@trentaminuti > Costume e società > Eutanasia > Olanda: non solo eutanasia! allo studio la legge sul suicidio assistito

Olanda: non solo eutanasia! allo studio la legge sul suicidio assistito

Eutanasia

Non solo si potrà accedere all’eutanasia senza i problemi posti in altre Nazioni ma in Olanda, paese all’avanguardia sulle tematiche relative all’autodeterminazione della persona, il parlamento sta calendarizzando uno studio per varare una legge sul suicidio assistito.

La norma sarà valida non solo per i malati terminali che decidono di compiere l’ultimo passo, ma anche per coloro che, stanchi della propria vita, decidono di porvi fine. Ma con delle regole ben precise, naturalmente.

Andando per ordine, nel 2002 l’Olanda è stato il primo Paese al mondo a varare una legge che regolamenta l’eutanasia. Morire solo a certe condizioni, sotto stretto controllo medico e per malati terminali oppure afflitti da dolori insopportabili.

Forse sarà anche il primo paese a mondo a legalizzare il suicidio assistito. La proposta è venuta dai ministri della Sanità e della Giustizia olandesi, Edith Schippers e Ard van de Steur, con una lettera inviata in parlamento. Inutile dire che la proposta ha destato e desterà trambusto in Europa e nel resto del mondo.

La questione è strettamente etica e riguarda la possibilità di concedere e assistere le persone che vogliono morire anche quando non debbono morire a causa di una patologia.

Non solo eutanasia quindi. Il parlamento Olandese ha cominciato a studiare una proposta di legge per rendere effettivo il suicidio assistito.

Olanda: non solo eutanasia ma anche il suicidio assistito

Per chi è stata ideata questa proposta? Come si farà a decidere chi avrà diritto a pianificare la propria morte? Non c’è ancora chiarezza su questi temi. Gli anziani dovrebbero essere una categoria privilegiata, per così dire, in quanto chi vorrà suicidarsi, secondo gli olandesi, dovrà dimostrare di “aver completato la propria vita”.

Questa è una caratteristica tipica delle persone di una certa età, ma non solo. Completare la propria vita può essere una cosa legata ad altre circostanze non strettamente legate all’età. Sono infinite le mete della vita che un aspirante suicida potrebbe decidere di considerare traguardi. Per cui il dilemma si estende: qual è l’età in cui una persona potrebbe ritenersi tanto anziana da voler porre fine alla propria vita?
Se non si fissano delle regole ferree e strette potrebbero esserci degli eccessi.

Gli Olandesi stessi dicono che i dettagli devono ancora essere messi a punto e le regole definite ma la legge dovrebbe essere varata entro il 2017. Ora è il momento delle giuste perplessità e discussioni di natura medica e etica.