@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > L’imperatore Vespasiano: breve biografia

L’imperatore Vespasiano: breve biografia

L'imperatore vespasiono biografia breve

Dopo un periodo caotico in cui il potere imperiale era sembrato barcollare, come ci narra Svetonio, “rebellione et trium Principum caede” (“a causa della rivolta popolare e della (conseguente) uccisione di tre Imperatori”), ci voleva davvero un “Homo Novus” dotato di grande carisma e senso pratico per riportare un po’ d’ordine a Roma e nel suo già vastissimo impero.

E pazienza se l’origine della sua famiglia, la gens Flavia, era oscura e priva di antenati illustri, perché con lui “rei publicae nequaquam paenitenda” (“non ci fu alcunché di cui rammaricarsi per lo Stato”), che anzi ne uscì rafforzato grazie alla sua azione provvidenziale. Nato nel 9 d.C. in un villaggio della Sabina, vicino a Rieti, Tito Flavio Vespasiano fu allevato in modo spartano dall’adorata nonna Tertulla, la cui memoria il nipote avrebbe poi onorato per il resto della sua vita.

Quella donna avrebbe potuto pensare di tutto, ma non che un bel giorno il nipote diventasse Imperatore. Consultata infatti dal figlio Sabino, padre di Vespasiano, dopo un sogno premonitore, la stessa si mise a ridere dicendosi stupita perché “mentre lei, vecchia, era ancora sana di mente, suo figlio già delirava”.

Vespasiano iniziò la sua carriera di funzionario pubblico sotto Gaio Cesare, detto “Caligola”, e scalò rapidamente il classico “cursus honorum” romano come questore, edile e pretore, non senza però qualche infortunio come quando Gaio, infuriato per aver trovato le strade di Roma sporche quando lui, come edile, avrebbe dovuto occuparsi della loro pulizia, ordinò ai suoi pretoriani di imbrattarlo tutto di fango.

Potrebbe interessarti: Diocleziano: breve biografia di un crudele Imperatore

Meglio gli andò con l’Imperatore Claudio che, apprezzandone l’acume in campo militare, lo inviò in Germania e poi in Britannia in qualità di capo legione, per poi nominarlo governatore della provincia dell’Africa proconsolare. A sottolineare quanto mutevole possa essere la sorte delle persone, di nuovo per lui il barometro volse al brutto con l’avvento al potere di Nerone perché, non sopportandone “l’arte” canora, troppo spesso gli capitava di addormentarsi intanto che l’altro cantava o suonava la cetra, finendo così con l’attirarsi le di lui ire ed il conseguente allontanamento in Giudea (lontana provincia già allora quanto mai inquieta), a capo dell’esercito che avrebbe dovuto riportarla all’ordine.

Dello stesso autore potrebbe interessarti: L’imperatore Nerone: breve biografia e storia di uno tra i personaggi più crudeli del passato

Fu la sua fortuna, perché là si distinse tanto bene da incassare il sostegno ammirato dei suoi soldati, che in lui vedevano uno di loro. Così, quando si giunse al fatidico biennio del 68-69 con la guerra civile che, dopo il suicidio di Nerone, vide susseguirsi sul trono imperiale in rapida serie ben quattro Imperatori, l’ultimo dei quali, Vitellio, ucciso brutalmente proprio dai soldati di Vespasiano, il 21 dicembre del 69 l’acclamazione di quest’ultimo come nuovo imperatore da parte del popolo e del senato fu cosa fatta. Prontamente informato, Vespasiano rientrò in tutta fretta in Italia da Alessandria d’Egitto, dove si trovava, facendo il suo trionfale ingresso a Roma nella primavera del 70.

La sua azione riformatrice e pacificatrice fu rapida ed efficace. Avviò la ricostruzione delle zone di Roma devastate dalla guerra, permettendo a chiunque di occupare le aree vuote o trascurate dai loro proprietari e prendendo parte in prima persona ai lavori di ricostruzione, fra i quali quelli per l’edificazione del maestoso Anfiteatro Flavio, che ammiriamo stupiti ancora oggi come una delle meraviglie del mondo antico.

Sostituì senatori e funzionari corrotti con uomini scelti solo in base a criteri meritocratici; rinforzò i ranghi della magistratura per smaltire la massa di processi arretrati e, con la “Lex de Imperio Vespasiani”, per primo stabilì che la legittimazione del potere imperiale fosse di origine giuridica e non divina. Per il resto, nei dieci anni del suo regno si comportò in modo semplice e fu clemente con tutti, detestando l’affettazione ed il servilismo altrui.

Per rimpinguare le casse statali non si fece scrupolo di escogitare un’imposta persino sull’urina ed al figlio Tito che lo criticò per un simile provvedimento mise sotto il naso le prime monete racimolate in tal modo chiedendogli se fosse disturbato dal loro odore. Alla sua risposta negativa esclamò il famoso: “Pecunia non olet”. Se ne andò a 69 anni sempre conservando la sua ironia, tanto che persino sul letto di morte pare abbia esclamato: “Ahimè, temo che sto per diventare un dio”, con riferimento all’usanza romana di divinizzare gli Imperatori defunti.