@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Marco Aurelio: breve biografia dell’imperatore filosofo

Marco Aurelio: breve biografia dell’imperatore filosofo

Marco Aurelio imperatore romano filosofo

La statua dell’imperatore Marco Aurelio, che nel 1538 Michelangelo decise di collocare nel bel mezzo della piazza del Campidoglio a Roma, nel Medioevo era conosciuta come “Caballum Costantini”, essendo a torto ritenuta una raffigurazione del primo imperatore cristiano. Soltanto grazie a questo provvidenziale scambio d’identità il bronzo si salvò dalla fusione che invece purtroppo fece altre vittime illustri fra le statue della classicità, tramandandoci così un capolavoro artistico d’ineguagliabile bellezza e grande valore storico che ora fa bella mostra di sé nel cortile dei Musei Capitolini.

L’imperatore filosofo indossa il “sagum” da viaggio e pare davvero essere sul punto di partire, per nulla disturbato dalle urla della folla che lo accompagnano e che anzi, col gesto del suo braccio destro, è intento a smorzare, perché Marco Aurelio fu davvero un uomo mite, distaccato da vanagloria ed alterigia ed in tutto fedele alle sue origini.

Nato a Roma nel 121 e rimasto subito orfano di padre, fu cresciuto dal nonno paterno Marco Annio Vero e dalla mamma, da cui Marco Aurelio ereditò il culto per la “pietas” religiosa, oltreché i modi frugali che avrebbero caratterizzato tutta la sua vita, anche quando, diventato ormai l’uomo più potente del mondo occidentale di allora, non avrebbe disdegnato per esempio di ascoltare seduto come un qualsiasi discepolo le lezioni di retorica del sofista Aristide di Smirne, applaudendolo e chinando per rispetto di fronte a lui il capo.

Fu il grande Imperatore Adriano, nell’ambito di un intricato mosaico successorio, ad imporre al suo erede Antonino Pio di adottarlo come figlio, quando il ragazzo aveva diciassette anni. Questa scelta velocizzò la sua ascesa sociale ed il conseguente “cursus honorum”, che in rapida successione gli guadagnò le cariche prima di “tribunus monetalis” e poi di “tribunus militum”.

Dopo la scomparsa di Adriano, il nuovo Imperatore Antonino Pio volle ulteriormente rinsaldare i vincoli parentali con lui offrendogli in sposa la propria figlia Faustina, dalla quale Marco Aurelio avrebbe avuto ben tredici figli, e la contestuale nomina a console, ricoperta per la prima volta nel 140.

Potrebbe interessarti: Caligola, al secolo Gaio Cesare: breve biografia

Diventato a sua volta imperatore nel 161 alla morte del padre adottivo, seppure in un primo tempo affiancato come co-Imperatore dal fratello Lucio Vero, Marco Aurelio portò a compimento quella che giustamente fu definita “l’età dell’oro” in quel II secolo che vide l’Impero Romano toccare l’apogeo non solo in termini di estensione territoriale, ma anche come centro di potenza, ricchezza ed irradiazione culturale.

Certamente il suo principato non fu immune da lunghe guerre, ribellioni, carestie ed epidemie, ma da monarca illuminato quale fu Marco Aurelio si dimostrò in ogni circostanza rispettoso delle prerogative del Senato, che coinvolse in tutte le decisioni importanti. Istituì l’anagrafe, riformò il processo penale ripulendolo da abusi e condanne che non fossero basate su prove certe, regolarizzò le vendite pubbliche punendo severamente malversazioni e ruberie, colpì l’usura e preferì spendere il denaro in opere di pubblica utilità ed importanti infrastrutture, piuttosto che in feste e giochi gladiatori.

Il suo più grande lascito alla posterità è tuttavia costituito dai dodici libri di ricordi e meditazioni intime scritte in greco, in forma aforistica, ed intitolate: “Tà eis eautòn” (“Ad se ipsum”, cioè “A se stesso”), un’opera dunque non destinata alla pubblicazione, ma all’uso personale, improntata allo stoicismo classico di Epitetto ed all’ammirazione per il pensiero di Seneca.

Chi la legge, pur sentendosi alla stregua di un curioso che va a ficcare il naso nel diario intimo di un’altra persona, si accorge dell’importanza attribuita da Marco Aurelio alla provvidenza divina, vista come forza ordinatrice dell’Universo. E’ infatti con queste parole che egli si rivolge al Cosmo: “Da te ogni cosa, in te ogni cosa, verso di te ogni cosa”.

Così, dopo la morte che giunge in un certo senso come liberatrice, Marco Aurelio ammette la possibilità che l’anima si ricongiunga con la ragione cosmica, concetto non poi così distante dal Dio dei cristiani, per altro da lui severamente perseguitati durante il suo principato in ossequio alla fedeltà per la religione tradizionale dell’Impero.

Forse anche per questo, per tanti secoli il pensiero di Marco Aurelio cadde in un limbo fatto di oblio ed ignoranza, dal quale risorse soltanto nel 1559, contestualmente con la prima edizione a stampa della sua opera che si sarebbe poi affermata in tutta la sua validità come metodo di ricerca interiore particolarmente adatto anche alla psiche dell’uomo contemporaneo.

Non per nulla nel famoso film “Il silenzio degli innocenti” il cannibale Hannibal Lecter (impersonato da un grande Anthony Hopkins) così si sarebbe rivolto alla sua interlocutrice Sterling (Jodie Foster): “Leggi Marco Aurelio! Di ogni singola cosa chiedi cos’è in sé, qual è la sua natura”.
Quando morì il 17 marzo del 180 certo non poteva immaginare che quei suoi pensieri così intimi e personali, a distanza di quasi due millenni dalla sua scomparsa, ancora tanta saggezza e consolazione avrebbero portato all’uomo contemporaneo.