@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Leone X, al secolo Giovanni de’ Medici: breve biografia del pontefice mediceo

Leone X, al secolo Giovanni de’ Medici: breve biografia del pontefice mediceo

Leone X, al secolo Giovanni de’ Medici: breve biografia del pontefice mediceo

Il 4 marzo del 1513 ventitré cardinali elettori si riunirono in conclave, divisi fra il partito degli “anziani”, capitanato dal ricchissimo Raffaelle Riario ( nipote di Sisto IV) e quello dei “giovani” fra i quali spiccava Giovanni de’ Medici, arrivato da Firenze con un paio di giorni di ritardo, ma subito notato da tutti a causa del cattivo odore emanato dal suo male cronico: una fistola inguinale in perenne suppurazione.

Suo padre, il famoso Lorenzo il Magnifico, soleva dire: “Ho tre figlioli: uno buono, uno savio ed uno sciocco”. Se il tonto era Piero ed il buono Giuliano, il savio era proprio lui, Giovanni, il secondogenito nato nel 1475, unico fra i tre che si era impregnato dell’atmosfera di splendore, munificenza e cultura che lo aveva circondato fin da bambino nel bellissimo palazzo di famiglia, in via Larga, a Firenze.

Con istitutori del calibro di Pico della Mirandola, Marsilio Ficino e Poliziano, ed amici di gioventù quali Michelangelo Buonarroti, Giovanni, mettendo a frutto i talenti che possedeva di suo, divenne un uomo colto e raffinato, di grande intelligenza e moderazione, sebbene fosse noto per flemma e lentezza nelle decisioni.

Giovanni de’ Medici: la carriera ecclesiastica fino al Papato

Avviato dal padre in tenera età alla carriera ecclesiastica, ricevette la tonsura a soli sette anni e la nomina a cardinale quando ne aveva appena compiuti quattordici. Quanto alla tiara, gli fu posta sul capo l’11 marzo del 1513 al termine di quel conclave-lampo, in cui i cardinali elettori lo scelsero per le sue qualità che promettevano un pontificato al tempo stesso splendido, ma anche pacifico, dopo gli anni tempestosi di Giulio II, il famoso “Papa-guerriero”.

I suoi confratelli infatti, più che un pastore di anime, cercavano un munifico principe che, in sintonia col gusto ed i fasti del primo Rinascimento, potesse far rivaleggiare la Roma papale con le più brillanti Corti dell’epoca: la Firenze medicea, la Mantova dei Gonzaga, la Ferrara estense e l’Urbino dei Della Rovere.

Alla notizia della sua elezione Giovanni, dopo aver scelto il nome di Leone X in onore dei grandi Papa medioevali che avevano portato in alto il nome della Chiesa, pare abbia esclamato: “Godiamoci il papato, poiché Dio ce l’ha dato”, felice di poter approfittare di quell’insperata occasione per accrescere ulteriormente il prestigio della sua Casata e sentirsi soddisfatto in quelle che erano le sue passioni predominanti.

Il famoso ritratto che Raffaello fece di lui attorniato dai Cardinali de’ Medici e de’ Rossi, ce lo presenta sovrappeso, col volto rotondo e paffuto, gli occhi bovini, un naso imponente ed il mento cascante, con però due occhi vivi rivolti verso un orizzonte lontano. In lui non si scorge nulla di mistico, ma solo la testimonianza della sua appartenenza al mondo.

Papa Leone X: il mecenate degli artisti

E così fu il suo pontificato: distratto dagli affari pastorali, ma concentrato su un universo di pagana bellezza fatto di arte, letteratura, culto della storia e protezione degli artisti. Se straordinario fu lo zelo da lui dedicato al recupero ed alla classificazione dei resti dell’antica Roma ed eccezionale il suo impegno come novello mecenate, capace di aprire la sua corte ai più grandi cervelli e talenti artistici dell’epoca (Raffaello e Michelangelo in primis, col quale pure ebbe numerosi screzi personali a dispetto dell’amicizia che lo legava a lui fin da ragazzo), disastrosa fu però per la Chiesa la sua opera in campo spirituale.

Il culto del bello e la passione per il collezionismo non potevano prescindere dalla necessità di reperire fiumi di denaro alla quale, in mancanza di meglio, si rimediava con la vendita all’asta dei cappelli cardinalizi distribuiti fra le più facoltose famiglie di quei tempi (famoso il Concistoro in cui papa Leone riuscì a piazzarne ben trentuno in un colpo solo!) e la scandalosa vendita delle indulgenze, scintilla scatenante dello scisma luterano, la cui reale portata e gravità non furono minimamente avvertite da quel tanto singolare Santo Padre.

 

La politica estera di Leone X

Certo, sull’onda del consenso popolare assicuratogli dal grande dispendio di denaro, Papa Leone X portò a segno diversi successi in campo politico e diplomatico. Memorabile per esempio fu la visita che nel 1515 fece a Firenze, la sua città natale, dove sostò fra festeggiamenti mai visti prima d’allora lungo la strada verso Bologna, città in cui avrebbe incontrato Re Francesco I di Francia, fresco vincitore della battaglia di Marignano. Da quest’ultimo, dopo avergli riconosciuto a costo zero il titolo di “novello Cesare” come vincitore degli Svizzeri, ottenne il benestare per l’investitura del nipote Lorenzo a Duca d’Urbino, in barba ai Della Rovere, oltreché la mano per lo stesso della contessina Madeleine de la Tour d‘Auvergne.

Da quella coppia sarebbe nata la Caterina che per trent’anni avrebbe governato la Francia prima come regina consorte di Enrico II e poi come madre degli ultimi tre Re della Casa di Valois. I suoi contemporanei in Italia, tutt’altro che scontenti del binomio “potere-ricchezza” che fu alla base di tutto il suo papato, gli dedicarono archi di trionfo dove lo celebravano così: “Un tempo dominò Venere; le tenne dietro Marte, ora Minerva ha la sua era”. Leone era dunque visto come il pontefice della Sapienza (“Minerva”), che veniva dopo Giulio II il guerriero (“Marte”) e dopo il sensuale Alessandro VI Borgia (“Venere”).

 

La congiura contro Leone X

Fortunosamente scampato nel 1517 ad una congiura ordita ai suoi danni dal Card. Petrucci, un senese mosso da odio verso di lui perché accusato di tramare contro la libertà della sua città natale, Leone non sopravvisse quattro anni più tardi ad una broncopolmonite buscata nel bel mezzo dei festeggiamenti tenutisi all’aria aperta nella sua splendida villa alla Magliana per celebrare la recente vittoria conseguita sui Francesi nella battaglia di Vaprio d’Adda dall’esercito imperiale comandato da suo nipote Giovanni Dalle Bande Nere, così passando a miglior vita il 1° dicembre del 1521 a soli quarantasei anni d’età.

Per il noto storico ottocentesco Gregorovius, il suo pontificato segnò “l’apogeo del Rinascimento”, perché per la sua spregiudicata ammirazione per ogni cosa grande e bella, l’entusiasmo per le creazioni del genio umano e la liberalità tipica dei Medici incarnò, come Papa, un’epoca intera. Un principe splendido e munifico, dunque, ma un ben mediocre “pastore di anime”.