@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > La battaglia di Tapso: Giulio Cesare sconfigge le truppe Pompeiane

La battaglia di Tapso: Giulio Cesare sconfigge le truppe Pompeiane

La battaglia di Tapso
La battaglia di Tapso

Il 6 aprile del 46 a.C. si combatté a Tapso, nell’odierna Tunisia, la storica battaglia in cui Giulio Cesare prevalse su quel che rimaneva delle forze repubblicane, ormai orfane da circa due anni del loro leader Pompeo, prima sconfitto a Farsalo e poi ammazzato a tradimento, dopo che si era rifugiato in Egitto, da due consiglieri di re Tolomeo i quali, credendo così d’ingraziarsi Cesare, gli presentarono su un piatto d’argento la testa recisa del suo avversario, suscitandone invece l’orrore e la collera vendicatrice.

Dopo la scomparsa di Pompeo, gli ancor numerosi sostenitori della repubblica si raccolsero in Nord Africa sotto la guida di Quinto Metello Scipione, Lucio Afranio e Marco Porcio Catone detto “l’Uticense”, potendo anche contare sull’alleanza con Giuba, re dei Numidi.

Siamo ai colpi di coda di quella che fu la più lunga e sanguinosa guerra civile romana, combattuta su un immenso scacchiere geografico spaziante dalla Spagna fino alla Grecia ed all’Illirico, senza escludere l’Egitto e, per l’appunto, l’odierna Tunisia, a testimonianza del fatto che i Romani dell’epoca, se spinti da motivi bellici, non esitavano ad allontanarsi anche di molto dai loro confini naturali.

Tapso era situata su una lingua di terra racchiusa per un lato dal mare e per l’altro da una laguna. Giunto in loco, Cesare per prima cosa sbarrò l’istmo di terra sul quale sorgeva la città sia dal lato settentrionale che quello meridionale, per non lasciare alcuna via di fuga agli avversari, così costringendoli allo scontro che puntualmente avvenne a partire da Nord, dove le truppe di Quinto Metello Scipione ingaggiarono battaglia supportate dai “carri armati” dell’epoca: una ventina di elefanti in assetto di guerra che facevano strage dei cesariani con le loro possenti cariche e le zanne affilate.

Quando pareva che i repubblicani riuscissero a prevalere, ecco che Cesare ebbe uno dei suoi classici colpi di genio ed ordinò ai trombettieri di suonare i loro strumenti quanto più violentemente e disordinatamente riuscisse loro di fare, al fine di spaventare i pachidermi ed indurli così ad indietreggiare, sino a calpestare proprio chi se ne stava servendo, cioè i repubblicani.

La cavalleria cesariana approfittò dello sbandamento dei nemici per incalzarli e metterli in fuga, mentre Cesare concentrava le sue attenzioni prima sul campo di Afranio e poi su quello di Giuba, entrambi sbaragliati, tanto che Plutarco osservò: “in una piccola parte di un solo giorno divenne padrone di tre campi, si sbarazzò di 50.000 nemici e dei suoi non ne perse nemmeno 50!”.

Pur nell’evidente esagerazione delle cifre, la vittoria di Cesare fu netta e lampante. Tuttavia, non pago del successo, egli si diresse subito dopo verso Utica per catturarvi Catone, ma quando vi giunse scoprì che quest’ultimo si era dato la morte pur di non cadere vivo nelle sue mani, ed allora esclamò: “ω Κατων, φθονω σοι του θανατου: και γαρ συ εμοι της σης σωτηρίας εφθονεσας” (“O Catone, provo rancore nei tuoi confronti per la tua morte: infatti anche tu hai provato rancore verso di me, impedendomi di salvarti!”).

Potrebbe interessarti: Alessandro re dei Macedoni: le sue conquiste più importanti

Parole sicuramente belle, ma non si sa quanto sincere perché, come ci ricorda ancora Plutarco con una punta di malizia, se avesse davvero voluto risparmiare la vita a Catone, non si capisce perché poi, dopo la sua morte, gli si sia scagliato contro con tanto livore in una sorta di “pamphlet” intitolato l’“Anti-Cato” (“l’Anti-Catone”), un vero e proprio “j’accuse” nei confronti del defunto Uticense, scritto senz’altro allo scopo di giustificarsi di fronte all’opinione pubblica per aver causato la morte di un personaggio tanto popolare.