@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > La Congiura de’ Pazzi: cronaca dell’agguato ai Medici

La Congiura de’ Pazzi: cronaca dell’agguato ai Medici

la congiura dei Pazzi
Ritratto di Giuliano de Medici – autore: Sandro Botticelli

Le trame preparatorie della famosa “Congiura dei Pazzi”, che il 26 aprile del 1478 insanguinò Firenze, ci sono note perché dettagliatamente descritte nella confessione resa agli inquirenti dell’epoca dal capitano di ventura Gianbattista da Montesecco, uno dei suoi principali organizzatori.

La prima riunione operativa si tenne a Roma, nella primavera del 1477, fra lo stesso Montesecco, il banchiere fiorentino Francesco de’ Pazzi, l’arcivescovo di Pisa Salviati ed il conte di Imola Girolamo Riario, nipote di papa Sisto IV. Ognuno di loro aveva i suoi buoni motivi per odiare Lorenzo de’ Medici, detto “il Magnifico”, che aveva ormai instaurato nel capoluogo toscano una sorta di principato personale.

Le ragioni della congiura

Il timore per esempio che il recente infeudamento di Girolamo Riario nella contea di Imola, acquistata col denaro fornito dal ricchissimo banchiere de’ Pazzi a papa Sisto, desideroso di nobilitare il nipote prediletto col dono di una Signoria romagnola, sarebbe stato di breve durata era ben chiaro a tutti i componenti del gruppo, tanto che il Salviati affermò: “se questa cosa non se fa al Riario non gli daria del suo Stato una fava”, perché prima o poi il Medici glielo avrebbe soffiato, annettendolo al proprio.

Quanto al Pazzi, una “leggina” fatta approvare dal Magnifico al Senato fiorentino, che aveva iniziato tacitamente ad ubbidirgli, gli aveva impedito d’incamerare l’immensa eredità del nonno da poco defunto, come vendetta proprio per aver fornito al papa i denari necessari all’acquisto del contado di Imola, dopo che Lorenzo glieli aveva rifiutati perché su quello stesso contado gli occhi li aveva già messi lui.

Agli occhi dei congiurati, bisognava dunque quanto prima sbarazzarsi di Lorenzo de’ Medici e del fratello Giuliano, suo braccio destro, e la persona da loro individuata per passare all’azione era proprio il Montesecco, uno che di scrupoli ne aveva sempre avuti pochi.

La posizione di Papa Sisto IV sulla congiura dei Pazzi

Ma papa Sisto era al corrente di tutto e soprattutto era d’accordo? Che lo sapesse non c’è dubbio, perché mai si sarebbe potuto attuare un simile piano senza aver prima informato chi in quell’affare aveva tanti interessi, ma che lo volesse però è dubbio.

“Io non voglio la morte de niun per niente, perché non è offizio nostro acconsentire alla morte de persona, ma la mutatione de lo Stato sì”: con questa pilatesca risposta a chi sollecitava un suo parere, il pontefice sostanzialmente “si lavò le mani”, non volendo apparire come un omicida, ma al tempo stesso facendo capire tutto il suo astio nei confronti del Magnifico, tanto che i congiurati, colta la palla al balzo, s’affrettarono a mettere in pratica il loro piano.

Da parte sua, Lorenzo de’ Medici non era certo uno sprovveduto, tanto più perché un’efficace rete spionistica lo aveva informato dei rischi che correva, ma per calcolo politico non volle mai dimostrarsi pavido perché così facendo, nel codice non scritto del potere, avrebbe finito comunque col soccombere.

L’agguato durante la Santa Messa

Dopo un paio di tentativi andati a vuoto, i cospiratori vollero approfittare dell’occasione offerta dall’entrata in città del giovane cardinale Raffaele Sansoni Riario (anche lui nipote di Sisto IV) e dalla solenne Messa da lui officiata in cattedrale alla presenza di tutti i maggiorenti cittadini.

la congiura dei Pazzi
La Congiura dei Pazzi con l’uccisione di Giuliano de’ Medici nel dipinto di Stefano Ussi (1822-1901)

Ecco allora che, secondo il resoconto scritto dal Machiavelli a cinquant’anni circa dagli eventi, quel giorno Francesco de’ Pazzi e Bernardo Bandini, incaricati di uccidere Giuliano, andarono a prenderlo a casa sua temendo che non si presentasse a Messa a causa di un’indisposizione e, dopo averlo abbracciato per sincerarsi se indossasse o meno la maglia protettiva in ferro, lo accompagnarono in cattedrale.

Pur se insospettito Giuliano si lasciò convincere, convinto che nessuno osasse fargli del male in un luogo consacrato a Dio. Purtroppo per lui però, al momento dell’elevazione del Santissimo Sacramento quando tutti erano in raccoglimento, il Bandini gli conficcò un pugnale nel petto e, dopo che stramazzò a terra, fu subito raggiunto dai fendenti menati dal Pazzi che nella sua furia omicida si ferì persino ad una gamba.

Altri due sicari invece, i preti Antonio Maffei e Stefano da Bagnone, afferrarono Lorenzo, ma mentre il Maffei gli appoggiava una mano sulla spalla per immobilizzarlo e colpirlo, la vittima designata con la forza della disperazione riuscì a liberarsi e, dopo aver scavalcato con un salto la balaustra del coro, si rifugiò in sagrestia.

La fuga dei congiurati dopo l’agguato: il linciaggio fuori la Chiesa

Visto il parziale insuccesso del loro piano, i congiurati cercarono di svignarsela, ma i due preti sacrileghi furono subito catturati e linciati dalla folla inferocita, mentre il Bandini, scappato fino a Bisanzio, fu poi estradato nel dicembre del ’79 per finire impiccato alle finestre del Bargello, dove il giovane Leonardo, vistolo a penzoloni ed ancora vestito alla turchesca, lo ritrasse in un famoso schizzo.

Francesco de’ Pazzi invece si rifugiò nel suo palazzo, per esservi però raggiunto da una turba di forsennati che lo fecero sfilare nudo per le vie del centro, per poi impiccarlo alla finestra più alta del palazzo della Signoria, accanto ai cadaveri già penzolanti del Salviati e di suo fratello.

La persecuzione contro i sospettati della congiura

Non fu che l’inizio di una terribile mattanza in cui tutti i sospettati di essere amici dei congiurati furono sommariamente ammazzati, le loro teste mozzate infilate su picche e portate in processione per le vie cittadine.

Il risultato antitetico alle attese degli assassini fu la definitiva consacrazione di Lorenzo de’ Medici, ormai senza più rivali, a “Pater Patriae” di quella che, sebbene in teoria fosse ancora una Repubblica, si era di fatto trasformata nella monarchia personale di un “re senza corona”.