@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > L’imperatore Nerone: breve biografia e storia di uno tra i personaggi più crudeli del passato

L’imperatore Nerone: breve biografia e storia di uno tra i personaggi più crudeli del passato

L’imperatore Nerone: breve biografia e storia di uno tra i personaggi più crudeli del passato

Il 15 dicembre del 37 d.C. nasceva ad Anzio un personaggio che sarebbe stato annoverato fra i dieci uomini più crudeli della storia: Lucio Domizio Enobarbo, meglio noto come Nerone dal nome che avrebbe assunto dopo la sua adozione da parte dell’Imperatore Claudio, suo patrigno come secondo marito di sua madre Agrippina.

La discendenza di Nerone

Il pargolo discendeva da due famiglie altolocate: il padre Gneo infatti apparteneva alla casa dei Domizi Enobarbi, di nobiltà plebea perché relativamente recente. Il capostipite Lucio Domizio oltre due secoli prima aveva assunto il patronimico di “Enobarbo” per il colore della sua barba, rossa come il vino (οίνος, oinos, parola che in greco significa per l’appunto “vino”), caratteristica genetica poi trasmessa a quasi tutti i suoi discendenti di sesso maschile, Nerone compreso.

Mamma Agrippina invece era la quarta dei sei figli del famoso Germanico e sorella dell’Imperatore Caligola. Come però mette subito in chiaro Svetonio: “Nerone fu assolutamente degenere rispetto alle virtù dei suoi antenati e tuttavia riprodusse i vizi di ciascuno di essi, quasi trasmessi a lui per via genetica”.

In tal senso “…non est mirandum, quod aeneam barbam haberet, cui os ferreum, cor plumbeum esset!” (“Non v’è da stupirsi che abbia una barba dal colore del rame colui che possiede una faccia di ferro ed un cuore di piombo!”).

Dello stesso autore potrebbe interessarti: Orazio: breve biografia e opere del sommo poeta

E quanto plumbeo e gelido fosse il suo cuore lo lasciò intuire fin da ragazzo già dal cinismo con cui, grazie alle trame della madre, riuscì a farsi adottare dal patrigno Claudio, scalzando così in linea di successione al trono Britannico, il legittimo figlio di quest’ultimo poiché nato dalla prima moglie Messalina.

Nerone diviene imperatore

Per tutto ringraziamento, appena raggiunto lo scopo, Claudio fu levato di torno con un piatto di funghi velenosi fatti appositamente preparare dalla diabolica coppia composta da Agrippina e Nerone, che così si vide acclamare imperatore a soli diciassette anni.

Potrebbe interessarti: L’imperatore Vespasiano: breve biografia

Dopo un iniziale periodo trascorso all’insegna della moderazione anche grazie alla positiva influenza esercitata su di lui dal suo istitutore Lucio Anneo Seneca e dal consigliere politico Sesto Afranio Burro, il giovane Nerone non tardò però a manifestare la sua vera natura, improntata ai peggiori vizi quali avidità, sfrontatezza, lussuria, indolenza, crudeltà gratuità ed insofferenza alle regole.

Le vittime dell’imperatore Nerone

In tantissimi ne fecero le spese e fra di essi ci furono non solo estranei alla sua cerchia, ma anche e soprattutto servitori, amici e familiari. Una lista puramente indicativa comprende per esempio il fratellastro Britannico (avvelenato), l’istitutore Seneca (costretto a suicidarsi), la madre Agrippina (fatta uccidere a bastonate) oltre a tutti quanti osassero addormentarsi durante le sue esibizioni teatrali, solitamente dati in pasto alle belve nel Circo Massimo.

Fu sospettato anche di aver fatto appiccare il famoso incendio che nel 64 devastò Roma per sei giorni e sei notti, per poi ricostruire l’Urbe secondo i suoi canoni architettonici preferiti, addossando la colpa dell’accaduto ai cristiani, contro i quali scatenò la prima grande persecuzione che costò la vita fra gli altri anche agli Apostoli Pietro e Paolo.

Per sfuggire ai nemici che lo avevano quasi raggiunto quando già si trovava in fuga, preferì levare il disturbo a soli trent’anni suicidandosi con l’aiuto del suo segretario dopo aver esclamato con quella teatralità tipica del suo carattere istrionico “Qualis artifex pereo!” (Quale artista muore con me!).