@trentaminuti > Salute e benessere > Immunoterapia oncologica > In che modo funziona l’immunoterapia oncologica

In che modo funziona l’immunoterapia oncologica

Come funziona l’immunoterapia oncologica
In che modo funziona l’immunoterapia oncologica, conosciuta anche come immunoncologia? La domanda insorge da quando nella comunità medico scientifica si è venuto a conoscenza di questa nuova frontiera della lotta contro i tumori.

Si tratta di un protocollo terapeutico già somministrato in Italia, a Siena è stato recentemente aperto il Centro di immuno oncologia (CIO); eccellenza in questo settore per la terapia e la ricerca.

Gli studi e la somministrazione dell’immunoterapia stanno dando risultati sorprendenti contro vari tipi di tumore. Inoltre, le potenzialità terapeutiche dell’immuno oncologia sono in progressione, come nel caso dell’immunoterapia specifica contro le allergie.

Per capire come funziona l’immunoterapia oncologica non occorrono studi medici particolari. Si fonda sul meccanismo di difesa del sistema immunitario, presente in tutti gli esseri umani e animali.

Il funzionamento del sistema immunitario

Il meccanismo d’azione del sistema immunitario è semplice e si colloca alla base del funzionamento dell’immunoterapia contro i tumori. L’organismo, quando è attaccato da batteri oppure organismi estranei, attiva il sistema di difesa naturale che tenta di contrastare e distruggere gli agenti esterni. Questo principio, se vogliamo semplice, sta alla base del funzionamento dell’immunoterapia oncologica.

Potrebbe interessarti: Quali tumori cura l’immunoterapia oncologica oppure Immunoterapia oncologica: come si somministra

In che modo funziona l’immunoterapia oncologica

Comprendere in quale maniera funziona l’immunoterapia oncologica non è una questione prioritaria per un paziente. La cosa importante è che sta dimostrandosi una valida terapia contro il cancro. Tuttavia, la curiosità sul meccanismo d’azione che sta alla base di tale protocollo terapeutico è legittima.

L’immunoterapia oncologica, ad oggi, affianca efficacemente le terapie anti cancro tradizionali. La radioterapia, la chemioterapia, l’intervento chirurgico, praticate insieme all’immunoterapia, aumentano notevolmente le possibilità di guarigione. Tuttavia, per alcuni tipi di tumori è efficace il solo trattamento immunoncologico.

Il processo che sta alla base di questo protocollo terapeutico è semplice. Attraverso la somministrazione di particolari molecole, con l’immunoterapia oncologica vengono stimolate le difese immunitarie dell’organismo, ma in un modo particolare: agendo direttamente contro la neoplasia. In pratica il sistema immunitario attacca direttamente le cellule tumorali riconoscendole come corpi estranei. In questo modo si ha una notevole riduzione del cancro.

Quali tumori cura l’immunoterapia oncologica?

Allo stato attuale, l’immunoterapia oncologica è usata solo contro alcuni tipi di tumore; come il melanoma metastatico, dove è dimostrato un aumento di sopravvivenza fino a 10 anni. E’ efficace per il tumore a cellule squamose del polmone, contro il tumore al colon e il cancro prostatico. Sul tumore renale, il tasso di successo è del 70% per una sopravvivenza di 2 anni.

Risultati incoraggianti, che hanno portato la ricerca ad espandere l’immunoterapia anche ad altri tipi di cancro. Pertanto, ci si aspetta che la gamma di neoplasia curabili con l’imunoncologia aumenti di numero. La ricerca avanza così come la speranza.

Il presente articolo ha come scopo informare e non vuole sostituirsi al parere del medico oncologo.