio
Il Pontormo: ritratto di Cosimo il Vecchio

Il rifugio del Pontormo nella Certosa del Galluzzo

Bellissimo, seppure purtroppo molto rovinato dal tempo e dalla intemperie, è il ciclo di affreschi da lui eseguito nella Certosa del Galluzzo, luogo dove l’artista si rifugiò per sfuggire alla terribile epidemia di peste che nel 1523 si abbatté su Firenze.

La quiete, il modo di vivere dei monaci, il silenzio e la solitudine di quel luogo sospeso nel tempo e nello spazio ben si confacevano alla natura del Pontormo, che per casa aveva una sorta di soppalco al quale si accedeva soltanto da una ripida scala a pioli che il padrone di casa, quando non voleva essere disturbato, provvedeva a rialzare isolandosi così anche per intere giornate.

Perché quest’uomo solitario, alieno da festeggiamenti e chiassi, frugale, morigerato e forse omosessuale fu davvero un artista unico, per molti versi precursore dei tempi, oltreché un personaggio straordinario nel senso etimologico di “fuori-dal-comune”.

Basti pensare che al culmine della sua notorietà si permise di lavorare solo per chi gli piaceva, disdegnando magari le ricche commissioni di certi gran signori che non gli andavano a genio, ma compensando con tre splendidi dipinti l’umile muratore che gli aveva eseguito alcuni lavoretti in casa.

La morte del Pontormo

Forse il desiderio di esorcizzare la morte, che nei primissimi anni della sua esistenza l’aveva rapidamente privato degli affetti più cari e della quale avrebbe sempre provato un sacro terrore, lo spinse a partire dal 1554 a tenere un diario intimo dove annotava quotidianamente tutto quanto potesse influire sulla sua salute: non solo quello che mangiava (“lunedì sera cenai con once 14 di pane, arista, uve e cacio”), ma anche i lavori cui si dedicava sino alle meno nobili fra le attività corporee.

Quando, ciò nonostante, spirò a Firenze nel giorno di Capodanno del 1557, fu inumato nel chiostro della SS. Annunziata, proprio sotto la “Visitazione” da lui stesso dipinta, al termine di una cerimonia funebre cui parteciparono tutti gli artisti allora presenti in città.