@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > L’ultimo Gran Maestro Jacques de Molay e la fine dei Templari

L’ultimo Gran Maestro Jacques de Molay e la fine dei Templari

L’ultimo Gran Maestro Jacques de Molay e la fine dei Templari
Il Gran Maestro dei Templari Jacques de Molay

Col rogo che al tramonto del 18 marzo del 1314, sull’isola parigina della “Cité” nel bel mezzo della Senna, mise fine alle vite dell’ultimo Gran Maestro Jacques de Molay e del suo braccio destro Geoffrey de Charnay, così facendo definitivamente calare il sipario sull’Ordine dei “Pauperes Comilitares Christi Templiqui Salomonis” (altresì detti “Templari”), si compì una delle più grandi opere di mistificazione della storia, abilmente orchestrata nell’ambito di quello che certi storici hanno definito come un vero e proprio “crimine di stato”.

Ci troviamo di fronte ad un romanzo giallo, in cui però si conoscono anticipatamente sia il mandante dell’assassinio, il Re di Francia Filippo IV detto “il Bello”, che il sicario: Clemente V, primo della serie dei Papi avignonesi, un francese malaticcio, amante del quieto vivere e dei piaceri della vita, in tutto diverso dal suo predecessore, quel Bonifacio VIII vivente il quale mai Filippo avrebbe potuto ordire le sue trame.

Chi erano i Templari: breve storia

Chi erano i Templari? Membri di un ordine religioso e militare fondato in Terrasanta durante la I Crociata e riconosciuto da Papa Onorio II nel 1129, erano frati armati, abilitati a combattere per difendere Gerusalemme ed il Santo Sepolcro.

Ben presto divennero una grande e potente organizzazione sovranazionale, un po’ sul tipo di quello che ancora oggi è il Sovrano Militare Ordine di Malta, il cui primo scopo era di mantenere una salda presenza cristiana in Terrasanta. Ebbero un enorme successo fino agli inizi del Trecento, quando Re Filippo IV li mise in stato d’accusa per reati contro la fede cristiana, in un contesto davvero paradossale per uomini che avevano fatto voto di difendere quella stessa fede a costo della loro vita.

Sull’argomento: La prima crociata: le motivazioni

Le accuse contro l’ordine dei Templari

Le armi del crimine furono la diffamazione e le calunnie, diffuse ad arte nel quadro di un piano costruito ad arte su una sorta di “sexgate” ante litteram, basato sulla testimonianza di un rinnegato che aveva venduto a Filippo IV le sue velenose rivelazioni contro l’Ordine di cui aveva fatto parte, accusando i Templari non solo di essersi macchiati dell’ “abominevole crimine di Sodoma”, ma anche di eresia, idolatria, dedizione a riti esoterici ed adorazione di un diavolo chiamato “Bafometto”.

Il movente di tutta la macchinazione furono le enormi ricchezze accumulate dall’Ordine nei suoi due secoli di vita. E’ notorio infatti che i “Pauperes Comilitares”, prima di diventare tali, “pauperes” non lo erano affatto, perché tutti provenienti da famiglie appartenenti all’alta nobiltà e più che benestanti. Avendo però espresso voto di povertà al momento di entrare nell’Ordine, erano tenuti a devolvere in favore dello stesso le loro ricchezze.

Re Filippo, al contrario, era costantemente a bolletta e, grazie alla confisca dei beni che sarebbe seguita ad una condanna per crimini di quel genere, avrebbe potuto incamerare il loro tesoro, custodito in una cittadella fortificata chiamata “Temple”, a sua volta rinchiusa dentro la cerchia muraria di Parigi.

L’irruzione nelle sedi dei Templari e l’arresto di massa dei membri dell’Ordine

Ecco allora che in un’operazione poliziesca di stile moderno il 13 ottobre del 1307, poco prima che albeggiasse, in tutto il territorio del Regno di Francia un folto drappello di soldati fece contemporaneamente irruzione nelle varie sedi dell’Ordine, mettendo i Templari ivi presenti in stato di fermo.

L’indomani mattina i messi reali si presentarono a Poitiers, alla Corte di Papa Clemente, che già da un paio d’anni era subissato da voci maligne “super statu Templi”, alle quali però aveva sempre cercato di opporre resistenza. Ma ora, di fronte alle confessioni che iniziavano a fioccare sotto tortura, non poté più continuare a far finta di nulla e così, dopo qualche settimana, con la bolla “Pastoralis Praeminantiae” ordinò a sua volta l’arresto dei Templari in tutto il mondo cristiano, ovunque essi fossero. Solo un Papa infatti poteva legalmente mettere agli arresti dei consacrati che gli avevano giurato obbedienza.