@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Martin Lutero alla Dieta di Worms: il gran rifiuto e lo strappo da Roma

Martin Lutero alla Dieta di Worms: il gran rifiuto e lo strappo da Roma

Martin Lutero Dieta di Worms
Martin Lutero alla Dieta di Worms: il gran rifiuto e lo strappo da Roma

Rispondendo all’invito fattogli pervenire un mese prima dall’imperatore Carlo V d’Asburgo, che nella sua lettera gli si rivolgeva chiamandolo “Nostro nobile, caro e stimato signor Martin Lutero, il 17 aprile del 1521 quest’ultimo comparve davanti alla Dieta di Worms per esservi giudicato da un collegio di dotti e teologi con riferimento all’ortodossia delle tesi da lui sostenute in materia di dottrina cristiana.

Soltanto tre mesi prima, con la bolla “Decet Romanum Ponteficem”, l’ex monaco agostiniano era stato scomunicato da papa Leone X, dopo che una prima ammonizione comminata con la precedente “Exsurge Domine” era stata bruciata sulla pubblica piazza dal destinatario. Certamente Lutero aveva esitato un po’ prima di aderire all’invito imperiale perché, memore di quanto capitato cent’anni prima a Jan Hus in quel di Costanza, si era prima premurato di ottenere da Carlo un salvacondotto “a prova di fiamme”.

Il suo ingresso in Worms avvenne il 16 aprile su un carro sassone a due ruote insieme a pochi compagni, e sebbene fosse l’ora del pranzo circa duemila persone si riunirono per accompagnarlo al suo alloggio. Quando l’imperatore lo vide per la prima volta esclamò: “Costui non farà mai di me un eretico!”. Ed in effetti il contrasto fra i due non poteva essere più abissale: da parte una infatti si trovava “Cesare”, il ventunenne Carlo V, erede di un lungo lignaggio di sovrani cattolici, rampollo della Casa d’Asburgo, Signore d’Austria, Borgogna, Paesi Bassi, Spagna e Napoli oltre che sacro romano imperatore sulle cui terre “non tramontava mai il sole”.

Di fronte a lui, unico personaggio seduto in un’aula traboccante di gente, stava ritto in piedi il figlio di un minatore, già piuttosto avanti negli anni per i canoni del tempo e sostenuto soltanto dalla propria fede.
Gli fu presentata una pila di libri ed alla domanda postagli da padre Eck, funzionario dell’arcivescovo di Treviri, se li riconoscesse, rispose: “Sì, quei libri sono i miei, e ne ho scritti anche altri!”. Eck lo incalzò nuovamente: “Li difendi o vorresti ripudiarne una parte?”

Prima di rispondere, Lutero chiese ventiquattr’ore di tempo per riflettere che Carlo, nella sua clemenza, gli concesse, col risultato però di permettergli d’elaborare un memorabile discorso che l’indomani avrebbe tenuto il pubblico col fiato sospeso, toccando tematiche assai care a quel numeroso uditorio già impregnato del fortissimo nazionalismo tedesco che, nei secoli, abbiamo tutti imparato a conoscere.

I suoi sapienti richiami “alla vita malvagia ed al cattivo insegnamento dei papisti”, “alla tirannia attuata dalla nuova Babilonia (Roma)” ed alla difesa degli interessi e soprattutto dei quattrini (!) dei popoli germanici, fagocitati dalle enormi spese per la costruzione della nuova Basilica Vaticana, se non riuscirono a smuovere le granitiche convinzioni di Carlo V, impressionarono invece la maggior parte degli ascoltatori, inclusi due dei grandi elettori imperiali: Ludovico del Palatinato e Federico di Sassonia.

Battendo sempre sul concetto del “Loss von Rom” (“Via da Roma”), Lutero concluse il suo discorso con la famosa frase: “Hier stehe ich, ich kann nicht anders” (“Io sto qui saldo e non posso fare altrimenti”) e rifiutò ogni ritrattazione. Con quelle parole ed in quel preciso istante, molto più che nel giorno d’affissione alle porte della Cattedrale di Wittenberg delle sue “novantacinque Tesi” riguardanti il valore delle indulgenze, si consumò la definitiva separazione fra la “vecchia” Chiesa Cattolica e Romana e la “nuova” Chiesa Riformata e Protestante, che avrebbe poi modificato il corso della storia stracciando la veste senza cuciture della Cristianità.

Il Cattolicesimo romano ci avrebbe messo più di vent’anni per rendersi conto, con colpevole ritardo, dell’effettiva a portata di quello strappo, correndo ai ripari col Concilio di Trento e la Riforma da esso scaturita, grazie alla quale la pur malandata barca di Pietro, se non altro, riuscì a non colare a picco.