@trentaminuti > Costume e società > Docenti Diritti Umani > Iniziativa dei Docenti dei Diritti Umani su decreto TAR Crotone e sulla prossima riapertura delle scuole

Iniziativa dei Docenti dei Diritti Umani su decreto TAR Crotone e sulla prossima riapertura delle scuole

coronavirus aumento contagi scuole

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in considerazione del decreto del TAR Calabria n. 01506/2020 con cui si sospende l’efficacia dell’ordinanza sindacale del comune di Crotone relativa alla chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado dal 09 dicembre al 22/12 per motivi connessi all’emergenza epidemiologica da COVID 19 ed alla successiva nostra azione condotta per contrastare tale misura ritenuta poco coerente con la situazione territoriale ed epidemiologica, considera fondamentale, viste le segnalazioni e le azioni intraprese successivamente al nostro comunicato dalle famiglie (petizione per far sospendere la didattica in presenza: 2.100 firme al 17 dicembre) e dai docenti in merito alla scarsa frequenza delle aule scolastiche ed al relativo malumore per non la sospensione DaD, avviare un monitoraggio per reperire i dati relativi alla presenza degli studenti all’interno degli istituti scolastici nei giorni inerenti all’apertura delle scuole (15/12 – 22/12).

Sono invitati pertanto tutti coloro che vorranno contribuire a costruire un quadro completo della situazione ad inviare i dati al nostro Coordinamento (coordinamentodirittiumani@gmail.com).

Ferma restando la volontà di valutare la costituzione in giudizio nel processo citato, manifestiamo – ad ogni effetto di legge – fin da subito la posizione del nostro ente quale parte interessata alla problematica processuale inerente all’apertura delle scuole di ogni ordine e grado nell’intero territorio italiano, dichiarando la disponibilità ad essere ascoltati, ex art. 56 c.2 cpa, anche fuori udienza e in via informale nel caso in cui la magistratura fosse nuovamente investita del compito di valutare l’adozione di misure cautelari monocratiche.

Il CNDDU già nel mese di agosto, al fine di prepararsi ad una terza ondata, segnalava la necessità di adottare misure concrete che garantissero mobilità adeguata, la salubrità degli ambienti di lavoro, il ricambio d’aria controllato, la costante sanificazione, la protezione (anche a mezzo distribuzione maschere ffp2 e ffp3) di tutto il personale scolastico e la ridefinizione del numero di studenti per aula.

Ancor oggi, nulla di tutto ciò è stato fatto, con la conseguenza di rendere necessario il mantenimento delle strategie di tutela attualmente in essere.

Potrebbe interessarti: Decreto TAR Calabria su apertura scuole CRotone: “atto poco idoneo”

Il CNDDU ancor oggi, ritiene del tutto legittime le preoccupazioni di docenti e genitori circa i pericoli riconducibili alla riattivazione della didattica in presenza nel mese di gennaio, per cui assume le distanze da tutti coloro che insistono nel pretendere una riapertura senza le dovute cautele e senza considerare che il calo dei contagi è proprio dovuto alle misure adottate in regioni come la Campania e la Puglia.

È manifesto che il cambiamento di strategia (passaggio dalla didattica online alla didattica in presenza), in assenza di serie misure strutturali, possa riaprire la strada ad un immediato e incontrollabile incremento dei contagi.