@trentaminuti > Costume e società > Docenti Diritti Umani > Mobilità nella scuola: aumentare il numero dei rientri dei docenti

Mobilità nella scuola: aumentare il numero dei rientri dei docenti

Il Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani richiede di incrementare il numero dei docenti da coinvolgere nell’ordinanza sulla mobilità nella scuola, e di attuare misure per garantire la salvaguardia dei rientri.

Mobilità nella scuola: aumentare i numeri dei rientri dei docenti

Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani, vista la pubblicazione dell’Ordinanza che disciplina la mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. per l’anno scolastico 2020/21 ha inoltrato una richiesta in cui chiede al ministro Lucia Azzolina e al premier Giuseppe Conte, in considerazione della situazione di emergenza in cui versa il nostro Paese, di mettere in campo azioni concrete per permettere il veloce rientro nel proprio comune di residenza dei tanti docenti assunti dalla Buona Scuola e già da cinque anni sparsi senza alcuna logica nelle varie regioni italiane.

Insegnati da troppo tempo lontani dalle famiglie

Molti insegnanti già da un mese sono completamente divisi dai propri cari, vivendo situazioni drammatiche e al limite della sopportazione. La scuola è un settore di importanza fondamentale per la società e gli insegnanti di ruolo dovrebbero acquisire facoltà reale di ricongiungersi con i propri familiari dopo tanti anni di sacrifici.

Il CNDDU ritiene fondamentale il superamento dei meri valori numerici determinati dalle percentuali della normativa e in ragione della situazione attuale di  provvedere individuare al più presto una soluzione idonea. L’hashtag è #UNIRELEFAMIGLIE.

Sull’argomento: Mobilità Scuola 2020/2021: la proposta dei docenti