@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > La scomparsa di Papa Clemente XIV: cause naturali o arsenico?

La scomparsa di Papa Clemente XIV: cause naturali o arsenico?

La scomparsa di Papa Clemente XIV: cause naturali o arsenico?
Ritratto di Papa Clemente XIV

La morte di un Pontefice è sempre un evento straordinario. Così fu anche per la morte di Papa Clemente XIV, al secolo Giovanni Vincenzo Antonio (e in religione Lorenzo) Ganganelli.

Uno scorcio della vita di Clemente XIV, la biografia puntuale di un personaggio che da monaco inquisitore salì le gerarchie ecclesiastiche, fino ad essere eletto Papa. Divenne noto sciogliendo l’ordine dei Gesuiti.

Subito dopo la sua dipartita, gli appartenenti alla compagnia di Gesù esultarono. Da qui nacquero i dubbi sulla scomparsa di Papa Clemente XIV.

Cause naturale o morte per avvelenamento? Nessuno può dirlo con certezza. Solo delle ipotesi possono essere ventilate. Vale il detto “cui prodest” per farsi un’idea sulla vicenda della morte del Pontefice Clemente XIV.

Indice

Papa Clemente XIV: i dubbi subito dopo la sua morte

Arsenico nei Sacri Palazzi? Probabilmente sì e senza bisogno di ricorrere ai romanzi di Dan Brown, perché a distanza di quasi 250 anni dalla scomparsa di Papa Clemente XIV, avvenuta il 22 settembre del 1774, rimangono forti dubbi sulle cause della morte di un uomo di nemmeno 70 anni che fino al mese precedente se ne andava tranquillamente girando per Roma a cavallo, in apparente buona forma fisica.

La scomparsa di Papa Clemente XIV: cause naturali o arsenico?
Papa Clemente XIV a cavallo per le vie di Roma

I sintomi prima della sua morte

Se la versione ufficiale dei fatti ricondusse la sua dipartita ad una polmonite, la “vox populi” invece la ricollegò subito ad un avvelenamento, i cui responsabili avrebbero dovuto essere cercati in ambienti gesuitici. Certi cronisti dell’epoca, e più tardi anche il Pastor (autore di una monumentale “Storia dei Papi”), riferirono infatti che nel volgere di pochi giorni il Santo Padre fu colto da vomito, capogiri e violente convulsioni, oltre che da un cupo terrore della morte accompagnato da manifestazioni demenziali.

Breve biografia di Papa Clemente XIV

Nativo di Sant’Arcangelo di Romagna, Lorenzo Ganganelli entrò giovanissimo nell’Ordine dei Francescani Minori Conventuali e dopo qualche anno fu trasferito a Roma per essere nominato rettore del Collegio di S. Bonifacio, così facendosi notare da Papa Benedetto XIV, che lo fece inquisitore.

Clemente XIII lo creò poi cardinale, senza però che per questo il Ganganelli accettasse di abbandonare il suo saio monacale per la porpora, colore cui concesse soltanto il berretto e le calze. In quegli anni infuriava la polemica sul problema del momento, quello relativo ai Gesuiti, considerati ormai da quasi tutte le Corti Europee del XVIII secolo come una sorta di “longa manus” che agiva al servizio dei vari Pontefici in chiave anti-monarchica.

La scomparsa di Papa Clemente XIV: cause naturali o arsenico?
Ritratto di Lorenzo Ganganelli

I Gesuiti e la loro potenza in Italia e in Europa

Sempre più governi infatti vedevano negli appartenenti alla Compagnia di Gesù gli avversari più insidiosi, perché mai ufficialmente dichiarati, delle loro politiche regaliste, volte cioè ad estendere il controllo statale sull’organizzazione delle Chiese, come per esempio il Gallicanesimo in Francia ed il Febronesimo in Germania.

Dello stesso autore: Il Concilio di Costanza e la fine del grande Scisma d’Occidente

Accusati di complicità in regicidio fin dall’assassinio di re Enrico IV di Francia e poi di sovversione dell’ordine sociale, a partire dal 1760 iniziarono ad essere espulsi da alcuni Stati Cattolici, a partire dal Portogallo e poi dagli Stati a guida borbonica: Francia, Spagna, Regno di Napoli e Ducato di Parma.

Fondati da Ignazio di Loyola a metà del Cinquecento come “milizia scelta” della Chiesa, sempre ciecamente pronta ad obbedire al Papa, al costo della vita stessa, in chiave innanzitutto anti-luterana ed anti-calvinista, in due secoli i Gesuiti non avevano però saputo riformarsi, trovandosi così impreparati di fronte alle nuovi sfide rappresentate (per esempio) dal giansenismo, dall’illuminismo e dal razionalismo.

Quando ormai lo scontro fra ortodossia cattolica e protestantesimo non era più così frontale ed i roghi ordinati dall’Inquisizione andavano spegnandosi, i Gesuiti erano rimasti fedelmente incollati al motto “sint ut sunt, aut non sint” (“siano come sono o non siano affatto”).

Il Conclave che elesse Papa Clemente XIV

Di conseguenza, quando nel 1769 si aprì il Conclave, la discriminante su cui si sarebbe giocata l’elezione del nuovo pontefice consisteva proprio nella sua predisposizione o meno a sopprimere un Ordine che appariva ormai anacronistico e soprattutto irriformabile.

Lo scontro fra il “partito delle corone”, rappresentato da una metà abbondante dei Cardinali favorevoli a tale soppressione, e quello degli “Zelanti”, contrari perché gelosi dell’indipendenza della Santa Sede, si protrasse per oltre tre mesi e soltanto al 180esimo scrutinio la spuntò il Ganganelli, figura di compromesso perché non invisa a nessuno, che assunse il nome di Clemente XIV.

Dallo stesso autore, potrebbe interessarti: Pier Luigi Farnese, il figlio di Papa

Papa Clemente XIV: lo scioglimento della Compagnia di Gesù

Sebbene avesse rifiutato ogni impegno scritto sulla questione, per riportare pace nella Cristianità quell’uomo fondamentalmente buono si risolse infine col breve “Dominus ac Redemptor noster” del 21 luglio del 1773 a scogliere la Compagnia di Gesù, secolarizzando i chierici che avessero accettato il mutamento del loro status, ma anche di fatto inducendone altri ad emigrare in Paesi che cattolici non erano, quali la Russia dell’ortodossa Caterina II o la Prussia del luterano-agnostico Federico il Grande, ben strano destino per quanti erano stati i “mastini” del Papa.

Dello stesso autore: L’assedio di Vienna del 1863 da parte degli Ottomani oppure Carlo e Carlomanno: la storia degli eredi al trono dei Franchi

La scomparsa di Papa Clemente XIV: cause naturali o arsenico?
Sepoltura del Canova all’interno della chiesa francescana dei Santi XII Apostoli

La posizione dei Gesuiti dopo la morte di Papa Clemente XIV

Le incontenibili manifestazioni di gioia cui i Gesuiti si abbandonarono nemmeno un anno più tardi, alla notizia della morte di Clemente XIV, non fecero che corroborare i sospetti su chi fossero gli autori del suo probabile avvelenamento, anche se i diretti interessati smentirono, attribuendo la responsabilità dell’accaduto al buon Dio che a loro dire avrebbe così voluto castigare il Papa per l’empietà commessa.

La ricostituzione della Compagnia di Gesù

Sarebbero dovuti trascorrere quarant’anni prima che Pio VII (uomo di grande tempra morale, capace di mantenere la schiena diritta di fronte a Napoleone) si decidesse a restaurare, dopo una radicale riforma, la Compagnia di Gesù con la bolla “Sollicitudo omnium ecclesiarum” ed altri duecento circa per vedere il primo Gesuita assiso sulla Cattedra di Pietro.

Bibliografia: “la Storia dei Papi” di Ludwig Pastor” e “l’Italia del Settecento” di Indro Montanelli