@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > L’imperatore Costantino e l’appellativo di “Magno”

L’imperatore Costantino e l’appellativo di “Magno”

L’imperatore Costantino e l’appellativo di “Magno”

Una “stabularia” in epoca romana lavorava in locande fornite di una “stabula” (stalla) e frequentate da viaggiatori generalmente danarosi, trattandosi perlopiù di ricchi mercanti o militari di carriera, cioè i soli che si potevano permettere di viaggiare a quei tempi.

Con le famiglie lontane per tanti mesi o anni era naturale che quegli uomini di passaggio cercassero piacere fuggitivo con la locandiera di turno e proprio per questo, quando il Vescovo di Milano Ambrogio la celebrò a cent’anni dalla nascita, si premurò di definirla “bona stabularia”, cercando così di ripulirne l’incerta immagine in tempi in cui già se ne lodavano le virtù di madre, imperatrice ed aspirante santa in quanto protagonista dell’ “Invenzione della Santa Croce”.

Si chiamava Elena, che letteralmente significa “la fiaccola”, nome forse un po’ altisonante per una donna di origini plebee nata in Bitinia verso il 250 e diventata “stabularia” in giovane età. Fra una mescita di vino ed il servizio di un piatto di carne, la sistemazione delle stalle e lo sprimacciamento dei giacigli di paglia dei viaggiatori di passaggio, Elena sentì parlare delle orde di Goti che scendevano dalla regioni del Mar Nero saccheggiando città come Nicomedia e Bisanzio, come pure del gioco al massacro attuato da una serie di otto imperatori succedutisi sul trono romano in soli sedici anni caratterizzati da assassinii e spargimenti di sangue.

Potrebbe interessarti: Gaio Giulio Cesare: breve biografia e storia

Udì anche la vicenda di Zenobia, la discendente di Cleopatra succeduta al marito come Regina di Cilicia, Armenia, Cappadocia e persino dell’Egitto, da lei sottratto all’orbita di Roma. Al culmine della sua potenza aveva fissato la propria capitale a Palmira, in Siria, trasformandola quella città in una nuova Roma in mezzo al deserto, finché l’invidioso Imperatore Aureliano l’aveva catturata per condurla in trionfo a Roma, legata al suo carro con catene d’oro.

E proprio di Aureliano l’uomo di fiducia era Costanzo, un bel ventenne già assurto al grado di alto ufficiale dell’Impero. Quando lo incontrò per la prima volta presso la sua “stabula”, Elena ne fu sedotta, ma non essendo permesso ad un ufficiale come lui di sposare una donna di così basse origini e dubbia reputazione, se la prese come concubina, portandosela appresso durante le lunghe campagne militari.

Il 27 febbraio del 280 a Naisso (odierna Nis, in Serbia) vide la luce il frutto della loro relazione, quando Elena partorì un figlio maschio chiamato Costantino e destinato un giorno a diventare un grande imperatore, anche se alla nascita avrebbe potuto vivere solo poche ore.

Se infatti il padre, dopo che la levatrice l’aveva deposto ai suoi piedi, non si fosse chinato per sollevarlo così dimostrando a tutti di riconoscerlo come suo, il piccolo sarebbe rimasto esposto davanti alla porta di casa, in balia delle intemperie, degli animali selvatici o, nel migliore dei casi, per essere raccolto dal primo di passaggio per poi iniziare una vita da schiavi.

Certo la vita non fu semplice nemmeno per Costantino, perché presto il padre si allontanò da lui e dalla madre in quanto chiamato dal neo-Imperatore Diocleziano a ricoprire l’importante carica di prefetto del pretorio, che l’avrebbe poi proiettato ai vertici della gerarchia imperiale. Sempre per motivi politici, di lì a poco gli sarebbe stato imposto di sposarsi con Teodora, figliastra del co-Imperatore Massimiano, del quale era stato nominato “Cesare” nel quadro di quell’ingegnoso e funzionale sistema di ripartizione dei poteri che era diventato il sistema tetrarchico ideato da Diocleziano.

Col padre ormai lontano ed inserito in nuova famiglia, il quattordicenne Costantino fu ammesso da Diocleziano nel numero dei suoi paggi personali presso la corte di Nicomedia, dove fu trattato alla stregua d’un principe. Le cose cambiarono però bruscamente quando, dopo l’abdicazione di Diocleziano, Costantino si ritrovò sotto la tutela del nuovo Augusto d’Oriente, Galerio, un personaggio squallido, abbietto e crudele che soleva trattare i sudditi come servi di sua proprietà.

Timoroso per la propria vita, Costantino iniziò a tempestare di lettere il padre per farsi ammettere alla sua corte di Treviri, dove riuscì ad arrivare dopo un viaggio rocambolesco, sfuggendo per un soffio ai sicari di Galerio. Già gravemente ammalato, Costanzo volle accanto a sé il suo primogenito durante una spedizione militare in Britannia, dove la sua presenza s’era resa necessaria per debellare una ribellione degli Scoti e proprio ad Eboracum (odierna York) l’ormai esausto sovrano morì senza immaginare che il suo Costantino sarebbe stato acclamato dai legionari come nuovo imperatore, così iniziando quel percorso che, passando da Ponte Milvio, gli avrebbe meritato l’appellativo di “Magno”.