@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Maria I Tudor d’Inghilterra: breve biografia della Regina detta “la sanguinaria”

Maria I Tudor d’Inghilterra: breve biografia della Regina detta “la sanguinaria”

Maria I Tudor d’Inghilterra: breve biografia della Regina detta “la sanguinaria”
Maria I Tudor, Regina d’Inghilterra, detta la Sanguinaria

“Sanguinaria”, “malefica”, “rabbiosa”: alle prime luci dell’alba del 17 novembre 1558 questi erano gli appellativi che circolavano sottovoce al capezzale di una donna che si stava spegnendo a soli 42 anni d’età, ridotta ad uno scheletro col ventre innaturalmente rigonfio da un tumore all’utero che la consumava ormai da mesi.

Eppure ebbe ancora la forza di assistere alla messa celebrata nella sua camera e di ascoltarla con partecipazione, rispondendo all’invocazione del “Miserere nobis”, per poi addormentarsi nel sonno del passaggio estremo dopo aver sussurrato: “In manos tuas Domine commendo animam meam”.

Così si congedò da questo mondo la regina d’Inghilterra Maria I Tudor, figlia di Enrico VIII, cedendo non solo alla malattia, ma anche ad una serie di dispiaceri e preoccupazioni quali la lontananza ed indifferenza del marito, l’umiliazione ed il dolore provocati da una falsa gravidanza, la scomparsa in rapida successione dei parenti più cari e, da ultimo, la definitiva perdita per l’Inghilterra della città di Calais, ultimo possedimento inglese in terra di Francia.

Dopo nemmeno un paio d’ore però, anziché a lutto, le campane delle chiese di Londra risuonarono a festa e per le strade iniziarono i festeggiamenti a base di colossali mangiate e bevute, musica e balli.

La nuova regina Elisabetta I infatti così aveva voluto, perché quello doveva essere il giorno gioioso della sua ascesa al trono e non del lutto per la scomparsa della sorellastra, del cui decesso appena appresa la notizia, era caduta in ginocchio esclamando: “Questa è opera di Dio, meravigliosa ai nostri occhi”.

Maria I Tudor d’Inghilterra: breve biografia della Regina detta “la sanguinaria”
Elisabetta I, sorella di Maria la Sanguinaria

Le due donne avevano ereditato l’odio reciproco dalle rispettive madri: Maria, di ben 17 anni più anziana, considerava Elisabetta alla stregua di una “bastarda”, perché figlia di Anna Bolena, decapitata con l’infamante accusa d’infedeltà coniugale.

Riteneva poi le licenziosità della sorellastra, oltre che una prova dei suoi bassi natali, un’ottima ragione per impedirle di succederle sul trono. Il loro contrasto caratteriale era anche esasperato dalla religione, con la prima fervente cattolica, in sintonia con la madre Caterina d’Aragona; la seconda invece era protestante, anche se provvisoriamente convertitasi al cattolicesimo per evitare guai durante il regno di Maria.

Ma com’è possibile che durante la breve (cinque anni appena!) permanenza sul trono di una sovrana tanto devota, questa abbia potuto essere demonizzata tanto in fretta da meritarsi una subitanea “damnatio memoriae”?

Le persecuzioni verso i protestanti di Maria la Sanguinaria

Ciò che le costò gli inquietanti soprannomi che le furono appiccicati fu in primis la persecuzione attuata nei confronti di qualche centinaio di protestanti, mandati al rogo nell’ambito però di un contesto più ampio. Consapevole della dignità del suo ruolo e del nome che portava, Maria era profondamente convinta di essere stata posta sul trono d’Inghilterra da Dio in circostanze straordinarie, col compito specifico di riportare il suo Paese nell’alveo del cattolicesimo, ed in tal senso non aveva esitato ad immolare le sue sofferenze terrene per la riuscita di questa missione suprema.

Certamente la sorte con lei non era stata benigna: sopravvissuta ad un’adolescenza marcata da malanni vari, aveva assistito impotente all’umiliazione inflitta alla madre, ripudiata dal bizzoso e crudele marito in favore di una donna di bassi natali che lei considerava alla stregua di una prostituta; aveva subito i capricci di Enrico VIII, padre lontano e distaccato, che l’aveva isolata per anni rifiutandosi persino di vederla e separandola dall’adorata madre; aveva corso pericoli mortali durante l’effimero regno del fratello Edoardo VI, debole, malaticcio e facilmente influenzabile da ministri interessati a mantenere l’Inghilterra nel protestantesimo e perciò pronti a tagliarla fuori acclamando regina, alla morte di Edoardo, la giovanissima Jane Grey, poi detronizzata dopo soli nove giorni in favore della legittima pretendente al trono, cioè proprio lei, Maria.

Potrebbe interessarti: Paolina Bonaparte: breve biografia della sorella di Napoleone

Filippo d’Asburgo: il marito infedele di Maria I Tudor

Si era sposata con un uomo molto più giovane, il bel principe Filippo d’Asburgo, figlio dell’Imperatore Carlo V e futuro re di Spagna, il quale aveva accettato per pura opportunità politica di bere “l’amaro calice” del matrimonio con quella donna già molto anziana per i canoni dell’epoca ed assolutamente priva di fascino.

La falsa gravidanza di Maria la Sanguinaria

Lei lo aveva amato alla follia, ma sempre a senso unico, venendone ricambiata con una glaciale indifferenza ed una ripetuta serie d’infedeltà coniugali di cui veniva regolarmente informata dagli spioni che aveva infiltrato al suo seguito. Infine, aveva patito la lacerante delusione d’una falsa gravidanza che l’aveva esposta allo scherno delle corti straniere ed ai lazzi del popolino.

Ciononostante era riuscita a far fronte con coraggio e determinazione ad una grave crisi finanziaria e gestire con buon senso la politica estera del Paese. Certamente però, fedele alle convinzioni non soltanto sue, ma tipiche di quei tempi, considerava l’eresia come un crimine abominevole, innanzitutto perché atto a precludere agli ignoranti la possibilità di salvezza.

Pertanto, in perfetta sintonia coi calvinisti che in quegli stessi anni in Svizzera sostenevano per bocca di Calvino che “non solo è legittimo punire con la morte gli eretici, ma si è obbligati a farlo, per non divenirne complici”, così impegnandosi in metodiche persecuzioni di cui fece le spese, per esempio, Michele Serveto, e coi luterani che in Germania compivano orribili stragi ai danni degli anabattisti, anche i vescovi cattolici reinsediati da Maria si misero all’opera per fare “pulizia”, con le conseguenze che conosciamo.

Storie di due sorelle – Elisabetta e Maria la Sanguinaria

Maria era la cattolica poco apprezzata, Elisabetta la protestante ammirata e regnante. Questo è quello che ci ha raccontato la storia, ma le due figlie di Enrico VIII avevano in comune più di quanto sembri. Ultimo appuntamento questa sera alle 21.15 con «Storie di due sorelle – Elisabetta e Maria la Sanguinaria».

Pubblicato da Sky Arte su Giovedì 10 ottobre 2019

Nessuna differenza, a parte un computo dei morti più elevato, si riscontrò sotto i regni successivi, quelli cioè di Elisabetta I ed ancor più Giacomo I, che non diedero tregua ai “papisti”, massacrati senza pietà.

Considerato però che la storia la scrivono sempre i vincitori, ecco che il ritratto di una donna sola ed infelice, ma pur sempre coerente coi propri ideali, è stato offuscato per secoli dall’ombra del triste ed infamante appellativo di “Bloody”, la Sanguinaria.