@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > L’incoronazione di Napoleone Bonaparte

L’incoronazione di Napoleone Bonaparte

L’incoronazione di Napoleone Bonaparte

“Pourvu que ca dure” (“a patto che duri”): così, col suo fatalismo tutto mediterraneo, rispose “Madame Mère”, cioè la signora Maria Letizia Ramolino, a quanti sul finire di quella lunga giornata che fu domenica 2 dicembre del 1804 erano venuti a congratularsi con lei per la solenne incoronazione del figlio Napoleone ad Imperatore dei Francesi.

Napoleone, l’Imperatore dei francesi

L’ex primo console in verità già il 18 maggio precedente era stato proclamato Imperatore dal Consiglio di Stato a Saint Cloud, durante una cerimonia della durata di nemmeno un quarto d’ora.

Il titolo attribuitogli era quello curioso ed un po’ contraddittorio di “Napoleone, per grazia di Dio e della Costituzione della Repubblica, Imperatore dei Francesi”.

Queste acrobazie verbali, necessarie per far digerire ad un’opinione pubblica che, a soli undici anni di distanza dalla decapitazione di re Luigi XVI, vedeva restaurarsi un potere di fatto di tipo monarchico basato sul principio ereditario, furono la classica “foglia di fico” escogitata per salvare almeno le apparenze di un regime che ormai di repubblicano non aveva più nulla.

Napoleone: Imperatore per difendere la rivoluzione

Con la scusa infatti di “difendere la rivoluzione” dai complotti d’origine estera oppure interna che in ultima analisi miravano a togliere di mezzo proprio lui, Napoleone, quest’ultimo aveva astutamente posto le basi per immortalare la propria gloria, creando una nuova istituzione.

Re, principe o imperatore?

Nel terzetto dei possibili titoli da assumere (re, principe o imperatore) la scelta cadde sull’ultimo, apparendo i primi troppo modesti per un uomo di tal fatta. Così, dopo il passaggio poco più che formale costituito da un plebiscito dall’esito scontato, anche perché con risultati gonfiati con molta “ nonchalance” grazie ad un semplice tratto di penna del diretto interessato che moltiplicò per quattro i voti a lui favorevoli, si giunse a quella fatidica giornata che, poco più di mille anni dopo l’incoronazione di Carlo Magno a Roma, avrebbe fatto rivivere nella Cattedrale di Notre Dame alla presenza di un riluttante ed imbronciato papa Pio VII i fasti imperiali.

Gli ospiti e gli spettatori dalle prime ore a Notre Dame

Già alle sei del mattino i primi ospiti presero posto sulle tribune montate per l’occasione in quella chiesa che ancora mostrava gli sfregi iconoclastici inferti dai rivoluzionari pochi anni prima, mentre fuori faceva freddo e nevischiava; alla spicciolata arrivarono anche 460 fra musicisti e coristi, seguiti dai componenti del corpo diplomatico.

L’arrivo di Napoleone in Cattedrale

Finalmente, verso mezzogiorno, arrivò sul sagrato della Cattedrale lo splendido cocchio che trasportava Napoleone e sua moglie Giuseppina, trainato da otto cavalli bianchi: lui vestiva una lunga tunica di raso bianco con ricami dorati, sulla quale aveva un mantello purpureo bordato d’ermellino del peso di oltre 40 chili; lei già quarantunenne, ma che grazie al trucco di anni ne mostrava sì e no 25, portava un mantello di raso bianco con ricami d’oro e d’argento, oltre ad una serie di gioielli preziosissimi come il diadema di brillanti.

Potrebbe interessarti: Carlo Magno incoronato a Roma

Col petto gonfio dall’emozione Napoleone, al fratello Giuseppe, sussurrò in italiano, l’idioma di famiglia: “Se solo “babbù” (il babbo, in lingua corsa) potesse vederci oggi!”. La lunghissima cerimonia si svolse secondo l’uso borbonico, compresa l’unzione con l’olio sacro eseguita dal Papa della fronte e delle mani del novello Augusto, il quale però, appena ricevutala, pensò bene di ripulirsi subito.

L’auto-incoronazione di Napoleone

Poi, senza essersi confessato né comunicato, Napoleone non perse tempo e procedette con l’auto-incoronazione immortalata nel famoso dipinto di Jacques-Louis David oggi esposto al Louvre, sollevando sul proprio capo una corona che era la replica esatta di quella di Carlo Magno.  La sua avventura imperiale poteva così avere inizio.