@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Niccolò V al secolo Tommaso Parentuccelli: breve biografia del Papa umanista

Niccolò V al secolo Tommaso Parentuccelli: breve biografia del Papa umanista

Niccolò V al secolo Tommaso Parentuccelli: breve biografia del Papa umanista

Quando il 6 marzo del 1447 il Cardinal Capranica, al termine del Conclave tenutosi nella Chiesa di Santa Maria sopra Minerva, vide il risultato della votazione che conferiva la tiara papale ad un povero prete nominato cardinale nemmeno tre mesi prima, non credette ai suoi occhi e chiese pertanto un nuovo conteggio delle schede.

Tommaso Parentuccelli, eletto Pontefice, assume il nome di Niccolò V

Ma di errori non ce n’erano ed il nuovo Papa, che assunse il nome di Niccolò V in onore del suo antico precettore, era proprio quell’omino dalla figura scarna e fragile, pallido di carnagione ed all’apparenza tanto più vecchio dei suoi cinquant’anni d’età.

Si chiamava Tommaso Parentuccelli ed era nato a Sarzana nel 1397. Figlio di un medico, era rimasto orfano di padre in giovane età e pertanto la madre l’aveva mandato a studiare a Bologna, sotto l’ala protettrice del Cardinal Niccolò Albergati, presso il quale il nostro avrebbe vissuto per circa vent’anni, abbracciando la carriera ecclesiastica e seguendolo anche a Firenze, durante un’importante missione diplomatica.

Giovane dall’intelletto vivace, curioso e capace di faticare sui libri, il nostro proprio nel capoluogo toscano avrebbe trovato l’ambiente giusto per coltivare quanto più gli stava a cuore: lo studio delle lettere classiche in compagnia del circolo di letterati, umanisti e letterati di prim’ordine che componeva la ristretta cerchia di amici di Cosimo de’ Medici, futuro “Pater Patriae” della splendida Firenze medicea.

La cultura di Niccolò V: “ciò che ignora, sta al di fuori dell’umana scienza” (Piccolomini)

In tempi in cui di libri ce n’erano pochi il Parentuccelli si distingueva per capacità mnemoniche, riuscendo a mandare a mente intere opere filosofiche e componimenti poetici. Di lui scrisse l’amico Enea Silvio Piccolomini, futuro Pio II: “Ciò che ignora, sta al di fuori dell’umana scienza”. Come bibliotecario di Cosimo de’ Medici il futuro Pontefice mise insieme un discreto gruzzolo personale, occupandosi fra l’altro della risistemazione dell’immensa biblioteca del Convento di S. Marco. Alla morte del suo antico protettore, il Card. Albergati, ne prese il posto come Vescovo di Bologna ed in qualità di legato papale girò in lungo ed in largo per l’Europa, allargando il proprio giro di conoscenze personali.

Alla morte di Eugenio IV, se fino ad allora il Papa lo avevano scelto più o meno le fazioni politiche o le potenze straniere, con Niccolò V in modo del tutto inaspettato fu l’Umanesimo a salire sul soglio di Pietro e non per nulla letterati, poeti ed artisti salutarono in lui l’avvento di un’era nuova, in cui a prendere il potere erano la virtù e la sapienza. Stupefatto per la sua stessa elezione, il Petruccelli scrisse ad un amico: “Confonderà la superbia l’essere diventato Papa un semplice campanaro, un buono a nulla”.

Potrebbe interessarti: Le guardie svizzere, l’esercito del Papa: breve storia

La corte di Niccolò V composta da insigni umanisti

Ebbene quello speciale “campanaro”, mettendo da parte gli alti prelati, si circondò di una corte d’umanisti di prim’ordine: a Lorenzo Valla (fino ad allora mai tenero coi preti) affidò la traduzione in latino di Tucidide, a Guarino di Verona quella di Strabone ed infine a Niccolò Perotti quella di Polibio. Il Filelfio, più fortunato di tutti, per la versione latina dei poemi omerici ottenne una splendida casa con annesso giardino nel bel centro di Roma.

Durante i suoi numerosi viaggi il novello Papa si faceva accompagnare da una serie di letterati, coi quali amava recitare i Carmi di Catullo e le Metamorfosi di Ovidio, intanto che alla sera si chiudeva nella propria stanza a rileggere (e talvolta correggere) le traduzioni che nel frattempo gli venivano portate, rilegandole poi in un bel libro di velluto rosso.

Le opere di urbanizzazione a Roma di Niccolò V

Ben presto la notizia che Roma aveva un Papa senza pari per intelligenza e cultura si sparse per ogni dove, guadagnandogli simpatie universali, tanto più che di quella città tanto decaduta si prese cura in prima persona, non solo ordinando la riparazione di mura, chiese pericolanti e palazzi, ma anche facendo costruire nuove strade, fognature, ponti ed acquedotti.

Ai migliori architetti dell’epoca, ed a Leon Battista Alberti in particolare, affidò la sistemazione delle Basiliche papali ed al Beato Angelico fece decorare le Stanze Vaticane, in cui l’artista per riconoscenza ritrasse il nostro nelle vesti di Papa Sisto II. Per finanziare il tutto si servì degli ingenti fondi raccolti durante il Giubileo del 1450, che per Roma rappresentò un successone in termini d’affluenza dei pellegrini.

In campo religioso riuscì con pazienza ed acume politico a risolvere l’ultimo scisma d’Occidente, inducendo l’antipapa Felice V a deporre la tiara nel 1449. Si rese anche protagonista nel 1452 dell’ultima fastosa incoronazione imperiale che Roma vide nella sua storia plurimillenaria: quella di Federico III d’Asburgo.

Le ombre sul pontificato di Papa Niccolò V

Due ombre però offuscarono gli otto anni del suo pontificato, andando ad incupire il suo umore: la caduta di Costantinopoli in mano ottomana nel 1453 ed una congiura ordita ai suoi danni da un manipolo di repubblicani capitanati da Stefano Porcari, subito smascherati e mandati a morte. Questo avvenimento in particolare amareggiò molto il Papa perché, nella visione ideale di quell’uomo convinto che lo spirito si potesse elevare solo con la contemplazione del bello e la riflessione sul sublime, la violenza non trovava spazio.

Con lui per la Chiesa si era conclusa l’età delle lotte e si apriva quella dei trionfi, fatti di bellissime forme ed immagini in continuità con lo spirito classico. I primi germogli della splendida Roma rinascimentale sbocciarono dunque con questo piccolo-Grande Papa Umanista che con liberalità innalzò monumenti e creò istituzioni destinate a durare per secoli.

La morte di Tommaso Parentuccelli

Quando il 24 marzo del 1455, universalmente compianto, passò a miglior vita, fu sepolto nelle Grotte Vaticane in un disadorno sepolcro sul quale però compare ancora la sua figura scolpita, caratterizzata da un volto scarno e dalle labbra appena smosse in un accenno di sorriso, tipico dello studioso che, dopo aver trascorso notti insonni su un manoscritto, ha finalmente trovato quel che cercava.