@trentaminuti > Storia > I serial killer famosi della storia > Oskar Dirlewanger, il sadico generale tedesco serial killer

Oskar Dirlewanger, il sadico generale tedesco serial killer

Oskar Dirlewanger, il sadico generale tedesco serial killer
Oskar Dirlewanger, il sadico generale tedesco serial killer

Molti sostengono che taluni uomini in guerra tirano fuori il peggio di loro stessi. Questa affermazione è sicuramente reale per come è andata la storia di Oskar Dirlewanger, il sadico soldato tedesco delle SS naziste, talmente crudele da essere considerato un efferato serial killer.

Gli storici sostengono che anche da civile avrebbe commesso di certo qualche aberrazione. Fuori da ogni dubbio è che ha ucciso, direttamente o indirettamente, centinaia di migliaia di persone tra uomini, donne vecchi e bambini. Lo ha fatto sia personalmente che per mano degli uomini che aveva al comando. Essendo crimini commessi durante la guerra, una stima esatta delle sue vittime risulta impossibile.

Perfino i suoi superiori di altri reparti si lamentarono del suo sadico comportamento, che dal punto di vista militare non aveva alcuna valenza. Uccideva per il gusto di uccidere Oskar Dirlewanger, e lo faceva in modo spietato, malvagio e immotivato tant’è che il suo nome è strettamente collegato ad alcuni dei peggiori crimini avvenuti durante il secondo conflitto mondiale. Poiché i serial killer uccidono per il gusto di farlo l’ufficiale tedesco rientra senza alcun dubbio nella categoria degli omicidi seriali.

Secondo wikipedia:

Dirlewanger è stato regolarmente descritto come una figura molto nota tra gli storici e i ricercatori, infatti Steven Zaloga l’ha descritto come un killer psicopatico ed un pedofilo, brutalmente sadico da Richard Rhodes, è stato definito un esperto in stermini e un appassionato di sadismo e necrofilia da J. Bowyer Bell, Bryan Mark Rigg ha affermato che Dirlewanger fu un sadico ed un necrofilo mentre nel libro SS: Hell on the Western Front viene descritto come l’uomo più cattivo delle SS. Secondo quanto afferma Timothy Snyder nei vari campi di battaglia della seconda guerra mondiale pochi poterono competere con la crudeltà di Oskar Dirlewanger.

Pur avendo agito durante il secondo conflitto mondiale con lo status di soldato, per i suoi gratuiti crimini commessi solo per colmare il suo piacere personale, Oskar Dirlewanger è annoverato tra i serial killer più famosi della storia.

Oskar Dirlewanger, il sadico generale tedesco serial killer

Il 15 giugno 1940 venne costituito il Wilddiebkommando Oranienburg (in seguito rinominato SS-Sonderbatallion Dirlewanger) e Oskar Dirlewanger reclutò per questo commando uomini precedentemente detenuti per bracconaggio (in quanto ritenne che i bracconieri fossero in possesso di abilità tali da renderli eccellenti esploratori), ma con il passare del tempo reclutò sempre più un crescente numero di criminali comuni, molti dei quali provenienti dai campi di concentramento, spesso detenuti per crimini gravi: stupratori, assassini e molestatori di bambini.

L’arruolamento nel reparto di Dirlewanger ufficialmente doveva servire come riabilitazione, ma in realtà diede la possibilità a questi uomini di continuare a delinquere senza doverne pagare le conseguenze. SS-Sonderbatallion Dirlewanger metteva in atto le peggiori rappresaglie, durante l’occupazione dei villaggi rinchiudevano in casa le persone e appiccavano il fuoco, chi riusciva a scappare, trasformato in torcia umana, veniva abbattuto a fucilate.

Un’altra orrenda tattica era quella di lastricare le strade d’accesso ai villaggi di mine e costringere gli abitanti, suddivisi in gruppi, a camminarci sopra. Non di rado i suoi uomini agivano a volto coperto per incutere più timore e per non farsi riconoscere.

Oskar Dirlewanger, il sadico generale tedesco serial killer

Le lamentele della Wehrmacht

Gli atti dell’unità furono oggetto di svariate lamentele da parte di ufficiali superiori della Wehrmacht, ma tali rimostranze finirono spesso inosservate o ignorate; nemmeno l’introduzione di misure disciplinari sortì risultati apprezzabili.

A metà del 1941, SS-Sonderbatallion Dirlewanger fu messo sotto il comando della SS-Totenkopfverbände e mandato nel Governatorato Generale, con compiti anti partigiani, agli ordini diretti di Himmler. Durante questo periodo l’unità venne coinvolta in numerosi casi di corruzione, stupro, strage indiscriminata e saccheggio, non mancavano nemmeno episodi di diserzione; tali atti arrivarono a disgustare il comandante delle SS del Governatorato Generale, Friedrich Wilhelm Krüger, le cui lamentele ebbero come risultato il trasferimento della Dirlewanger in Bielorussia nel febbraio 1942.

Oskar Dirlewanger, il sadico generale tedesco serial killer
Oskar Dirlewanger, il sadico generale tedesco serial killer

Oskar Dirlewanger: i suoi crimini in Russia

La condotta del reparto in Unione Sovietica, anziché migliorare, peggiorò ulteriormente e le atrocità diventarono quotidiane: si stima che durante le operazioni nel biennio 1942-1944 vennero dati alle fiamme 200 villaggi e uccisi 120.000 civili.

Alla fine della guerra Dirlewanger fu catturato dagli Alleati; il primo giugno 1945 dei soldati polacchi, inquadrati nelle forze di occupazione francesi, lo portarono alla prigione di Altshausen dove nei giorni successivi venne picchiato e torturato. Morì il 5 giugno 1945.

Fu seppellito il 19 giugno 1945 ma le autorità militari francesi mantennero il riserbo sull’avvenimento tanto che nei 15 anni successivi Dirlewanger venne avvistato in giro per il mondo, fino a che nel 1960 non ne venne esumato il corpo per provarne la morte.