@trentaminuti > Storia > Personaggi della storia > Orazio: breve biografia e opere del sommo poeta

Orazio: breve biografia e opere del sommo poeta

Quinto Orazio Flacco

Il lucano Quinto Orazio Flacco, il più grande lirico dell’età augustea e, insieme a Catullo, di tutta la letteratura latina, nacque a Venosa l’8 dicembre del 65 a.C. Di famiglia umile, figlio di un liberto, riuscì grazie al suo talento poetico a risalire la scala sociale fino ad introdursi alla corte del “Princeps”, diventandone amico e, poco a poco, il cantore ufficiale della “Romanitas”.

Educato dai migliori istitutori dell’epoca nell’Urbe, dove giunse da ragazzo, fece il suo personale “Erasmus” universitario ad Atene, approfondendovi lo studio della filosofia con maestri quali il peripatetico Cratippo di Pergamo e l’accademico Teomnesto.

Dopo una giovanile infatuazione repubblicana che lo portò a militare nell’armata di Bruto e gli costò l’allontanamento forzato da Roma, passò a più miti consigli, così potendo rientrare in patria grazie ad un’amnistia politica.

Si presume che Virgilio in persona, in qualità di “sponsor”, l’abbia presentato a Mecenate, che poi a sua volta l’avrebbe introdotto presso Augusto, col quale Orazio seppe instaurare un rapporto di stima reciproca, mai scaduto nel servilismo.

Ai giovanili “Epodi”, scritti in un periodo di difficoltà personale ed economica, seguirono “le Satire”, poesie di tono discorsivo a sfondo morale, con tematiche molto diverse le une dalle altre: descrizioni di viaggi, incontri con seccatori, dialoghi immaginari, digressioni culinarie, osservazione critica e talvolta caricaturale dei difetti delle persone, quali avarizia, incontentabilità, auto-indulgenza, indolenza, lussuria ed altro ancora, il tutto per trarne un insegnamento basato sul buon senso e la quotidianità perché: “insuevit pater optimus hoc me, ut fugerem exemplis vitiorum quaeque notando” (“quel galantuomo di mio padre mi ha insegnato questo, a fuggire i vizi facendomi notare ognuno di essi con esempi concreti”).

Ed è proprio grazie a questa paziente ricerca e forma di auto-analisi che si può giungere alla “αυταρχία” (“autarchia”, autosufficienza) ed alla “μετριότης” (“metriotes”, moderazione), concetti ripresi a piene mani nella sua opera più famosa: le Odi.

Dello stesso autore potrebbe interessarti: L’imperatore Nerone: breve biografia e storia di uno tra i personaggi più crudeli del passato

Di stile elegante e calibrato, improntate all’idea di “brevitas” (“perché il pensiero scorra via e non si impacci con parole che appesantiscono le orecchie”) e “varietas” (“con un tono ora austero, ora giocoso, che sostenga la parte ora dell’oratore, ora dell’uomo di mondo”) il capolavoro della maturità di Orazio e di tutta la poesia lirica è rivolto ad un “tu” che può essere reale od immaginario, a seconda dei casi.

Punto centrale dell’opera è la coscienza della brevità e caducità della vita, che comporta la necessità di appropriarsi delle gioie del momento, senza però perdersi d’animo in caso di difficoltà o paure contingenti.

Infatti: “dum loquimur, fugerit invida / aetas: carpe diem, quam minimum credula postero”, cioè “mentre parliamo, sarà già fuggito maligno il tempo: approfitta di questo giorno, quanto meno possibile confidando nel prossimo”.

Potrebbe interessarti: Tiberio: biografia essenziale

Il saggio invero affronta quotidianamente, accettandolo, quello che gli riserva la sorte, di positivo o negativo, senza esaltarsi “in bonis”, ma nemmeno deprimersi “in malis”, perché grazie alla sua autosufficienza interiore sa mediare fra gli estremi opposti, trovando quel grado di giusto equilibrio che gli permette di vivere senza affanni.

L’esortazione al “carpere diem” non va dunque intesa come un banale invito al godimento ma, in Orazio come in Epicuro, come una presa di coscienza della fugacità del presente e delle nostre stesse persone (perché “pulvis et umbra sumus”, cioè “siamo polvere ed ombra”), con il conseguente consiglio di vivere sempre ogni giorno come se fosse l’ultimo, rinchiudendosi in caso di difficoltà nella confortevole corazza costituita dal piacevole ricordo delle felicità, anche minime, già vissute, piuttosto che nell’attesa di quelle che potrebbero non arrivare mai.

Ed allora, con il sommo Orazio, cerchiamo anche noi di “cogliere l’attimo” accontentandoci del nostro quotidiano, fosse anche un raggio di sole dopo la tempesta, un fiore di campo, la vista di un bel paesaggio o il sorriso di nostro figlio o della persona amata, perché nel frattempo “mentre parliamo già sarà fuggito malvagio il tempo”.