@trentaminuti > Costume e società > Varie costume e società > Minori ed internet: come proteggere i nostri figli online

Minori ed internet: come proteggere i nostri figli online

Una breve guida rivolta a genitori e tutori che hanno figli minori così da proteggerli dalle insidie di internet Minori ed internet: come proteggere i nostri figli online

La tecnologia ha indubbiamente pervaso la nostra vita quotidiana, tant’è che difficilmente ne possiamo fare a meno: smartphone, tablet, smartwatch, computer, smart TV, tutti noi possediamo almeno uno di questi dispositivi. Pensiamo solo alla miriade di azioni che facciamo ogni giorno attraverso la rete e i dispositivi online: social media, acquisti, ricerche. Non siamo solo noi a svolgere queste attività ma anche i nostri figli, ormai chiamati anche nativi digitali in quanto sono nati in un mondo in cui la tecnologia e internet sono parte integrante della nostra vita fin da quando nasciamo.

Agli aspetti positivi però si associano anche dei lati negativi che spesso fraintendiamo o non conosciamo del tutto. Non stiamo parlando solo di hacker e virus, ma anche di truffe, cyberbullismo e tentativi di phishing. Cosa si può fare dunque? Oltre ad installare antivirus sui vostri dispositivi e su quello dei vostri figli, ci sono altri consigli utili che potete seguire per evitare di cadere in trappole informatiche. A partire dall’educazione digitale, di cui si stanno occupando associazioni, polizia postale e anche esperti di cybersecurity.

1. Educazione digitale e giusti esempi

Prima di passare agli strumenti e alle tecniche giuste da seguire, bisogna pensare anche al modo in cui usiamo i dispositivi smart e la rete: quanto tempo passiamo davanti allo smartphone? Cosa pubblichiamo sui social? Che importanza diamo al giudizio virtuale? Fissate degli orari e dei modi di utilizzo di smartphone e tablet insieme, mostrate ai vostri figli come utilizzate internet e per quali ricerche possono utilizzare le risorse in rete, spiegategli il mondo dei social e accompagnateli anche in questo percorso, capendo insieme perché un’amicizia vera è più importante di un like virtuale.

2. Diversi tipi di siti

Non esistono solo siti sicuri e affidabili e la rete nascosta o dark web. Esistono anche siti tranquillamente visitabili che però nascondono delle insidie. Per questo Google e altri browser hanno iniziato a segnalare questi siti come ‘non sicuri’, bloccando le connessioni e avvertendo l’utente del pericolo. A questo proposito controllate sempre che la connessione che state instaurando con il sito sia protetta (il famoso lucchetto verde di Google e il protocollo https).

3. Capire il pericolo

I malware, ovvero i software malevoli sono di diverso tipo e possono causare diversi danni. Prima di tutto però bisogna capire che pericoli corriamo:

  • Furto di dati personali. Non fornite mai dati sensibili a sconosciuti e soprattutto mai fornire indirizzo di casa o cellulare privato se siete minorenni e se il sito non è autorizzato (registrazione scolastica o banca…).
  • Non condividete tutto online ma pensate bene alle foto che postate e a chi le fate vedere: una volta in rete difficilmente possono essere recuperate
  • Attenzione alle chat e a i forum: mai dare appuntamento a sconosciuti.

4. Conoscere la propria impronta digitale

L’impronta o ombra digitale sono le tracce che lasciamo online tutte le volte che ci registriamo ad un servizio, che visitiamo un sito, che condividiamo un post sui social. Più dati diffondiamo, più tracce lasciamo più siamo vulnerabili. Per questo è importante decidere insieme ai nostri figli che cosa è giusto visitare, come vogliamo usare internet, perché vogliamo farlo (è un gioco, è un social?) e che dati fornire alla rete stessa.

5. Usare password e strumenti per difenderci

Non dimentichiamo poi di usare gli strumenti giusti: oltra ad un antivirus, installate anche un adblocker sul vostro browser e usate password forti. Un altro strumento molto valido che potete usare è una virtual private network, ovvero un sistema che protegge l’intera connessione rendendovi invisibili a terze parti mentre navigate. Esistono anche VPN in prova gratuita così da poter testare questo metodo di protezione.