@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, la moglie di Napoleone: breve biografia e storia

Maria Luigia d’Asburgo-Lorena, la moglie di Napoleone: breve biografia e storia

Maria Luigia d'Asburgo-Lorena, la moglie di Napoleone: breve biografia e storia

In una cappella un po’ defilata della lugubre “Kapuzinergruft” (la Cripta dei Cappuccini di Vienna) si trova, oltre a quelli di tanti imperatori, imperatrici ed arciduchi, anche un pesante sarcofago bronzeo sormontato da una corona di fiori freschi gialli e blu con una dedica in italiano.

Si tratta dei colori della città di Parma, che con questo omaggio floreale vuole ricordare colei che per oltre un trentennio fu la sua “brava duchessa”: Maria Luigia d’Asburgo-Lorena. Figlia dell’Imperatore Francesco II, nonostante l’amore profondo che il padre provava per lei, fu da quest’ultimo usata come pedina di scambio sulla scacchiera politica europea del primo Ottocento.

Sebbene cresciuta nel disprezzo per quel “parvenu” che, nella sua cerchia familiare, era considerato Napoleone Bonaparte, appena diciannovenne fu spedita nel suo talamo nuziale senza tanti complimenti, perché la ragion di stato così imponeva di fare.

Adattatasi alla convivenza con un marito ingombrante e mai amato, gli regalò comunque il tanto atteso erede: “l’Aiglon”, il piccolo “re di Roma”. Al crollo del sistema napoleonico però, malgrado le insistenze del coniuge, invece di raggiungerlo sull’isola d’Elba Maria Luigia si rifugiò a Vienna col pargolo, potendo finalmente tornare ad essere se stessa.

I famosi “Cento giorni” che videro il trionfale rientro di Napoleone a Parigi, oltre a mettere in subbuglio l’Europa intera, gettarono nella costernazione più nera proprio lei, che tutto voleva meno che rimettere piede sul suolo francese e men che meno rivedere il marito, anche perché il suo cuore aveva preso a palpitare per il generale Adam Neipperg, suo nuovo consigliere e segretario particolare.

Maria Luigia d'Asburgo-Lorena, la moglie di Napoleone: breve biografia e storia
Le nozze di Napoleone – 2 aprile 1810

Trentanovenne galante, atletico e con un’aurea da “cavaliere senza macchia e senza paura” il bell’Adam, col fascino da tenebroso assicuratogli dalla benda che gli copriva la cavità oculare dopo la perdita dell’occhio destro in un’operazione militare, non tardò a diventare suo amante e confidente personale.

Comprensibile dunque che la definitiva caduta dell'”Aquila” a Waterloo rese Maria Luigia letteralmente “fuori di sé dalla gioia”, tanto più che di lì a poco venne a sapere che il legittimo consorte era ormai al sicuro, confinato su una nave inglese che lo stava trasportando verso la remota isola di Sant’Elena, da dove non sarebbe mai più tornato vivo.

Una nuova vita, o per meglio dire, la vera vita iniziò per lei in quel preciso momento, anche perché al tavolo delle Grandi Potenze riunite a Congresso a Vienna le fu assegnata come risarcimento la reggenza dei Ducati di Parma, Piacenza e Guastalla, a condizione però che vi si recasse da sola, lasciando a Vienna il figlio Napoleone II che sarebbe stato educato come un perfetto principe asburgico.

Troppo forte era infatti il pericolo che qualche testa calda potesse un giorno vedere in lui il perno di un nuovo ordine imperiale napoleonico. Così, nella primavera del 1816, accompagnata del suo amante-consigliere Neipperg dal quale già l’anno successivo avrebbe avuto una figlia seguita a breve distanza da un maschietto (nati quando Napoleone era ancora in vita), Maria Luigia fece il suo ingresso ufficiale a Parma, accolta con tale entusiasmo che, come avrebbe scritto al padre, “mi sono venute le lacrime agli occhi”.

La nuova duchessa regnò sempre in prima persona, seppur potendo contare sui preziosi consigli di Neipperg (sposato morganaticamente qualche mese dopo il decesso di Napoleone) e riuscì presto a farsi benvolere da tutti, grazie alla sua clemenza e moderazione, facilitata dal fatto che i Parmigiani si sentivano lusingati dall’avere come loro sovrana una principessa che era stata la prima signora d’Europa.

Maria Luigia d'Asburgo-Lorena, la moglie di Napoleone: breve biografia e storia
Il conte Adam Albert von Neipperg, secondo marito di Maria Luisa

Subito varò il primo codice civile, redatto sulla falsariga di quello napoleonico, risanò le finanze con drastici tagli alla spesa pubblica, rilanciò l’agricoltura e diede impulso alla prima industria alimentare legata alla produzione di formaggi e salumi.

Potrebbe interessarti: L’incoronazione di Napoleone Bonaparte oppure L’imperatore Francesco II, al secolo Francesco Carlo d’Asburgo Lorena: breve biografia

Promosse la costruzione di istituti per l’infanzia abbandonata, scuole ed ospedali, spendendosi in prima persona durante la terribile epidemia di colera del 1836. Trasformò Parma una piccola capitale culturale, specialmente in campo musicale, facendo costruire il bel Teatro Ducale nel quale “tenne a battesimo” un suo protetto, il giovane Giuseppe Verdi, che le avrebbe dedicato la partitura dei “Lombardi alla Prima Crociata”.

Invecchiata prematuramente anche per i gravi lutti familiari che l’avevano gettata nello sconforto, lasciò questo mondo a soli 56 anni il 17 dicembre del 1847, appena in tempo per evitarsi i moti del ’48.