@trentaminuti > Storia > Fatti ed eventi storici > Paolina Bonaparte: breve biografia della sorella di Napoleone

Paolina Bonaparte: breve biografia della sorella di Napoleone

Nata Bonaparte, la sorella di Napoleone è più conosciuta con il nome di Paolina Borghese. Il sunto della sua vita travagliata da passioni e amori fugaci.

Paolina Bonaparte: breve biografia della sorella di Napoleone

Il 20 ottobre del 1780 in una modesta casa di Ajaccio nasceva Paolina Bonaparte, sesta degli otto figli del patrizio Carlo Maria e di Letizia Ramolino. Rimasta orfana di padre a soli cinque anni, Paolina sbarcò a Tolone dalla nativa Corsica nel 1793 con la madre ed il resto del nutrito clan familiare, diventando presto, bella com’era, merce di scambio nella mani del sempre più potente fratello Napoleone, prima generale dell’Armata Repubblicana, poi primo Console ed infine Imperatore.

Paolina Bonaparte: il matrimonio con il generale Léclerc

Da lui fu concessa in sposa giovanissima all’amico generale Léclerc, comandante in capo dell’Armata d’Italia, del quale Paolina si innamorò tanto, ma non abbastanza da riservagli in esclusiva l’uso di quelli che lei chiama “i vantaggi concessimi dalla natura”, ossia quello che si diceva fosse il più bel corpo muliebre della Parigi di quei tempi, esaltato da una carnagione bianchissima, anche perché curata con lunghi e frequenti bagni nel latte d’asina, seguiti da docce di acqua gelida.

Paolina Bonaparte e le relazioni extraconiugali

Iniziò infatti a coltivare numerose relazioni extraconiugali, che sarebbero poi state una costante della sua vita: attori, pittori, musicisti, generali ed ussari avrebbero via via frequentato la sua alcova, equamente suddivisi fra francesi, italiani e stranieri di passaggio.

Dello stesso autore: Horatio Nelson e la battaglia di Trafalgar

La morte del marito, il generale Léclerc

Lo scandalo non tardò a scoppiare, per lo scorno del povero Léclerc, cui Napoleone impose di partire per l’isola di Santo Domingo, con la moglie ed il figlioletto Dermide nato nel frattempo, ufficialmente per sedarvi la ribellione capeggiata dall’ex schiavo nero Toussaint Louverture, ma col fine recondito di far chetare le acque. Le preponderanti forze francesi non tardarono ad avere la meglio sui rivoltosi, a costo però d’ingenti perdite umane, fra cui quella dello stesso Léclerc, deceduto sul finire del 1802 a seguito d’un attacco di febbre gialla.

La non inconsolabile vedova sulla via del ritorno in patria trovò subito conforto fra le braccia del generale Humbert, intanto che la salma del marito viaggiava in stiva, rinchiusa in una bara di legno chiaro.

Paolina Bonaparte: breve biografia della sorella di Napoleone
Paolina e Camillo Borghese

L’incontro con Camillo Borghese

Rientrata a Parigi, l’ancor giovanissima Paolina, a dispetto dell’urna contenente il cuore del marito defunto che si portava sempre appresso, riprese la vita frivola di sempre incontrando sul suo cammino Camillo Borghese, giovane principe di una delle più nobili e facoltose Casate romane. Bello, elegante e fascinoso nei suoi tratti mediterranei, Camillo aveva tutti i requisiti per piacere alle signore della Parigi bene, a patto però che non aprisse bocca.

Era allora che la sua scarsa istruzione, unita ad un’intelligenza men che mediocre, lo facevano apparire a seconda dei casi un tonto o un sempliciotto, facile preda dei tanti più furbi di lui che gli ronzavano attorno.

Se si trovava in esilio dorato a Parigi era proprio perché speditovi dal padre Marcantonio, disperato perché il figlio, nonostante vantasse fra i suoi avi Papa Paolo V oltre ad una nutrita schiera di Cardinali, durante l’occupazione francese di Roma del 1798 s’era fatto abbindolare, abbracciando la causa repubblicana.

Tuttavia, solleticato dall’idea di vedere la sua famiglia imparentata con quella d’un principe, Napoleone acconsentì di buon grado alle nozze della sorella con Camillo, raccomandandole di seguirlo a Roma con invito ad “adeguarsi agli usi e costumi di quella città” ed a rispettarlo come marito e come uomo.

Parole al vento, perché una volta giunta nell’Urbe Paolina iniziò ad annoiarsi, trovando sollievo ancora una volta nel passatempo abituale: gli amanti, frequentati durante le sempre più lunghe assenze del marito.

La morte del figlio Dermide

La prematura morte per un attacco malarico del figlioletto Dermide, di cui Paolina incolpò Camillo che aveva insistito per mandarlo a trascorrere l’estate nella calura di Frascati, a casa dello zio Luciano Bonaparte, guastò irreparabilmente i rapporti di coppia ed a nulla valse lo splendido regalo fattole dal marito, che nel 1804 incaricò l’artista del momento, il grande scultore Antonio Canova, d’immortalare la moglie seminuda come “Venere Vincitrice” in una meravigliosa statua di marmo bianchissimo, che all’epoca destò grande scandalo per il suo realismo.

Dal 1810 la separazione fra i due fu anche fisica, con Paolina sempre impegnata ad inseguire il fratello Napoleone in tutta Europa e persino nell’esilio all’Elba, e Camillo a rifarsi una vita accanto alla duchessa Lante della Rovere, nel suo palazzo di Firenze.

Dello stesso autore potrebbe interessarti: Giorgio III: biografia di un sovrano folle

La sepoltura di Paolina Borghese

Una parvenza di riconciliazione fra i due ci fu solo in extremis, in tempo però per consentire a Paolina una degna sepoltura nella Cappella Borghese, all’interno della Basilica romana di Santa Maria Maggiore. Là sotto, nella cripta di famiglia, la bara della “Venere dell’Impero” da allora riposa accanto a quelle del marito e di Papa Paolo V Borghese, ben strano destino per una donna che, in vita, si era sempre tenuta il più lontano possibile dal coniuge e dai preti.